Amministrative, nei seggi elettorali è già caos  Presidenti e scrutatori non si sono presentati

Urne aperte in Sicilia a partire dalle ore 7 di stamattina. Il capoluogo è uno dei 120 Comuni dove i cittadini sono chiamati a votare per l’elezione del sindaco e del Consiglio comunale. A Palermo si è registrata una situazione di caos nella costituzione dei seggi a causa del forfait, all’ultimo momento, di presidenti e scrutatori. La prefettura è stata impegnata per tutta la notte nel tentativo di risolvere la situazione, con la nomina di sostituti per consentire il regolare svolgimento delle operazioni elettorali. Malumori sono stati segnalati in diverse sezioni: gli scrutatori erano stati convocati alle 16 di ieri per le operazioni preliminari che dovevano durare al massimo quattro ore e, invece, sono rimaste bloccate fino a notte.

«Da candidato alla carica di sindaco – ha scritto in una nota Ciro Lomonte – devo denunciare il collasso della macchina elettorale palermitana. Un collasso che non ha pari dalla caduta del fascismo. Ci sono sezioni ancora chiuse a un’ora e mezza dall’inizio teorico delle votazioni e gente che è rimandata a casa – ha aggiunto l’aspirante primo cittadino – La pessima gestione di Orlando non consente neanche di esercitare un diritto costituzionale ai nostri concittadini. Non posso fare altro che sollecitare magistratura e forze dell’ordine ad intervenire per un fatto così grave e inaudito». Il riferimento è all’attacco hacker che ha subito il sito del Comune nei giorni scorso e che adesso impedirebbe ai positivi al Covid di potere usufruire del voto a domicilio. «Molti palermitani sono stati rimandati indietro e non hanno potuto votare. Abbiamo già avvisato il Governo – fa sapere il candidato sindaco Fabrizio Ferrandelli – di quanto sta avvenendo che sta vigilando sulla costituzione di tutti i seggi, che man mano stanno aprendo. Sappiamo che è una situazione ingiustificabile e inaccettabile. Proprio per questo dobbiamo essere ancora di più ad andare a votare. Dobbiamo andarci tutti noi e dobbiamo convincere anche chi non voleva farlo: la democrazia popolare è più forte di qualsiasi cosa».

E, intanto, è anche l’assessore regionale al Territorio Toto Cordaro a fare una sorta di chiamata alle armi ricorrendo a un post pubblicato – intorno alle 9.30 di questa mattina, quando le urne avrebbero dovuto già essere aperte da oltre due ore – sulla sua pagina Facebook: «Mancano 38 presidenti di seggio nella città di Palermo. Chiediamo a chi è disponibile di recarsi adesso presso l’Ufficio elettorale del Comune per permettere a tutti i cittadini di votare». Ed è il commissario regionale della Nuova democrazia cristiana Totò Cuffaro a chiedere al prefetto «che i seggi rimangano aperti anche nella giornata di lunedì mattina per consentire a quante più persone di espletare il proprio voto e garantire così il rispetto di tale dovere e di tale diritto». 

Nei 120 Comuni siciliani che votano per eleggere i propri sindaci e per rinnovare i Consigli comunali e circoscrizionali i seggi saranno aperti dalle 7 alle 23. Oltre che per le Amministrative, si vota anche per i cinque quesiti referendari sul tema della giustizia. Lo scrutinio per i referendum abrogativi seguirà la chiusura dei seggi, quello per la tornata amministrativa inizierà invece alle 14 di domani.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]