Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Siracusa, i mandanti del rogo all'auto del sindaco
Parcheggiatori, due hanno parenti nel clan Urso

Arrestati quattro abusivi, sarebbero gli organizzatori dell'attentato intimidatorio che ha colpito la macchina del primo cittadino Giancarlo Garozzo nel novembre del 2017. Prima di quel gesto ci sono stati altri messaggi al sindaco e all'assessore. Si cercano, però, gli esecutori materiali. Guarda il video e le foto

Salvo Catalano

L'attentato incendiario all'auto del sindaco di Siracusa Giancarlo Garozzo ha origine nell'emanazione del regolamento che prevede il Daspo urbano, cioè l'allontanamento dei parcheggiatori abusivi. A conclusione di un primo filone di indagini, finiscono in manette quattro persone, tre in carcere a una ai domiciliari: sarebbero loro i mandanti del rogo che nel novembre del 2017 ha distrutto la macchina del primo cittadino, posteggiata sotto la sua abitazione. Gli arrestati sono Andrea Amato, 36 anni; Francesco Mollica, 35 anni; Salvatore Urso, 58 anni; e Lucia Urso, 37 anni. Questi ultimi due, riferiscono gli inquirenti, hanno parentele con persone condannate per mafia e appartenenti al clan Urso-Bottaro. In particolare la donna, l'unica per cui sono stati decisi i domiciliari e non il carcere, in un'intercettazione rivela: «Mio padre si è fatto 14 anni di galera». Per tutti l'accusa è di tentata estorsione, in concorso formale e materiale, e danneggiamento, aggravati dall’aver commesso il fatto in più persone riunite e contro un pubblico ufficiale.

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri del comando provincia di Siracusa, coordinati dalla locale Procura, l'azione violenta sarebbe arrivata a seguito di diversi altri episodi di intimidazione. Durante la campagna elettorale per le Regionali, due degli indagati avrebbero avvicinato Garozzo per chiedergli di non approvare il regolamento sul Daspo, ma ottenendo in cambio un rifiuto, avrebbero risposto: «Allora è guerra». Durante lo stesso periodo, anche l'assessore alla Viabilità Salvatore Piccione avrebbe ricevuto messaggi dello stesso tenore, anche se meno espliciti. «La sua auto - spiega il comandante Giovanni Palatini - è stata pedinata in maniera evidente, facendosi vedere, seguita coi motorini, in modo che sentisse la pressione».

Andrea Amato

Francesco Mollica

Lucia Urso

Salvatore Urso

Determinanti, ai fini dell'arresto dei quattro, è stato l'uso delle intercettazioni. Perché alcuni degli indagati si sarebbero traditi parlando dell'attentato, maturato proprio all’indomani della pubblicazione sulle testate giornalistiche locali di articoli che riportavano gli esiti di un servizio congiunto dei carabinieri e della polizia municipale mirato all’applicazione delle norme previste dal nuovo regolamento nei confronti di alcuni parcheggiatori abusivi che operavano nella zona Prometeo/Teatro Greco, dove ci sono sempre molti turisti. I carabinieri hanno realizzato anche dei video con cui si testimonia l'attività di parcheggiatore abusivi degli indagati.

Lucia Urso è la moglie dell'altro indagato, Francesco Mollica. Ma ha soprattutto stretti legami con esponenti di una delle famiglie mafiose più importante in città. Lei stessa, intercettata, parla della famiglia dei «Cornu», soprannome con cui si identifica una parte della variegata famiglia degli Urso. Per lei sono scattati i domiciliari perché sarebbe entrata nelle azioni intimidatorie ma non avrebbe acconsentito all'incendio dell'auto. Le indagini continuano nel massimo riserbo per arrivare all'arresto anche degli esecutori materiali del rogo.

«Gli arresti effettuati dai carabinieri sono una svolta importante - commenta il sindaco Garozzo - ma credo che l'indagine riserverà altre sorprese, specie in relazione ai rapporti tra questi soggetti ed esponenti politici che li hanno spalleggiati, come evidenziano anche le immagini delle riunioni di Consiglio comunale dedicate al contrasto del fenomeno dei parcheggiatori abusivi».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×