Il retroscena della gara revocata per i mezzi anticendio «Nel capitolato la firma di un potenziale partecipante»

Riuscire ad arrivare organizzati, una volta tanto, alla campagna antincendio. Fino a qualche mese fa, pareva un obiettivo raggiungibile ma adesso è compromesso. L’ennesimo esercizio provvisorio all’orizzonte, motivato anche dai rallentamenti del Covid, e soprattutto il patatrac che ha causato la revoca della gara d’appalto da 20 milioni di euro per l’acquisto di un centinaio di autocabinati e sedici autobotti complicheranno inevitabilmente la pianificazione delle attività della Regione. In seguito allo stop, una delibera del governo Musumeci ha modificato il procedimento amministrativo per gli interventi da finanziare con i fondi dell’Unione europea, disponendo che ad affiancare il Comando regionale del corpo forestale, che a sua volta aveva delegato le incombenze della gara alla Centrale unica di committenza, sia la Protezione civile regionale «in considerazione delle specifiche competenze istituzionali del dipartimento». Prima, però, bisognerà definire quali «saranno i profili di competenza in capo alle amministrazioni regionali coinvolte», con la conseguenza che la fornitura dei mezzi antincendio difficilmente sarà pronta per la prossima estate.

Nell’attesa di scoprire i tempi del nuovo bando – dopo che il precedente era stato fortemente criticato dai potenziali partecipanti per la ristrettezza dei termini entro cui fare pervenire tutta la documentazione richiesta – emergono altri dettagli circa i motivi che hanno portato il dirigente generale del Comando regionale del Corpo forestale Giovanni Salerno a revocare in autotutela l’intera procedura. Tra le criticità poste in luce ce n’è stata una che tira in ballo la modalità con cui sono stati redatti i capitolati tecnici dei due lotti. «Un operatore economico lamentava il fatto che nel capitolato veniva riportato come autore del file una ditta potenziale partecipante alla gara», si legge nel decreto di revoca.

Stando a quanto verificato da MeridioNews, sia il capitolato che descrive le richieste della Regione in merito alle specifiche tecniche che dovranno avere gli autocabinati che quello riguardante le autobotti da quattromila litri riportano tra gli autori del file Pdf la dicitura «iveco».

A chiedere chiarimenti al responsabile unico del procedimento Calogero Crapanzano è stato lo stesso dirigente generale con una nota del 12 novembre, a cui tre giorni dopo lo stesso Rup ha risposto ricollegando «l’inconveniente verificatosi a errore determinato da un’operazione di
copia-incolla di alcuni dati tecnici
riportati in una norma europea da un file reperibile sul sito del
Corpo nazionale dei vigili del fuoco». Dando un’occhiata ai motori di ricerca si trova un rimando a un file presente sul sito ufficiale dei pompieri. Il documento descrive i requisiti richiesti a livello europeo per i veicoli antincendio e richiama lo standard En 1846 preparato dal Cen, il comitato europeo per la standardizzazione. La relazione, di 17 pagine, è firmata da un ingegnere di Iveco Mezzi Speciali spa, società interamente di proprietà di Fca e tra i fornitori del comando nazionale dei vigili del fuoco. MeridioNews ha contattato per una replica l’ufficio stampa di Iveco, ma dall’azienda non sono arrivate risposte.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]