Accadde oggi, 14 luglio 2005: Toni va alla Fiorentina Prima contestazione contro il presidente Zamparini

Le contestazioni contro Maurizio Zamparini, in questo periodo, sono sicuramente una cosa all’ordine del giorno. C’era però un tempo in cui il patron friulano veniva visto come il Salvatore, colui che aveva riportato la squadra in serie A dopo un purgatorio durato oltre trent’anni. La prima di queste contestazioni è arrivata proprio dodici anni fa, quando al termine del campionato che aveva visto i rosa conquistare una storica qualificazione in Coppa Uefa, il primo a lasciare Palermo fu mister Guidolin. Il tecnico di Castelfranco Veneto, però, non fu il solo ad andare via: la società, infatti, prese subito Makinwa e Caracciolo (da Atalanta e Brescia) per rinforzare il reparto offensivo. E il 14 luglio 2005, proprio nel giorno della presentazione dell’attaccante nigeriano, la società annunciò la cessione di Luca Toni alla Fiorentina.

Nella stagione che si era appena conclusa, Toni aveva messo a segno venti gol che sommati ai trenta realizzati in serie B fa un bottino di cinquanta reti in due anni. Non male per un attaccante che fino a due anni prima era considerato come un giocatore più incompiuto che inesploso. Dopo l’ultima gara in campionato contro la Lazio (3-3 il finale con doppietta proprio di Toni), il club di viale del Fante lo dichiarò incedibile. Per farlo partire, semmai, sarebbe servita una cifra che si aggirasse intorno ai venti milioni di euro. E invece la storia racconta altro. Toni cambiò maglia nonostante i viola offrissero nettamente di meno rispetto alle richieste iniziali (si parla di una cifra che si aggira tra i dieci e gli 11,5 milioni di euro). La città non perse tempo e si divise in due fazioni: chi dava del mercenario all’attaccante e chi cominciò a criticare aspramente Zamparini per aver ceduto così a cuor leggero il bomber di Pavullo nel Frignano.

L’errore di valutazione fu clamoroso: la cessione fu suggerita a Zamparini dall’allora direttore sportivo rosanero Rino Foschi, che considerava il ciclo di Toni finito e il giocatore bollito, incapace di ripetersi. In rosa mai un infortunio, una continuità da fare invidia a giocatori con fisici meno possenti e soprattutto, da parte della società, la voglia di puntare su giovani di prospettiva proprio come Makinwa e l’Airone Caracciolo. Nulla di tutto ciò, Toni rispose a chi lo considerava bollito a suon di gol: il classe ’77 non saltò una sola partita di campionato e in 38 presenze mise a segno ben 31 reti, cosa che nell’ultimo mezzo secolo non era riuscita a nessuno. Il suo stato di forma gli valse la convocazione per i Mondiali del 2006 in Germania, vinti dalla Nazionale azzurra, e anche qui Toni si fece notare con una doppietta segnata ai quarti di finale in Ucraina. In carriera, poi, Toni ha indossato le maglie di Bayern Monaco, Roma, Genoa, Juventus, Al Nasr, nuovamente Fiorentina e Verona. Per i tifosi rosanero la sua cessione fu un vero colpo al cuore, ma a Palermo ci si può vantare di aver fatto esplodere Lucatonigol.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]