Viva la vida, un’intensa Frida Kahlo al teatro Stabile «Un modo per fare emergere la sua anima di donna»

“Ho nelle vene sangue di ebrei ungheresi e sangue di indios taraschi, discendo dalla mescolanza di genti perseguitate e conquistate, costrette alla fuga e disperse. Sono carne e spirito delle Americhe, sono meticcia, sono figlia di una figlia nata dallo stupro dei guerrieri avidi d’oro”.

È una Frida Kahlo intensa, passionale e terribilmente vera quella portata sulla scena da Pamela Villoresi al Teatro Stabile di Catania in Viva la Vida, produzione del Teatro Biondo di Palermo, liberamente tratta dal romanzo di Pino Cacucci da parte di Gigi Di Luca che firma il progetto, l’adattamento e la regia dello spettacolo. «Viva la vida porta alla luce l’aspetto più propriamente femminile di Frida Khalo – spiega – attraverso simbolismi che richiamano la sua radice multiculturale ed etnica, andando oltre la narrazione biografica e facendo emergere l’anima di Frida donna, messicana, pittrice e rivoluzionaria».

Sulla scena ci sono gli ultimi giorni di vita dell’artista che, in attesa della Pelona, la morte, ripercorre tutta la sua esistenza e racconta al pubblico, in un’atmosfera sospesa a metà tra il reale e l’immaginario, il suo amore per la vita, per l’arte, per Diego e per la cantante Chavela Vargas. Il lungo flusso di coscienza è interrotto, in alcuni momenti, solo da alcune canzoni intonate proprio dall’ultima amante dell’artista, interpretata da Lavinia Mancusi. Sul palco anche Veronica Bottigliero, body painter che dipinge sul corpo nudo della protagonista i segni dell’arte di Frida.

Pamela Villoresi, nel suo monologo, riesce a trasmettere agli spettatori tutta l’energia, ma anche i turbamenti che hanno contraddistinto la travagliata vita di Frida Kahlo. Lo fa in maniera confidenziale, parlando al pubblico come si fa con un vecchio amico, che la ringrazia con lunghi applausi, alcuni dei quali a scena aperta.

«Questo spettacolo è un omaggio a Frida Khalo – afferma Pamela Villoresi – è una sorta di inventario della sua vita e della sua arte. Il testo racconta il suo ultimo rapporto d’amore, quello con la cantautrice Chavela Vargas. Dalle parole e dalle vite esemplari di queste due donne, che hanno imposto al mondo il rispetto per ciò che erano e per quello che facevano, scaturisce una forza straordinaria, la capacità di trasformare una situazione di svantaggio e di dolore in un’occasione di vita».

Frida Kahlo, antesignana dell’amore fluido e del body positive, è morta il 13 luglio del 1954. In questi 68 anni le donne hanno vinto molte battaglie, provando a condividere con gli uomini l’interno universo e non solo una metà del cielo. La strada, però, è ancora lunga e la forza della pittrice messicana sembra volgere lo sguardo alle donne vittime di compagni violenti, costrette a scegliere tra famiglia e carriera o ad accettare salari più bassi. Dopo quasi 70 anni, una donna ai vertici fa ancora notizia, le sue preferenze e abitudini vivisezionate e giudicate. E proprio per questo risulta ancora attuale la lezione di tenacia e leggerezza che Frida Kahlo ci lascia in eredità.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]