Altro che Cipe!

Ammettendo che non sia morto sul colpo, con la bocca spalancata come nel grandioso Svegliati Ned di Kirk Jones, ora starà festeggiando. Chi?  Ma come chi? Il… fortunato che ha vinto 100 milioni di euro al Superenalotto; la vincita più alta in assoluto nella storia dei gran colpi di posteriore.
Si sa poco sull’identità del soggetto. Di certo c’è che il Viale Mario Rapisardi, a Catania, precisamente il numero 422 verrà, presto dichiarato luogo di culto. Con annesse acquasantiere in pietra lavica davanti alla ricevitoria Giunta.
 
Dopo sei benedettissimi mesi in cui questa sestina non si decideva ad uscire, tutta Italia era in fermento. Gente insospettabile, oneste madri di famiglia, bambinetti che per settimane hanno risparmiato su petardi e caramelle eran tutti lì a parlare di sistemi, probabilità e ‘mavarie’ possibili. Un’isteria collettiva insomma.
Ognuno esorcizzava come poteva, “Ma non sono troppi 100 milioni? Che poi non sai nemmeno come spenderli!”, “No ma io non li vorrei vincere… Troppe cammurrie!”.
Infatti, il fortunato possessore della schedina vincente, noi lo compatiamo tutti. Immaginiamo infinite telefonate da improbabili congiunti, per la serie “Ciao, quanto tempo! Ma ti ricordi la zia Peppina, la cognata della tua bisnonna, quella che abitava nel palazzo che faceva angolo col fruttivendolo dove andava a fare sempre la spesa la mia prozia? Eh, e quindi siamo praticamente parenti!”. Diamo per certo che da ogni albero, cespuglio, vaso di gerani spunteranno compagni di scuola, nemmeno si fosse fatto il liceo per 15 anni di fila.
 
Non basta. Dopo aver pensato a parenti, amici e vicini pettegoli, il fortunato vincitore dovrà fare i conti con la coscienza, rappresentata dalla più alta carica politica e morale di Catania: il Sindaco. Raffaele Stancanelli infatti, ha prontamente dichiarato: “Spero che il fortunato vincitore, così come avviene in altri Paesi, per esempio negli Usa, senta il dovere morale di fare qualcosa per la comunità”.
E lo sappiamo bene quale migliore opera di bene si possa fare, in questi giorni in cui ancora non si vede neanche l’ombra dei 140 milioni stanziati dal Cipe.
 
Anche perché, diciamocelo, se ha vinto, questo novello Paperon de’ Paperoni lo deve un po’ anche alla cabala della nostra città. È chiaro, lo si evince dai numeri. Allora, il 10 sono i fagioli, variante più comoda dei ceci su cui è stato inginocchiato il Sindaco nei momenti più bui del suo recente mandato. E da qui la grotta, il 74. Il 75 invece, è Pulcinella: il segreto dei conti in rosso del Comune, no? Senza dimenticare, ovviamente, l’omaggio alle amministrazioni passate: il vaso e i fiori (7 e 81) e la donna nuda (21). E poi, il lieto fine: la salvezza rappresentata dal 33, gli anni di Cristo, e la conseguente festa, con il numero 20.
 
Il nostro eroe si passi una mano sulla coscienza, quindi. Che poi, i riconoscimenti non mancheranno: può scegliere tra quelli equi e solidali, come una cucciolata intera di teneri cagnolini – che tanto ne abbiamo in più – o un addetto della Multiservizi completamente gratis a casa sua e senza spese, che tanto ci è abituato.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]