White list, dopo i casi Ercolano e Basilotta Fava: «A Catania c’è una gestione distratta»

«A Catania c’è una gestione distratta della white list». Il vicepresidente della commissione parlamentare antimafia Claudio Fava (Leg), in conferenza stampa nella sede di Addiopizzo Catania, insieme all’altro componente Davide Mattiello (Pd), continua con il pugno duro nei confronti della Prefettura etnea guidata da Maria Guia Federico, finita sott’accusa dopo l’inserimento delle aziende di Angelo Ercolano e Agatino Basilotta nella white list. La lista, nata nel 2013, è attiva in tutte le prefetture d’Italia e ha come obiettivo quello di ridurre l’iter burocratico per le imprese. L’iscrizione non è obbligatoria ma esonera per 12 mesi le società inserite nell’elenco dalla produzione della documentazione che attesti la mancanza di infiltrazioni mafiose. Alle prefetture spetta il compito di concedere il nullaosta dopo la verifica dei requisiti all’interno della banca dati unica della documentazione antimafia.

Le aziende finite al centro del dibattito sono due. Nel settore del trasporto su gomma c’è quella di Angelo Ercolano, nipote incensurato del defunto boss di Cosa nostra catanese Pippo e cugino dell’ergastolano Aldo. Titolare della Sud trasporti, Ercolano nel 2013 finì sotto indagine con l’accusa di evasione fiscale per un giro di fatture false da cinque milioni di euro. La ditta inoltre subì un sequestro conservativo dopo le verifiche della Procura di Catania e dell’Agenzia dell’entrate. Una misura legata a motivi finanziari, ha spiegato la Prefettura tramite una nota successiva alla recente interrogazione di Claudio Fava, e non a indagini di mafia. Da qui l’inserimento nella lista bianca. «Questo – spiega Fava – significa che non si è capito nulla di questa città dove tutto si è basato sui rapporti familiari. Ecco perchè pretenderemo di avere chiarezza dal ministro dell’Interno».

Decisamente più complessa la vicenda delle aziende legate al nome di Vincenzo Basilotta, imprenditore originario di Castel di Judica, condannato in primo grado per mafia nell’inchiesta Dionisio. Le aziende Incoter e Judica appalti costruzioni (inserita e poi rimossa dalla white list) sono state confiscate rispettivamente per il 66 per cento e per il 30 per cento. In relazione alla percentuale la Incoter è gestita da un amministratore giudiziario, contrariamente alla Judica appalti gestita da Agatino Luigi Basilotta, fratello di Vincenzo, in passato socio con altri familiari della Incoter. L’oggetto del contendere è però legato alla cessione di un ramo d’azienda e allo sfruttamento della cava Dragonia-Ardica di proprietà della Judica appalti e affidata in comodato d’uso alla Incoter. Quest’ultima, come sottolineato dalla Procura di Catania, avrebbe avuto l’ok per cedere un proprio ramo d’azienda alla Judica appalti per lo sfruttamento del sito. I contatti preliminari tuttavia si sono interrotti a causa di un’indagine che ha colpito Agatino Basilotta. L’uomo infatti, secondo gli investigatori «ha utilizzato abusivamente la cava predetta, ha sottratto materiale inerte e lo ha venduto a terzi con danno per la Incoter». I rapporti tra i due fratelli, secondo la prefettura «irrilevanti», dimostrerebbero per Fava «l’eccessivo formalismo delle procedure che hanno portato all’inserimento nella white list, anche perchè riteniamo che il rapporto non si sia bonificato».

Le perplessità dei due componenti della commissione parlamentare si allargano anche al funzionamento dell’agenzia statale dei beni confiscati: «Funziona male – spiega Mattiello – gravata da una profonda inefficienza e senza i componenti del consiglio direttivo». Criticità che spesso ricadono sui lavoratori. «Spesso sono le vittime della confisca – spiega Chiara Barone di Addiopizzo – la vicenda Icoter dimostra che il rischio nella vendita di aziende c’è sempre. I lavoratori troppe volte non sono messi nelle condizioni di poter più lavorare».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Il vicepresidente della commissione parlamentare antimafia Claudio Fava (Leg), insieme al collega Davide Mattiello (Pd) e al comitato locale di AddioPizzo hanno parlato dei punti deboli della lista che dovrebbe rendere più semplice alle imprese dimostrare la loro estraneità alle infiltrazioni mafiose. E invece, «in questa città tutto si è basato sui rapporti familiari», spiega Fava. Che contesta anche «l'eccessivo formalismo delle procedure»

Il vicepresidente della commissione parlamentare antimafia Claudio Fava (Leg), insieme al collega Davide Mattiello (Pd) e al comitato locale di AddioPizzo hanno parlato dei punti deboli della lista che dovrebbe rendere più semplice alle imprese dimostrare la loro estraneità alle infiltrazioni mafiose. E invece, «in questa città tutto si è basato sui rapporti familiari», spiega Fava. Che contesta anche «l'eccessivo formalismo delle procedure»

Il vicepresidente della commissione parlamentare antimafia Claudio Fava (Leg), insieme al collega Davide Mattiello (Pd) e al comitato locale di AddioPizzo hanno parlato dei punti deboli della lista che dovrebbe rendere più semplice alle imprese dimostrare la loro estraneità alle infiltrazioni mafiose. E invece, «in questa città tutto si è basato sui rapporti familiari», spiega Fava. Che contesta anche «l'eccessivo formalismo delle procedure»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]