Acireale, chiesta condanna dell’ex sindaco Barbagallo Accusato di avere fatto intimidire ambulanti per i voti

Quattro anni. È questa la pena che il pubblico ministero Fabio Regolo ha chiesto per l’ex sindaco di Acireale Roberto Barbagallo. La requisitoria del processo Sibilla, scaturito dal blitz della guardia di finanza che, a febbraio 2018, mise fine anzitempo alla sindacatura, si è svolta ieri ed è durata circa due ore, metà delle quali dedicate alla posizione del 45enne. Barbagallo, che ha seguito l’udienza accompagnato dalla moglie, è accusato di induzione indebita a dare o promettere utilità, reato che sarebbe stato commesso con la collaborazione del luogotenente della polizia municipale Nicolò Urso.

Il vigile, nei confronti del quale è stata chiesta la stessa pena di Barbagallo, avrebbe eseguito un controllo amministrativo nei confronti di due venditori ambulanti, con l’obiettivo di metterli in soggezione al punto da spingerli a chiedere un intervento del sindaco. Occasione che, secondo la procura, Barbagallo sarebbe stato pronto a sfruttare per chiedere voti in favore di Nicola D’Agostino. I fatti si sono svolti nell’autunno del 2017, quando D’Agostino, rimasto estraneo all’indagine, era in corsa per la riconferma all’Assemblea regionale siciliana. «M’aggiuva na cosa elettorale», è una delle frasi captate dalle microspie nella stanza del sindaco. Barbagallo, dal canto suo, ha sostenuto durante il processo che il significato di quella frase va ricercata nell’impegno portato avanti contro l’abusivismo. Un’azione inerente la propria attività amministrativa e totalmente slegata dalla campagna elettorale per le Regionali. L’accusa ha chiesto due anni anche per gli ambulanti, i fratelli Salvatore e Sebastiano Principato

Richiesta di condanna a due anni anche per il geologo Alessio D’Urso e il dirigente comunale Salvatore Di Stefano. I due sono accusati di avere concordato un incarico professionale a favore del primo – relativo alla progettazione della messa in sicurezza di due torrenti e di un costone ad Acireale, attestando di avere proceduto a indagini di mercato per l’affidamento che in realtà non sarebbero state fatte. Per Di Stefano invece il pm ha chiesto l’assoluzione nella vicenda che coinvolge anche l’altro ex dirigente comunale imputato, Giovanni Barbagallo. I due erano finiti nell’indagine con l’accusa di essersi scambiati reciproci favori, tra cui il riconoscimento di un indennizzo per i danni causati dalla tromba d’aria a un immobile di proprietà di Barbagallo. Assoluzione richiesta anche per l’ex assessore Giuseppe Sardo e gli altri imputati – Ferdinando Garilli, Anna Maria Sapienza, Giovanni Barbagallo ed Eva Finocchiaro – accusati di avere contribuito a turbare la gara d’appalto per la progettazione dei lavori di riqualificazione della pista di atletica al Tupparello. 

Il pubblico ministero, infine, ha chiesto l’assoluzione anche per il capo d’accusa riguardante i presunti illeciti commessi nella fase di collaudo di alcuni lavori svolti al cimitero di Acireale. Alla sbarra in questo caso ci sono il dirigente Salvatore Di Stefano, Angelo La Spina e Salvatore Leonardi, questi ultimi rispettivamente rappresentante di una delle società che fanno parte dell’Ati San Sebastiano e direttore dei lavori.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]