Il futuro del vino siciliano passa dal recupero di vitigni quasi estinti «La biodiversità è un investimento sicuro»

Si chiamano vitrarolo, lucignola, nocera, rappresentano il passato remoto dei vitigni siciliani, sono le uve che si coltivavano sull’Isola centinaia di anni fa, ma forse sono anche il futuro del settore vitivinicolo della Sicilia. Ne sono convinti gli artefici del progetto BiViSi, acronimo che sta per biodiversità vinicola siciliana, che vede tra le sue fila il consorzio di tutela vini Doc siciliani, i docenti dell’università di Palermo, quelli dell’università di Milano e diverse aziende leader nel settore vitivinicolo siciliano. Un progetto della durata di 34 mesi, partito nel settembre del 2022, all’indomani della pandemia e che ha già prodotto risultati sorprendenti con le prime vendemmie. Soprattutto però, in un momento di profonda crisi del settore, dovuta in larga parte anche al cambiamento climatico, potrebbero rappresentare la cura, trattandosi di vitigni che hanno resistito nei secoli e che potrebbero risultare più performanti a condizioni di clima avverso e più refrattarie a certi parassiti che martoriano le colture.

«In parte si tratta di recuperare delle informazioni del passato e adattarle alle nuove situazioni, approfondendo le indagini sul piano scientifico – racconta Maurizio Gily, agronomo e docente dell’università di Palermo, innovation broker del progetto BiViSi – Alcune di queste salvate dall’estinzione, sopravvissute al diluvio della fillossera, che rischiavano di essere perse e di cui si stanno scoprendo qualità molto interessanti per il mondo attuale e per il gusto attuale. E queste sono solo alcune delle varietà siciliana. È importante riuscire a fare un ragionamento sulla biodiversità, avere una base genetica ampia è come investire in fondi diversi per mitigare il rischio. Avere pochi mezzi a disposizione può essere limitante, averne molti offre qualche prospettiva in più e in questo caso la Sicilia offre tantissima biodiversità».

«Questi vitigni sono la testimonianza del ruolo che la Sicilia ha avuto nell’evoluzione del comparto vitivinicolo e sono una testimonianza dell’importanza che la viticoltura ha avuto in Sicilia, frutto di un lavoro di selezione fatta nel tempo dai viticoltori siciliani – aggiunge Rosario Di Lorenzo, docente Unipa e presidente dell’accademia italiana della vite e del vino – Sono diventati reliquie perché forse presentano caratteristiche che in un certo momento storico non erano di particolare importanza per gli imprenditori, ma oggi rappresentano elementi di tipicità per la cultura siciliana. Ci raccontano una storia importante, in alcuni casi sono stati recuperati da pochissime piante, spesso riscontrate in zone in cui la viticoltura non è neanche più diffusa».

Nei giorni scorsi sono stati presentati i primi risultati della sperimentazione da parte delle aziende vitivinicole che hanno aderito al progetto, che è stato finanziato dall’assessorato regionale all’Agricoltura, con fondi del Psr 2014-2020. E i vini ottenuti sono anche buoni. «Alcuni vini sono già ampiamente testati sul mercato – prosegue Gily – quelli più rari, che vengono da vitigni reliquia, devono ancora affrontare veramente il test del mercato, finora sono stati assaggiati da panel di degustatori esperti e il responso è stato interessante. Si tratta di vini dalla forte identità, non somigliano ad altri e questo è un punto di forza importante e poi sono gradevoli».

«Si tratta di un progetto innovativo, perché riscopre il passato, ma stiamo studiando dei biotipi che tendono a differenziarsi rispetto al conosciuto – dice infine Onofrio Corona, coordinatore del corso di laurea in Viticoltura ed Enologia del polo di Trapani dell’Università di Palermo – Uno studio che viene effettuato in ambienti diversi per valutare le qualità delle uve e dei vini ottenuti. L’innovazione sta nell’introdurre tecniche che possano esaltare aspetti legati alla varietà dei vini».


Dalla stessa categoria

I più letti

Si chiamano vitrarolo, lucignola, nocera, rappresentano il passato remoto dei vitigni siciliani, sono le uve che si coltivavano sull’Isola centinaia di anni fa, ma forse sono anche il futuro del settore vitivinicolo della Sicilia. Ne sono convinti gli artefici del progetto BiViSi, acronimo che sta per biodiversità vinicola siciliana, che vede tra le sue fila […]

Si chiamano vitrarolo, lucignola, nocera, rappresentano il passato remoto dei vitigni siciliani, sono le uve che si coltivavano sull’Isola centinaia di anni fa, ma forse sono anche il futuro del settore vitivinicolo della Sicilia. Ne sono convinti gli artefici del progetto BiViSi, acronimo che sta per biodiversità vinicola siciliana, che vede tra le sue fila […]

Si chiamano vitrarolo, lucignola, nocera, rappresentano il passato remoto dei vitigni siciliani, sono le uve che si coltivavano sull’Isola centinaia di anni fa, ma forse sono anche il futuro del settore vitivinicolo della Sicilia. Ne sono convinti gli artefici del progetto BiViSi, acronimo che sta per biodiversità vinicola siciliana, che vede tra le sue fila […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]