Anas, mazzette per risparmiare anche sui guard rail Patto tra funzionari e ditte. Pm: «Indagine va avanti»

La storia è sempre quella, ma i protagonisti aumentano. E nessuno di loro può essere definito eroe. Il terzo capitolo dell’inchiesta Buche d’oro ha portato in carcere altre sei persone. Cinque di loro sono imprenditori, uno – Giorgio Gugliotta – è un funzionario del centro direzionale Anas di Catania. Il luogo dove, stando a quanto portato alla luce dai militari del Nucleo economico finanziario, per anni si è annidata un livello di corruzione che avrebbe risparmiato pochi. Perlomeno per quanto riguarda i dipendenti che lavorano nel settore delle manutenzioni. 

Il nome di Gugliotta, che da poco più di un’ora è nel carcere di piazza Lanza dopo essere stato arrestato all’alba nel blitz che MeridioNews ha seguito in diretta, si va così ad aggiungere a quelli di Giuseppe Romano, Antonino Urso, Riccardo Contino, Giuseppe Panzica e Gaetano Trovato. Sono loro le figure che, per anni, avrebbero preso mazzette dagli imprenditori aggiudicatari degli appalti sulle strade della Sicilia Orientale. Un rapporto, quello con i privati, che sarebbe stato comunque paritetico: se i funzionari si garantivano profitti illeciti capaci di superare i già importanti stipendi che Anas paga mensilmente, le imprese si sarebbero garantite la possibilità di operare in difformità rispetto ai capitolati. Ottenendo di fatto la possibilità sia di aggiudicarsi le gare potendo presentare ribassi elevati in fase di partecipazione sia risparmi da intascarsi. L’unico a perderci, secondo la ricostruzione fatta dalla procura, era lo Stato. 

A essere incastrati, questa volta, sono stati Amedeo Perna della società milanese Ifir Tecnologie Stradali srl; il santantonese Orasio Santo Torrisi, titolare della Sicilverde; Giuseppe Ciriacono della Ital Costruzioni Group srl; Vincenzo Baiamonte della Safe Roads srl e successivamente dipendente della ditta di Salvatore Truscelli, imprenditore con un ricchissimo portfolio di lavori legato ad Anas già arrestato in occasione del secondo blitz. A loro si aggiunge Pietro Matteo Iacuzzo. Titolare della Isap srl, per lui il gip ha deciso un aggravamento della misura cautelare, e così dai domiciliari è stato trasferito in carcere.

Secondo quanto ricostruito dagli uomini del Nucleo economico-finanziaro, funzionari e imprenditori avrebbero lucrato non solo sui lavori di rifacimento della pavimentazione delle strade, ma anche su altri interventi. Come la sostituzione delle barriere laterali. I guard rail, in alcuni casi, non sarebbero mai stati cambiati. Questo paradossalmente non avrebbe sempre comportato una riduzione della sicurezza per gli automobilisti. «In alcuni tratti i guard rail erano in buone condizioni, eppure venivano segnalati come da sostituire così da aumentare l’importo a base d’asta e garantire alle parti maggiori guadagni», ha spiegato il maggiore delle fiamme gialle Sebastiano Di Giovanni. 

I finanzieri hanno analizzato nel complesso gare per quattro milioni di euro. Cifra dalla quale i funzionari e gli imprenditori avrebbero ricavato un risparmio di mezzo milione, da spartirsi con la formula già emersa nei mesi scorsi: due terzi alla ditta che svolgeva i lavori, la parte restante ai dipendenti infedeli. Che a loro volta avrebbero distribuito le prebende tra coloro che avevano avuto un ruolo nella gestione dei controlli sul cantiere. «Da qualche tempo va detto che Anas ha praticamente azzerato la composizione di quegli uffici – ha detto il procuratore capo Carmelo Zuccaro, riprendendo indirettamente quanto pubblicato in esclusiva da MeridioNews in queste settimane -. Ma resta comunque lecito chiedersi come mai non si sia intervenuti prima, davanti all’elevato numero di gare che venivano aggiudicate con ribassi così sospetti».

Bisogna ricordare che l’inchiesta Buche d’oro, che per stessa ammissione degli inquirenti è lontano dall’essere conclusa, riguarda la fase esecutiva dei lavori. Nulla al momento è emerso in merito a ipotesi di turbativa d’asta, anche perché in quel caso a indagare sarebbero altre procure. Le gare d’appalto, pur essendo confezionate partendo dalle indicazioni fornite dai funzionari etnei, si svolgevano tra Palermo e Roma.


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]