Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Regionali, urne chiuse: affluenza finale del 46,76%
Partecipazione al voto di poco sotto quella del 2012

Gli appelli al voto e la speranza di un'inversione di tendenza nella disaffezione nei confronti della politica si fermano davanti alla freddezza dei numeri. Ancora una volta, infatti, a rappresentare la maggioranza dei siciliani è il partito degli astensionisti. Uno scenario simile a quello di cinque anni fa. Tutti i dati dai nove collegi

Redazione

Cinque anni dopo, la prima riflessione sulle elezioni regionali non è cambiata. Oltre la metà dei siciliani degli aventi diritto non ha risposto agli appelli al voto. L'affluenza finale - registrata alla chiusura delle urne, decisa per le 22 - è stata del 46,76 per cento. Nel 2012, il dato conclusivo era stato del 47,41. 

La provincia in cui si è registrato l'afflusso maggiore è stata quella di Messina, con il 51,69 per cento, mentre il collegio con la percentuale più bassa è quello di Enna, con il 27,23 per cento. Queste le percentuali dalle altre province: Agrigento 39,6 per cento; Caltanissetta 39,83; Catania 51,58; Palermo 46,4; Ragusa 47,48; Siracusa 47,55; Trapani 45,43. Nel complesso sono state quasi 24mila le preferenze espresse in meno rispetto all'elezione dell'ottobre 2012. Il trend rispecchia il dato registrato alle 19.

Quella di oggi era una giornata attesa da molti. Per la prima volta, infatti, si è votata una composizione ridotta dell'Ars, che è passata da 90 a 70 scranni. Così suddivisi: Palermo ne avrà 16, Catania 13, Messina 8, Agrigento 6, poi seguono Siracusa e Trapani con 5, Ragusa con 4, Caltanissetta avrà 3 seggi, mentre 2 andranno alla provincia di Enna. La ripartizione avverrà con il metodo dei resti più alti, a cui potranno ambire le liste che a livello regionale avranno superato la soglia di sbarramento del 5 per cento.

Fin dalla mattina si è avuta l'impressione secondo cui ancora una volta sarebbero stati gli astensionisti la componente più ampia dell'elettorato. A dimostrazione di come la disaffezione nei confronti della politica sia un processo ancora in corso, nonostante fossero parecchi a confidare in un'inversione di tendenza. Queste valutazioni, tuttavia, adesso lasceranno spazio alle valutazioni sui risultati. Lo scrutinio inizierà alle 8 di domani, ma fino ad allora le riflessioni riguarderanno gli exit pollche vedono avanti di circa tre punti percentuali Nello Musumeci su Giancarlo Cancelleri. Più staccato al terzo posto il candidato di centrosinistra Fabrizio Micari, quarto Claudio Fava. Ultimo, come ampiamente previsto alla vigilia, Roberto La Rosa

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×