Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Omicidio del panettiere, interrogati tre ragazzi
«Li ha cacciati, pretendevano di mangiare gratis»

Secondo le prime ricostruzioni, Sebastiano Sortino sarebbe stato ucciso stanotte per banali motivi. Avrebbe allontanato, forse con una pala da forno, tre giovani che lo avrebbero preso in giro. E che dopo lo hanno aspettato armati. «Andavano al panificio per prendere gratis pizzette e cornetti», racconta una vicina

Marta Silvestre

«Era una brava persona, soprattutto un gran lavoratore e un bravo padre di famiglia». Questa è la descrizione che di Sebastiano Sortino, 49enne panettiere ucciso questa notte a Floridia, fanno alcuni dei suoi concittadini.

Centinaia le persone davanti ai cancelli della locale caserma dei carabinieri dove si sta ancora svolgendo l’interrogatorio di uno dei tre ragazzi fermati, due dei quali minorenni. Bambini, adulti, anziani ma soprattutto adolescenti, tutti amici e parenti dei tre ragazzi. Chiacchierano a voce bassa, qualcuno piange, tutti assalgono le vetture dei carabinieri che entrano ed escono da quei cancelli, qualcuno li insulta pure.

Dai primi accertamenti svolti dai carabinieri di Floridia, coadiuvati dai colleghi di Siracusa, per ricostruire la scena del crimine e comprendere la dinamica dell’omicidio, è emerso che l’uomo è stato colpito all’altezza della spalla sinistra da un solo colpo di pistola che, recidendo l’aorta mammaria, si è rivelato mortale. Cinque i bossoli rinvenuti, invece, lungo la strada, non lontani dalla vettura della vittima. L'auto questa notte è stata ritrovata con il finestrino del lato guida abbassato e il lunotto posteriore infranto ed è al momento sotto sequestro. Un altro colpo ha raggiunto la saracinesca dell’internet point che si trova a uno degli angoli dell’incrocio in cui è avvenuto il delitto, fra via Boschetto e via Ugo Foscolo.

Sono ancora in corso le indagini per comprendere se l’omicidio è da inquadrare nell’ambito della criminalità organizzata o in quella comune. Intanto però le prime ricostruzioni sembrerebbero ricondurre l'omicidio a motivi banali. I tre giovani stanotte sarebbero andati al panificio dove sarebbe successo qualcosa, probabilmente una presa in giro, che ha portato il panettiere a minacciarli con uno strumento da lavoro. Allontanatisi i ragazzi, Sortino sarebbe salito a bordo della sua automobile, ma al primo incrocio li avrebbe trovati lì ad aspettarlo e sarebbe scattato l’agguato.

«La cosa andava avanti da un po’ di tempo – racconta a Meridionews una ragazza che lavora in una attività commerciale nei pressi del panificio Sortino e che conosceva bene il titolare –. Questi ragazzi andavano al panificio e pretendevano di mangiare gratis pizzette, rustici o cornetti per la colazione. Non so se è vero quello che raccontano – spiega – e cioè che lui avrebbe colpito uno di loro con una pala per la pizza per convincerli ad allontanarsi e non tornare più. Trovo strano un comportamento del genere da parte sua, perché era un uomo pacifico e gentile. Quella che non mi stupisce è invece la reazione di questi tre ragazzi, conosciuti in paese, in particolare uno di loro che è figlio di un pregiudicato che si trova attualmente agli arresti domiciliari».

Il sostituto procuratore Andrea Palmieri, che coordina le indagini, lunedì incaricherà il medico legale Francesco Coco di eseguire l’autopsia sul corpo del panettiere.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×