Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

La figlia di Totò Cuffaro supera prima prova per magistrati
«Una scelta che conferma la nostra fiducia nella giustizia»

Ida, la figlia dell'ex presidente della Regione Siciliana che è stato condannato per favoreggiamento aggravato a Cosa nostra, rientra tra il 5,7 per cento degli aspiranti giudici che hanno passato la prova scritta e sono stati ammessi agli orali

Redazione

La figlia di Totò Cuffaro è nella lista dei 220 candidati che hanno superato la prova scritta per il concorso in magistratura. «Sono orgoglioso di lei e della sua scelta di volere fare il magistrato», ha commentato l'ex presidente della Regione Siciliana che è stato condannato per favoreggiamento aggravato a Cosa nostra e rivelazione di segreto istruttorio. «Mia figlia magistrato è la sconfitta della mia sconfitta. La sua è la scelta più bella di legalità che testimonia la nostra ostinata fiducia nella giustizia», ha aggiunto all'agenzia di stampa AdnKronos

La figlia Ida, dunque, adesso, si sta già preparando ad affrontare la prova orale dopo essere rientrata tra il 5,7 per cento degli aspiranti giudici che sono ammessi allo step successivo nell'ultimo concorso in magistratura. I posti disponibili sono 310 e, dei 3797 candidati che si erano presentati, solo 220 sono stati ammessi all'orale. Tra loro c'è anche Ida Cuffaro. «So che lei non vorrebbe che io ne parlassi, non ama stare al centro dell'attenzione», ha aggiunto l'ex governatore che, in questi giorni, è tornato al centro delle cronache politiche e delle polemiche per le elezioni comunali di Palermo. Lui con la Nuova democrazia cristiana, insieme a Marcello Dell'Utri, sostiene la candidatura di Roberto Lagalla, l'ex rettore dell'Università di Palermo ed ex assessore all'Istruzione del governo di Nello Musumeci

Nei giorni del trentesimo anniversario delle stragi di Capaci e via D'Amelio, è stata anche la sorella Maria del giudice Giovanni Falcone a criticare questo endorsement: «È inaccettabile che in una città che per anni è stata teatro della guerra che la mafia ha dichiarato allo Stato e che ha contato centinaia di morti sia ancora necessario ribadire che chi si candida debba esplicitamente prendere le distanze da personaggi condannati per collusioni mafiose». A farle eco è stato anche Alfredo Morvillo, il fratello della magistrata Francesca Morvillo morta insieme a suo marito Falcone. «A trent'anni dalle stragi, la Sicilia è in mano a condannati per mafiaC'è chi strizza l'occhio a personaggi condannati. C'è una Palermo che gli va dietro, se li contende e li sostiene. Nessuno nega il diritto a Cuffaro di continuare a vivere e a fare tutto ciò che vuole, per carità, ha scontato la pena e nessuno dice che deve tornare in galera. Il problema non è lui, sono gli altri che lo corteggiano e lo inseguono». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×