Alla riscoperta di un pranzo seduti al tavolo

Con il nuovo decreto del presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte, alcuni locali hanno riaperto per il pranzo. Restano valide le possibilità di asporto e consegne a domicilio per la cena. Ecco l’elenco selezionato per la rubrica Whatsapp in Sicily.

Borghetto Santa Caterina 
Catania, viale XX Settembre 62
Da domenica 6 Dicembre, Borghetto Santa Caterina riapre a pranzo, solo la domenica
Take Away: Dal giovedì al sabato dalle 19 alle 23 
Delivery: Dal giovedì al sabato dalle 19 alle 23. Ordina su foodys.it
Per info e novità visita la pagina facebook.

Vermut 
Catania, via Gemellaro 37/39
Aperto a pranzo tutti i giorni dalle 11 alle 18
Take Away: tutti i giorni dalle 18 alle 21
Per info e prenotazioni consulta la pagina facebook.

Verso Coffice 
Catania, via Monserrato 116
Aperti tutti i giorni dalle 8 alle 16 anche con consumazione sul posto.
Delivery: sempre attivo con foodys.it
Per info e prenotazioni consulta la pagina facebook.

Burgher Art 
Marina di Ragusa, piazza Duca Degli Abruzzi 12
Aperto tutti i giorni dal lunedì alla domenica dalle 12.30 alle 15.30 (martedì chiuso)
Take away e delivery: dalle 18 alle 22 
Per info e prenotazioni consulta la pagina facebook.

Locale
Palermo, via Francesco Guardione 88
Aperto tutti i giorni con consumazione sul posto dalle 12 alle 18
Delivery e Take away: tutti i giorni dalle 18 alle 23
Per info e prenotazioni consulta la pagina facebook.

Fratelli Burgio
Siracusa, piazza Cesare Battisti 4
Consumazione sul posto tutti i giorni dalle 8 alle 15.30 
Effettua tutti i giorni servizio di delivery e take away. 
Per info e prenotazioni consulta la pagina facebook.


Dalla stessa categoria

I più letti

Il nuovo Dpcm ci ha regalato un po' di gioie. Molte attività hanno riaperto con possibilità di consumazione sul posto per la pausa pranzo. Dalla pizza al risotto, dal fritto misto alle insalate: la Sicilia a portata di forchetta

Giustizia per Emanuele Scieri

Sono stati condannati i due ex caporali Alessandro Panella e Luigi Zabara. Finisce così il processo di primo grado con rito ordinario per l’omicidio volontario aggravato del parà siracusano Emanuele Scieri, avvenuto all’interno della caserma Gamerra di Pisa nell’agosto del 1999. Per loro il procuratore Alessandro Crini aveva chiesto rispettivamente una condanna a 24 anni e 21 anni, […]

Catania archeologica, l`occasione mancata

In una nota protocollata al Comune etneo a metà gennaio l'associazione di piazza Federico di Svevia chiede di gestire il bene del XII secolo, abbandonato, per garantirne «a titolo gratuito e senza scopo di lucro, la fruibilità». Adesso interrotta dal cambio del lucchetto del cancello da cui vi si accede e dalle divergenze con uno degli abitanti, che risponde: «C'era il rischio per la pubblica incolumità»

I processi a Raffaele Lombardo