Antincendio, Regione ancora alla ricerca dell’equipaggiamento per gli operai. E c’è chi ha lavorato con gli scarponi usurati

La cattiva prassi di inseguire le emergenze, anziché prevenirle, sembra continuare a caratterizzare le politiche della Regione. Stavolta – e non è il primo caso – ad attirare l’attenzione è una gara da poco più di un milione di euro indetta dal Comando del corpo forestale per acquistare gli equipaggiamenti da destinare agli operai stagionali del settore antincendio. L’appalto, che è stato indetto nei giorni scorsi e che consentirà alle ditte del settore di partecipare fino al 7 novembre, è stato presentato come procedura d’urgenza, così da consentire l’applicazione della riduzione delle tempistiche previste dal decreto Semplificazioni. Una definizione che stride con il periodo: la campagna antincendio, infatti, si è chiusa formalmente a metà ottobre e il problema dei roghi – nonostante la tragedia dei giorni scorsi a Linguaglossa – per larga parte è rientrato.

A tali osservazioni dall’assessorato al Territorio replicano sostenendo che, al netto della dicitura riportata nell’oggetto della gara, si tratterà di materiali che potranno essere utilizzati a partire dalla prossima campagna antincendio, il cui avvio è previsto in primavera. Scarponi, giacche, caschi hanno sì scadenze ma di diversi anni e quindi il problema non si porrebbe. A tenere banco è però una domanda: in che condizioni nei mesi scorsi hanno operato i forestali stagionali? Stando a quanto assicurato dalla Regione, tutto si sarebbe svolto in piena sicurezza, grazie alla dotazione già in possesso. Tuttavia, c’è chi la pensa diversamente: sia i sindacati, in questo caso la Flai Cgil, che i diretti interessati assicurano che non sono stati rari i casi di equipaggiamenti in cattive condizioni consegnati per intervenire tra i boschi in fiamme. Una prova di ciò arriva dall’Agrigentino, dove un forestale stagionale si è visto recapitare un paio di scarponi già usurati.

La vicenda dell’equipaggiamento riporta alla memoria la storia dell’appalto per acquistare i nuovi mezzi antincendio in sostituzione del parco macchine per buona parte vetusto. Da oltre due anni, la Regione cerca di entrare in possesso di una quindicina di autobotti e di un centinaio di autocabinati dotati di strumentazione adeguata. Tuttavia l’appalto, il cui valore supera i 20 milioni di euro, ha subìto diversi intoppi con bandi di gara ritirati in autotutela per via di strafalcioni e ricorsi al Tar che hanno rallentato l’iter. Il calvario sembra essersi interrotto a luglio scorso, con la determina in cui sono stati annunciati i vincitori. Ad aggiudicarsi la fornitura sono state la bresciana Bai Brescia Antincendi International e la catanese Comersud.


Dalla stessa categoria

I più letti

La cattiva prassi di inseguire le emergenze, anziché prevenirle, sembra continuare a caratterizzare le politiche della Regione. Stavolta – e non è il primo caso – ad attirare l’attenzione è una gara da poco più di un milione di euro indetta dal Comando del corpo forestale per acquistare gli equipaggiamenti da destinare agli operai stagionali […]

Giustizia per Emanuele Scieri

Catania archeologica, l`occasione mancata

In una nota protocollata al Comune etneo a metà gennaio l'associazione di piazza Federico di Svevia chiede di gestire il bene del XII secolo, abbandonato, per garantirne «a titolo gratuito e senza scopo di lucro, la fruibilità». Adesso interrotta dal cambio del lucchetto del cancello da cui vi si accede e dalle divergenze con uno degli abitanti, che risponde: «C'era il rischio per la pubblica incolumità»

I processi a Raffaele Lombardo