Fonte foto: Ciclopino Giuseppe - Facebook

Angelina Mioccio, storia della mummia con l’abito da sposa. Il Comune di Catania valuta l’esproprio della cappella

Una storia rimasta avvolta nel mistero. È quella di Angelina Mioccio. Giovane, ormai da un centinaio di anni custodita all’interno di una nobile cappella gentilizia nel cimitero di Catania, diventata protagonista di numerosi racconti. Quello che sappiamo, tuttavia, è molto frammentario, come confermano gli uffici che seguono il caso in questione. «Tra fine giugno e inizi luglio il sindaco Enrico Trantino ha chiesto di intervenire in quanto la cappella è continuamente vandalizzata», spiega a MeridioNews l’assessore ai servizi cimiteriali Giovanni Petralia. In corso ci sarebbe anche una procedura di espropriazione con la necessità di mettere in sicurezza la bella Angelina (così soprannominata da alcuni) in quanto la tomba versa in condizioni di pericolo da un punto di vista strutturale.

In merito ad Angelina, pare che già da anni non ci siano notizie sui suoi parenti e l’unico erede rimasto si troverebbe a Milano. «Tuttavia non mostrano alcun interesse e dipende da loro la messa in sicurezza o il Comune andrà avanti con l’espropriazione». Tale procedura rientra nel contesto dell’opera di censimento del municipio che, a partire da settembre, analizzerà tutti i casi simili nel campo santo catanese, con particolare attenzione nei confronti di storie di abbandono o trascuratezza alle spalle. Una situazione che impatta sulle spese poiché, come fa notare Petralia, «il Comune alla fine deve riqualificare le tombe a spese proprie con interventi a perdere e sono molte quelle abbandonate a se stesse».

«Fate quello che volete», queste sarebbero le intenzioni trapelate dall’ultimo contatto con i parenti della donna come racconta l’assessore che, tra l’altro, evidenzia l’incertezza sul da farsi: «Una volta terminato l’esproprio, considerate anche le tempistiche molto lente, si deciderà se lasciare in vita la parte monumentale. Se la espropriamo – conclude – possiamo mantenerla e salvaguardare il valore storico in quanto cimitero monumentale». Nel corso del tempo in tanti hanno provato a cercare di fare chiarezza sullo stato di abbandono della mummia. Tra questi anche il blog Melior de cinere surgo – Obiettivo Catania che, lo scorso giugno, ha scritto un post nella propria pagina Facebook con il tentativo di «sensibilizzare le istituzioni per dare dignità alla povera Angelina».

Cosa sappiamo di Angelina Mioccio

Tra miti e leggende, la storia della donna ha sempre catturato l’attenzione nel corso del tempo. Un caso su cui non sappiamo molto come conferma a MeridioNews il responsabile della Gestione servizi cimiteriali e funebri Paolo Romano. Difficoltà non superabili, nonostante gli archivi presenti, anche nel trovare delle informazioni riguardanti la vita di Angelina. Uno dei nodi principali sarebbe quello legato alle distanze temporali poiché la donna sarebbe morta dopo essersi suicidata nel 1911 dal castello di Leucatia, struttura che il padre avrebbe fatto costruire in onore delle nozze. Un matrimonio combinato, voluto da quest’ultimo ma non dalla figlia che si sentiva costretta a sposare un avvocato dieci anni più grande di lei e a dovere allontanare Alfio, un parente di bassa estrazione sociale di cui era invece innamorata. Alfio pare sapesse del matrimonio in vista ma, lavorando per il padre di Angelina, non si sarebbe opposto per paura di perdere il lavoro. Per tale ragione Angelina, che ai tempi aveva 18 anni circa, avrebbe deciso di suicidarsi. In seguito, i genitori l’avrebbero imbalsamata per omaggiarne la sua bellezza in eterno vestendola con l’abito da sposa. Per anni e anni la mummia è stata fonte di attrazione venendo esposta in una teca di vetro all’interno della cappella, ora non accessibile.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Una storia rimasta avvolta nel mistero. È quella di Angelina Mioccio. Giovane, ormai da un centinaio di anni custodita all’interno di una nobile cappella gentilizia nel cimitero di Catania, diventata protagonista di numerosi racconti. Quello che sappiamo, tuttavia, è molto frammentario, come confermano gli uffici che seguono il caso in questione. «Tra fine giugno e […]

Una storia rimasta avvolta nel mistero. È quella di Angelina Mioccio. Giovane, ormai da un centinaio di anni custodita all’interno di una nobile cappella gentilizia nel cimitero di Catania, diventata protagonista di numerosi racconti. Quello che sappiamo, tuttavia, è molto frammentario, come confermano gli uffici che seguono il caso in questione. «Tra fine giugno e […]

Una storia rimasta avvolta nel mistero. È quella di Angelina Mioccio. Giovane, ormai da un centinaio di anni custodita all’interno di una nobile cappella gentilizia nel cimitero di Catania, diventata protagonista di numerosi racconti. Quello che sappiamo, tuttavia, è molto frammentario, come confermano gli uffici che seguono il caso in questione. «Tra fine giugno e […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]