Zone Franche Montane, Lapunzina: «Chiediamo all’ARS di impegnare il Governo Schifani nella destinazione dei fondi»

«È tutto legato alla volontà politica. Il futuro di chi ancora non ha avuto la possibilità di scappare dalle terre alte di Sicilia dipende da questa scelta». Non usa mezzi termini Vincenzo Lapunzina, da anni convinto sostenitore della necessità di riconoscere come Zone franche montane alcuni territori siciliani. Comuni che sempre di più sono soggetti ad uno svuotamento sia in termini economici che nella popolazione. Alla base la mancanza di opportunità che rendono poco appetibile rimanere. Per questo il riconoscimento di una fiscalità di sviluppo potrebbe rappresentare l’unico modo per tornare ad essere attrattivi.
«Le zone franche montane in Sicilia – ha detto Lapunzina – raffigurano la punta di un iceberg di tutte le criticità che vive la Sicilia fin dalla dichiarazione dell’Autonomia statutaria e la parte sommersa è rappresentata dalla mancanza di autorevolezza dei governi regionali che negli anni si sono succeduti». Parole rivolte ai componenti della Commissione Bilancio dell’Assemblea Regionale Siciliana, alla presenza anche del co-coordinatore del comitato, Filippo Ricciardi, per ribadire l’urgenza di agevolare la definizione dell’iter per l’istituzione delle ZFM. «La norma di politica economica – prosegue – è perfettamente compatibile con le norme e la giurisprudenza comunitaria e che la stessa debba essere messa al riparo dalla Giustizia della Concorrenza, anche in considerazione del fatto che la Regione Siciliana ha un’autonomia costituzionalmente garantita, decisionale e finanziaria, quindi fiscale, così come assestato nella sentenza della Corte di Giustizia Europea del 6 settembre 2006».
Il nodo rimane sempre quello dei fondi da destinare per queste aree ma i sindaci interessati ribadiscono che la soluzione c’è e che la soluzione è tutta politica. Dovrà infatti essere la Regione ad assicurarli per evitare di mettere in contrasto il provvedimento con le norme europee. In modo specifico guardano alla definizione di «un accordo con lo Stato – prosegue – che destini allo scopo, tra gli altri, il cespite tributario dell’Iva all’importazione, maturata ogni anno in Sicilia. La Commissione paritetica, organo preposto a definire tale atto, si potrebbe determinare in pochi secondi, senza violare alcuna normativa».
La soluzione, dunque, risiede nei conti e nelle scelte effettuate in sede di Bilancio. Anche per tale motivo Lapunzina e Ricciardi incontrando il presidente dell’ARS, Gaetano Galvagno, e il Capo di Gabinetto del presidente del Senato, Filippo Milone, hanno sottolineato la mancanza di impedimenti per definire il percorso istruttorio e legislativo della norma. Ai deputati di palazzo dei Normanni, invece, hanno proposto di sottoscrivere un ordine del giorno per impegnare il Governo Schifani a predisporre l’adeguata copertura finanziaria ed evitare ulteriori ritardi.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

«È tutto legato alla volontà politica. Il futuro di chi ancora non ha avuto la possibilità di scappare dalle terre alte di Sicilia dipende da questa scelta». Non usa mezzi termini Vincenzo Lapunzina, da anni convinto sostenitore della necessità di riconoscere come Zone franche montane alcuni territori siciliani. Comuni che sempre di più sono soggetti […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]