Alessio Vassallo, il giovane Mimì Augello «Con Montalbano ho riscoperto la mia terra»

«Oggi sono innamorato del ragusano, ma Palermo è la mia città. Vedere in un tale stato di abbandono un luogo al quale sono così legato è straziante». Alessio Vassallo, classe 1983, è un palermitano doc, in giro per l’Italia con la sua terra nel cuore. «Basterebbe investire un po’ sulla cultura per fare economia» dice a MeridioNews l’attore che tornerà a vestire i panni del celebre vice commissario Mimì Augello nella seconda serie de “Il giovane Montalbano“.

«Mimì mi somiglia nell’ingenuità – spiega -: guardiamo entrambi al mondo con gli occhi di un bambino. Abbiamo un buon rapporto nonostante sia molto distante da me. Certo, ci metto del mio, ma lui è un corteggiatore d’altri tempi, di quelli che ti aprono lo sportello dell’auto».

Sei puntate in prima serata in onda a partire da domani per la fiction targata Raiuno e diretta da Gianluca Tavarelli. Dopo il boom di ascolti del 2012, ritornano sul piccolo schermo le vicende del commissario più amato d’Italia e del suo vice, fascinoso e ammaliatore. «In questa seconda serie – racconta Vassallo – alcune cose cambieranno: nascerà una forte amicizia con Montalbano e, anche se la linea della commedia resterà invariata, il mio personaggio sarà cresciuto e alcuni temi verranno affrontati in modo più umano. Però, la fissazione per le donne non gliela leva nessuno».

Alla vigilia del primo episodio il giovane attore racconta le sue impressioni su una Sicilia che ha molto da dire. «Vivo a Roma da quasi 12 anni, ma a Palermo c’è la mia famiglia e in Sicilia torno spesso per lavoro – spiega -. Ho girato la regione più adesso, per via delle riprese, che quando abitavo qui. Ho riscoperto una terra e un popolo ricchissimi». E la cultura per Vassallo può essere una risorsa, anche in termini economici. «Abbiamo festeggiato tutti insieme il 90esimo compleanno di Camilleri, noi e i ragazzi di Montalbano “classico” – dice -. Cesare Bocci, l’alter ego adulto di Mimì, mi diceva che quando hanno iniziato a lavorare il territorio era completamente diverso. Adesso c’è un porto mentre loro ricordano la palude, ad esempio. La cultura, in questo caso una produzione tv, ha portato benessere».

Grazie agli scorci e alle avventure che Montalbano porta sullo schermo, l’immagine della Sicilia è stata apprezzata dal pubblico italiano ed estero. «Siamo tutti stanchi di vedere sparatorie e degrado – dice ancora Vassallo -. Montalbano rappresenta un’Isola diversa e non stereotipata, un Sud che il mondo apprezza e che desidera conoscere di persona per tornarci. Ricevo lusinghe per questa terra attraverso i messaggi di cittadini francesi, tedeschi o inglesi che dopo essere stati in Sicilia desiderano ringraziare la produzione per questo spot magnifico che è la serie».

Certo c’è ancora molto da fare. «Ho girato la regione in occasione di alcuni festival – ammette – e mi sono reso conto di quanta risposta di pubblico ci sia. Le piazze e i luoghi si riempiono di gente che ha fame di cultura, una fame sedata da organizzatori e operatori che fanno i salti mortali perché le istituzioni contribuiscono solo con pochi euro. Gli eventi, le occasioni e le attività culturali portano lavoro, turismo, crescita sociale ed economia».

E nel futuro? Tra i progetti in cantiere un’esperienza all’estero e una scuola per attori da realizzare proprio in Sicilia. «Sto studiando recitazione in inglese – dice – e vorrei passare del tempo fuori dall’Italia, come arricchimento personale. Mi piacerebbe anche, in futuro, costruire in Sicilia qualcosa di concreto che resti. Penso a un gruppo di artisti che danno vita a una scuola di recitazione ed arti, a una squadra che progetti e programmi. Penso a una sede condivisa con operatori culturali e dello spettacolo che sia un posto in cui crescere, condividere e far partire qualcosa da giù».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]