Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Cambiano e la scelta del Movimento 5 stelle
«Nelle altre coalizioni chi mi ha sfiduciato»

«Mi ha chiamato Cancelleri e mi ha detto: "Tu sei stato sindaco e conosci i problemi dei territori"». L'ex primo cittadino di Licata ci ha pensato su e poi ha detto sì. «È l'unica possibilità di cambiamento, volevo continuare in politica, ma andava capito in che forma e con quali compagni», dice intervistato da MeridioNews

Salvo Catalano

Foto di: Angelo Cambiano Pagina Facebook

Foto di: Angelo Cambiano Pagina Facebook

«Se avessi scelto per compagni di viaggio gli stessi che mi hanno sfiduciato con motivazioni farsa, avrei fatto parte del peggio della politica». Angelo Cambiano, ex sindaco di Licata e assessore designato agli Enti locali del Movimento 5 stelle, parla di «unica strada possibile per il cambiamento», quella del partito pentastellato che completa la terza casella della possibile giunta: dopo l'agronoma Federica Argentati all'Agricoltura, l'avvocato Giampiero Trizzino all'Ambiente, ecco il professore Cambiano agli Enti locali. Laureato in informatica e docente di matematica in diversi istituti professionali, il 36enne è stato prima vicesindaco della giunta guidata da Angelo Balsamo, poi eletto nel 2015 primo cittadino della sua città. In entrambi i casi a sostenerlo una coalizione di liste civiche di centrodestra. 

Cambiano, perché adesso ha scelto il Movimento 5 stelle?
«Volevo continuare in politica, ma andava capito in che forma e con quali compagni di viaggio. Certo, non potevo correre dalla stessa parte di chi mi ha sfiduciato. Era una cosa che bolliva in pentola, ne ho parlato a lungo con il gruppo che mi è sempre stato vicino, con gli ex assessori e gli ex consiglieri, perché non rappresento solo me stesso».

Da chi è arrivata la proposta?
«Da Giancarlo Cancelleri. Mi ha chiamato e mi ha detto: "Tu sei stato sindaco e conosci le problematiche dei sindaci e dei territori"».

E Di Maio? 
«Ho incontrato Cancelleri e Luigi Di Maio a Licata nei giorni successivi alla sfiducia, ma non se n'era parlato in quell'occasione. C'era stato solo uno scambio di impressioni». 

È bastato poco per convincerla?
«Non era messa in conto questa strada, ma chi vuole impegnarsi in politica può seguire, nel corso del tempo, anche strade differenti. E il Movimento 5 stelle può davvero rappresentare il cambiamento».

Però il meet up di Licata non l'ha presa bene. E ha fortemente criticato questa decisione. 
«Non mi appassionano le polemiche di bassa lega». 

Il caso Bagheria - dove il sindaco del M5s Patrizio Cinque è accusato di violazione di segreto d'ufficio nella vicenda legata a un immobile abusivo di un parente - le crea difficoltà?
«È un argomento delicato su cui vanno evitate interpretazioni errate. Lunedì a Palermo in conferenza stampa chiarirò la mia posizione». 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×