Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Nel primo giorno di caccia fermati 5 bracconieri
Sorpresi all'interno del parco dei Monti Sicani

La Forestale di Palermo, durante un servizio di vigilanza nelle aree protette, si è imbattuta nel gruppetto formato da tre siciliani e due calabresi. Sono scattate perquisizioni e il sequestro delle armi. L'apertura anticipata della stagione, decisa dalla Regione, solleva critiche

Redazione

Primo giorno di caccia in Sicilia e primo episodio di bracconaggio. Ieri la Forestale di Palermo ha sorpreso alcune persone impegnate a cacciare all'interno del Parco dei Monti Sicani, zona protetta dove vige il divieto dell'attività venatoria. Cinque persone sono state denunciate: tre sono palermitani, due di Reggio Calabria.

Il nucleo operativo provinciale della Forestale svolgeva un’attività di vigilanza finalizzata alla tutele delle aree protette e delle aree interessate dagli incendi, quando si è imbattuta nel gruppetto che aveva a disposizione cinque fucili di caccia e oltre duemila munizioni di vario calibro. Tutte le armi sono state sequestrate. Le persone fermate e denunciate sono M.G., 72enne di Palazzo Adriano; T.L. 51enne di Locri; S.E., di San Giovanni Gerace, nel Reggino; il 57enne P.S. e il 64enne P.B., entrambi di Palermo. Sono accusati di violazione in materia di introduzioni di armi e munizioni in aree protette.

Inoltre la Forestale ha eseguito perquisizioni sulle auto dei cinque e in un casolare di proprietà di uno dei fermati, M.G., in località Monte Scuro di Palazzo Adriano all'interno del parco dei Monti sicani. Al proprietario dell'immobile è stato riscontrato il possesso di un numero di munizioni superiori al quello consentito.

Ieri in Sicilia è stato il primo giorno della pre-apertura della caccia. La stagione ha avuto inizio con un mese di anticipo per decreto dell'assessore regionale all'Agricoltura, Antonello Cracolici. La decisione ha sollevato molte critiche da parte degli ambientalisti che, citando anche il parere negativo dell'Ispra (l'Istituto superiore protezione ricera ambiente), chiedono di sospendere la caccia, anche alla luce dei vasti incendi che hanno impoverito la Sicilia e messo a dura prova la fauna. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×