Aeroporto di Catania “Angelo D’Arrigo”

Dove sono finite tutte le vostre promesse?

Dopo tanto sforzo, una mobilitazione generale, una massiccia  raccolta di firme e dopo l’intenso coinvolgimento di numerosi enti pubblici, privati e di singole personalità del mondo dello spettacolo, ma anche del panorama culturale italiano, ecco la risposta dei nostri cari politici a questo moto di partecipazione, intitolare l’aeroporto di Catania a Vincenzo Bellini. Si potrebbe stare delle ore a parlare e lodare il lavoro di Bellini che ci ha reso famosi e fieri in tutto il mondo, e che quotidianamente ricordiamo per via delle molte strade, musei, teatri, edifici pubblici e privati, scuole, conservatori, etc. etc. , che sono stati dedicati a questo genio indiscusso del XIX sec.

 

Questi grandi decisionisti non si sono, forse, resi conto che siamo ormai nel 2007, e che sarebbe bello se proprio loro riuscissero a comprendere e recepire le esigenze e le istanze dei cittadini che in massa si sono  mobilitati a favore della causa “Aeroporto Angelo D’Arrigo”. Sarebbe interessate creare un forum di discussione sull’argomento che possa essere d’aiuto a capire quanta gente abbia nel cuore questa proposta.

Intitolare l’aeroporto ad Angelo significherebbe, inoltre, dare un senso ed una energia diversa al nesso nome/aeroporto. Egli, infatti, studiando le leggi della natura e mettendo in pratica il progetto di Da Vinci è riuscito a volare e sorvolare territori sparsi in tutte le parti del mondo, stabilendo dei record e compiendo imprese anche di carattere scientifico.

 

Potrebbe quindi essere di buon auspicio e di sicuro di maggiore attinenza intitolare l’aeroporto a colui che ha basato la sua vita sul volo. Sarebbe un onore per tutti, ma soprattutto per noi giovani rendere omaggio ad un eroe dei nostri tempi. Quello che a mio avviso è un orgoglio per noi “italiani”, è un esempio per tutti, uno sprone per i giovani, per i quali è necessario conoscere la storia dai libri di scuola, ma è anche bello sentirsi parte di questa, perché la storia è anche il presente in quanto diventerà passato. Ebbene si, tutto ciò non viene assolutamente preso in considerazione da chi con grande “difficoltà” e con tanta “sensibilità” decide che sia più giusto oggi intitolare l’Aeroporto a Vincenzo Bellini!

 

C’è poi chi afferma che quella di intitolare l’aeroporto ad Angelo sia “una proposta capricciosa ed estemporanea, troppo legata ad una facile mitologia giornalistica”, io penso che sia troppo facile ed estemporaneo, nonché offensivo, ridurre le imprese e la vita di Angelo D’Arrigo che, proprio come Bellini, ci rende famosi in tutto il mondo, ad una mitologia giornalistica. Che si informino questi uomini di elevata cultura, sulle grandi imprese di Angelo D’Arrigo, sulla sua persona, sulla sua umiltà, sulla sua preparazione tecnica e sulla sua bontà! Poco importa se i giovani vedono in lui la prova del poter credere nella realizzazione dei propri sogni, l’esempio che guida nel perseguimento dei propri obiettivi. Una persona che oltre all’esempio vivente ci lascia frasi come “Spingendo quotidianamente i nostri limiti riusciamo, a piccoli passi, a superare le paure che ci vietano il possesso della nostra esistenza”,  che oggi compaiono su diari scolastici, magliette ed sms. Poco importa se uomini di spettacolo, scienziati, direttori di musei, programmi televisivi, grandi marchi, dedichino a questo eroe chi un ricordo, chi un cd, chi una puntata televisiva e chi un articolo di giornale, e questo in tutto il mondo.

 

Ironia del destino proprio in casa sua Angelo D’Arrigo viene dimenticato. Ma Angelo non verrà mai dimenticato e se questa, e spero vivamente che si farà di tutto per ribaltare la situazione, se questa sarà la decisione definitiva, dobbiamo come al solito ringraziare chi pur avendo la possibilità di ascoltare la voce del popolo e di rendere omaggio al nostro “Angelo”, ha preferito voltare le spalle davanti alla memoria di un grande uomo che ha ormai segnato la storia del nostro secolo. A noi poco importa delle vostre decisioni!

Non Arrendiamoci.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]