Acireale, teatro Maugeri ancora inagibile Volato via il tetto da due milioni di euro

Piove sulla cultura ad Acireale, e non solo metaforicamente. A quasi una settimana dalla tromba d’aria che ha messo in ginocchio diverse zone della città, a suscitare particolare apprensione sono le condizioni del teatro Maugeri. La struttura per giorni è rimasta esposta alle intemperie a causa della parziale distruzione della copertura, che ha determinato a sua volta l’allagamento dei locali. Per ovviare all’emergenza si è intervenuti con un’intelaiatura in legno, alla quale sono stati aggiunti dei teloni.

«La speranza è quella di riuscire a trovare una soluzione che ci consenta di intervenire il prima possibile, affinché non si aggravino i danni. Giovedì faremo un primo sopralluogo con il Genio civile», ha dichiarato il sindaco di Acireale Roberto Barbagallo. Un rimedio provvisorio che, nonostante non sia stato ancora possibile fare una esatta stima precisa dei danni, dovrà probabilmente spazio a costosi lavori di ripristino, come evidenziato dalle immagini registrate nel parterre allagato del Maugeri.

E in attesa di comprendere quali saranno le prossime mosse dell’amministrazione, attorno alle sorti del teatro è sorta una polemica riguardante le condizioni in cui la struttura versava prima della tromba d’aria. Sono stati in tanti a chiedersi come sia stato possibile che uno stabile ristrutturato di recente possa aver subito conseguenze di tale portata, con la copertura che parrebbe aver opposto ben poca resistenza al vento, al punto che parti di essa sono state ritrovate a diverse decine di metri di distanza: «È vero che la tromba d’aria è passata proprio di lì, ma il tetto sembrava carta velina – dichiara un residente –. A vederlo il materiale usato per la copertura ricorda il lamierino, siamo sicuri fosse adeguato a fare da tetto per un teatro così grande?».

La copertura, peraltro, aveva meno di dieci anni di vita. Il teatro fu oggetto di importanti lavori di recupero a partire dal 2007: con una delibera di giunta del 28 gennaio 2005, l’amministrazione guidata dall’allora sindaco, Nino Garozzo, approvò un progetto esecutivo di «completamento dell’intervento di restauro e adeguamento alle norme di sicurezza» per un importo complessivo di quasi 2 milioni e mezzo di euro. Risorse che per larga parte coprì la Regione con una delibera del dipartimento regionale per i Lavori pubblici del gennaio 2006: con quell’atto, infatti, dalla Regione arrivarono oltre 2 milioni di euro che, uniti a 362mila euro derivanti dall’accensione da parte del Comune di un mutuo presso la Cassa Depositi e Prestiti, servirono a rimettere in sesto il teatro.

I lavori di ristrutturazione vennero consegnati due anni dopo, a ridosso delle elezioni amministrative 2009. In quell’occasione, furono in tanti a protestare per una decisione che sembrò un mero spot elettorale da parte di un sindaco alla ricerca della riconferma come primo cittadino. Polemiche a parte, le vicissitudini del Maugeri continuarono al punto che nel 2011 iniziarono a verificarsi le prime infiltrazioni di acqua, alle quali seguì un nuovo intervento di riparazione.

Da lì in poi, la storia del teatro è stata simile a quella di molte altre strutture del settore. una storia ai margini, nel rispetto di quel ruolo che la politica a tutti i livelli sembra aver riservato per la cultura. Questo almeno fino alla scorsa settimana, quando i danni subiti dal Maugeri hanno improvvisamente ridestato l’attenzione generale. Sul futuro della struttura si era dibattuto solo lo scorso mese in seguito alla proposta del Comune di trasferire la proprietà dell’immobile alla nascente Fondazione Bellini, l’ente che, nei piani dell’amministrazione, avrà il compito di risollevare le sorti dell’omonimo teatro distrutto più di mezzo secolo fa da un rogo, gestendo al contempo le attività del Maugeri.

Propositi che non sono cambiati. Il passaggio di proprietà, che nelle settimane scorse ha fatto storcere il naso a chi teme una futura possibilità di pignoramento nel caso in cui i conti della fondazione non dovessero essere mantenuti in ordine, infatti rimane nell’agenda dell’amministrazione anche dopo la tromba d’aria. A confermarlo è il consulente economico del Comune, Salvo Nicotra: «Il processo di costituzione della fondazione – dichiara – non si arresta. Il Comune, al momento del conferimento, si obbliga al ripristino e messa in sicurezza». Sulla possibilità di istituire, così come già fatto per la Villa Belvedere, una commissione di verifica dei lavori nell’intento di appurare la qualità degli interventi fatti nel corso della ristrutturazione, il sindaco Barbagallo non si è sbilanciato. « Dopo la verifica delle condizioni, valuteremo il da farsi», ha concluso il primo cittadino.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

A una settimana dalla tromba d'aria che ha messo in ginocchio la città, a destare preoccupazione è soprattutto la principale sala comunale, ancora inagibile. La copertura, oggi sostituita con dei teloni, «è volata via come carta velina», racconta un residente. Eppure era stato restaurato solo nel 2009

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]