Antenna Sicilia, mobilità per 16 dipendenti su 23 «Non c’è un futuro per i giornalisti in questa città»

Era il 16 giugno del 1979. Pippo Baudo teneva a battesimo quello che per anni è stato il principale canale televisivo siciliano in termini di ascolti. Trentasei anni dopo il gruppo Ciancio annuncia l’avvio della procedura di mobilità per 16 dipendenti su 23, scelta che equivale alla chiusura di Antenna Sicilia. La notizia è arrivata due giorni fa, «hanno indetto una riunione l’altro ieri, siamo stati convocati per comunicazioni importanti», racconta Flaminia Belfiore, giornalista storica della testata. «Ci hanno detto che le soluzioni prese in questi sei mesi non hanno dato i frutti sperati, quindi siamo fuori. Solo che non ci aspettavamo che a pagare, per il momento, saremmo stati solo noi». Così come i 17 tecnici licenziati dall’emittente Telecolor – sempre del gruppo Ciancio – il primo giugno.

Le motivazioni sono racchiuse in una lettera consegnata ai 16 esuberi. «Si è deciso il netto ridimensionamento dell’attività di fornitore di contenuti con la soppressione di tutte le produzioni di programmi informativi, che rappresentano il centro di costo maggiore dell’attività – si legge nel documento – per mantenere esclusivamente l’offerta di televendite e di quei programmi commerciali il cui budget e la cui redditività siano state preventivamente assicurate dai committenti». Via i telegiornali, gli approfondimenti e anche lo storico programma Insieme. Spazio solo per telepromozioni e qualche replica, il minimo indispensabile a garantire la presenza tra i canali assegnatari di frequenza. Secondo i dati diffusi dalla proprietà i ricavi sono passati da sette milioni 700mila euro nel 2010 a quattro milioni e mezzo nel 2012, calo determinato dal progressivo azzeramento dei contributi regionali nello stesso periodo. Secondo le stime, i bilanci si assottiglieranno fino a toccare i tre milioni 700mila euro previsti per quest’anno.

Più o meno ufficialmente si attribuisce la crisi dell’impero messo in piedi da Mario Ciancio Sanfilippo anche a una stanchezza legata alle vicende giudiziarie dell’imprenditore e all’eventuale processo per concorso esterno alla mafia. Ma la situazione negli uffici di viale Odorico da Pordenone è tesa da mesi. E nemmeno il contratto di rete – una soluzione che ha unificato i dipendenti che lavoravano ad Antenna Sicilia, Telecolor e La Sicilia multimedia – è servita a migliorare i conti. 

«Annientato anche il settore tecnico», spiegano a una voce i dipendenti. «Abbiamo ricevuto la stessa lettera, dove spiegano che hanno mantenuto il minimo indispensabile per i servizi esterni». Nessuna speranza in una soluzione alternativa, la strada sembra tracciata: «Hanno annientato Antenna Sicilia». Difficile che la proprietà opti per la cassa integrazione, impossibile sperare nella cassa in deroga che dipende dalle disponibilità economiche della Regione. E così i ritardi nei pagamenti sono diventati una costante. «Lo stipendio di aprile è stato saldato la settimana scorsa», precisa la giornalista. 

«La sensazione è che si sia navigato a vista – racconta Belfiore – Sono stati sei mesi stressanti». Cambi di orari, edizioni di telegiornali soppresse, stravolgimenti nelle modalità di lavoro. E poi l’unificazione con quello che era il diretto concorrente, il tg di Telecolor, sul quale lo spettro della crisi aleggia da anni. «Ci hanno detto: “Da oggi lavorerete assieme”. Ma non abbiamo colto il senso di questa unificazione». Poche settimane fa il contrordine: Telecolor cambia ancora una volta ufficio, «ma era un telegiornale uguale da due sedi diverse». Tutti segni, secondo la giornalista, di «una mancanza di una gestione imprenditoriale chiara. Come mai non ci si rendeva conto che la locomotiva stava andando a sbattere contro il muro?», si chiede. 

«Io, in fondo, sono anche vicina alla pensione – riflette Flaminia Belfiore – È come vedere un malato terminale, è finito l’incubo». Difficile capire quale sarà la sorte dei compagni di lavoro più giovani. «Sono affranta per loro – afferma – È gente che si è appena sposata, che vorrebbe avere figli. Persone segate nel bel mezzo della loro vita professionale. Non pagano i manager, non pagano i direttori. Pagano i miei colleghi». E conclude: «Non c’è un futuro per i giornalisti in questa città». 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Via i programmi di informazione, spazio solo per televendite e repliche. I ricavi sono scesi in cinque anni di quattro milioni di euro, da qui la decisione del gruppo Ciancio. Ma secondo Flaminia Belfiore, volto storico del tg, a mancare è stata una chiara gestione imprenditoriale. «Non ci si rendeva conto che stava per sbattere contro il muro?»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]