Anche i fumatori piangono

Ebbene sì: la legge antifumo, tanto invocata dai non fumatori, è diventata operativa alle 00.01 del 10 gennaio 2005. In molti, a partire da questo momento, si è scatenata una sorta di curiosità morbosa nel sapere se effettivamente questa legge, tanto austera e ineluttabile, venga rispettata o meno da parte del popolo dei fumatori, naturalmente contrario.

A dieci giorni dal via al divieto, siamo andati in giro per Catania, nei pub, nei ristoranti, nelle pizzerie, per verificare la reazione dei catanesi, restii di solito ad accettare norme così restringenti, avendo connaturato geneticamente uno spirito per così dire “libero” quanto a rispetto della legalità.

Come ci aspettavamo, la legge, nelle sue prime battute, viene rispettata eccome; vige la massima ottemperanza, e dentro ai locali si respira un’altra “aria”, sia in termini fisici, sia in termini di stato d’animo dei fumatori, certamente infastiditi dal divieto, ma ligi alla sua osservanza. Il timore di eventuali multe che a Catania ha già visto, come sfortunato protagonista, un dipendente del teatro Sangiorgi, pizzicato da un carabiniere con in mano una sigaretta accesa.

La nostra indagine si è focalizzata in particolare su un locale “cult” del popolo catanese: lo Stags head.
La confusione e il movimento non mancano di certo, a dispetto di coloro che sostenevano che tale norma avrebbe disincentivato l’afflusso nei locali, non certo in Sicilia e soprattutto a Catania, patria siciliana del divertimento.

L’unica differenza che si nota a colpo d’occhio e di naso, è l’assenza di quella coltre nebulosa e maleodorante che ti avvolgeva all’entrata per accompagnarti fino al tuo rientro a casa.

“Finalmente una situazione tollerabile”, a detta di molti, in particolare di alcuni gruppi musicali che loro malgrado, erano costretti a respirare quell’aria torbida per un pugno di euro.

Va spezzata una lancia comunque a favore dei fumatori che, non disponendo di apposite aree attrezzate, per la negligenza o l’impossibilità dei gestori, non possono far altro che stazionare all’esterno e sfidare i rigori dell’inverno pur di fumarsi la loro bionda tanto amata.

In Sicilia solo 25 locali pubblici dispongono di una sala fumatori prevista dalla legge Sirchia. Si tratta soprattuto di ristoranti, e in testa c’è la provincia di Palermo con 6 locali, seguita da Catania e Caltanissetta con 4, Messina con 3, Agrigento, Ragusa e Siracusa con 2 e, infine, Enna e Trapani con uno.

Secondo i dati forniti dalla Fipe, la federazione italiana dei pubblici esercizi della Confcommercio, solo appena 20 gestori di locali si appresterebbero a colmare questa lacuna: 8 a Catania, 3 a Palermo e a Trapani, 2 a Enna e Ragusa, uno ad Agrigento e Siracusa.

Il presidente regionale della Confesercenti, Giovanni Felice afferma che il processo subirà presto un’accelerazione fino ad arrivare a un 10-15% di locali con sala fumatori, mentre per gli altri casi si parla invece di  “operazione costosa e strutturalmente impossibile”.
Tanti sono stati i blitz promossi dal Codacons, che però hanno accertato pochissime infrazioni, ulteriore conferma che per il momento a Catania si rispetta la normativa.

Sono previsti ulteriori blitz da parte dei cosiddetti “smokebuster”, tesi ad accertare che il rispetto non sia figlio dell’onda emozionale dei primi giorni di divieto, bensì un fenomeno perdurante.
A tal proposito il Codacons ha istituito presso le sedi provinciali della Sicilia nove «sportelli anti-fumo passivo» attraverso i quali i cittadini potranno denunciare i locali che non rispettano le nuove norme.

A questo punto alcune domande nascono spontanee: tale osservanza della normativa continuerà col passare del tempo oppure subirà un lento declino come è solito notare dalle nostre parti? Quanti locali si attrezzeranno con salette per i fumatori?
In attesa di dare più in là queste risposte una cosa è certa: i tempi sono duri, ma per i fumatori lo sono ancora di più.

www.lasicilia.it
www.codacons.it
www.confesercenti.it


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]