Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Omicidio Loris, chiesta conferma della condanna
In primo grado dati 30 anni a Veronica Panarello 

È iniziata oggi, e proseguirà il 15 febbraio, la requisitoria della Procura generale di Catania che ha avanzato la richiesta di confermare la pena inflitta alla donna nell'ottobre del 2016. È accusata dell'omicidio del figlio Loris Stival e di averne occultato il cadavere

Redazione

Confermare la condanna a 30 anni di reclusione per Veronica Panarello. È la richiesta avanzata oggi dalla sostituta procuratrice generale di Catania, Maria Aschettino, nei confronti della donna accusata e condannata in primo grado per aver ucciso il figlio Loris Stival a Santa Croce Camerina, in provincia di Ragusa, il 29 novembre 2014. Il piccolo di otto anni sarebbe stato strangolato con delle fascette di plastica e il corpo lasciato nel canalone fuori dal paese. 

Il 17 ottobre del 2016 Panarello è stata condannata in primo grado dal Gup di Ragusa a 30 anni di carcere per i reati di omicidio e occultamento di cadavere. «È stata lei da sola, oltre all'evidenza, ad avere commesso senza pietà e pentimento il più innaturale dei crimini», ha scritto il giudice nelle motivazioni. Esclusa la predeterminazione. False sarebbero le dichiarazioni della donna che hanno chiamato in causa il suocero Andrea Stival, accusato di aver partecipato al delitto. «Inattendibile e falsa - scrive il Gup - la chiamata in correità del suocero», tanto da giustificare la «trasmissione degli atti alla Procura per calunnia nei confronti di Andrea Stival». 

Adesso la Corte d'Assise di Catania dovrà valutare la richiesta della procura generale. La requisitoria proseguirà il prossimo 15 febbraio con in aula il sostituto procuratore generale Maria Aschettino e il pm Marco Rota.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

La Sicilia dove l'acqua è un lusso

L'emergenza Messina è solo la punta dell'iceberg di un'Isola assetata: da Gela ad Agrigento. Dove fiorisce il mercato nero

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×