Vitalizi, i Cinque Stelle presentano la proposta di tagli «Spesa dimezzata da 17 a otto milioni, stop privilegi»

Da Roma a Palermo, il Movimento 5 Stelle punta contro i vitalizi agli ex deputati regionali. Anche all’Ars, i pentastellati in salsa sicula annunciano una bozza di delibera per l’abolizione dell’indennità che viene concessa a chi è stato seduto sugli scranni di Sala d’Ercole.

Un «privilegio» che va abolito perché contribuisce a costruire «vitalizi e pensioni che non hanno le caratteristiche di un trattamento previdenziale a cui accedono i normali cittadini – ha detto la capogruppo Valentina Zafarana -, e che innescano pesanti differenze tra chi diventa deputato, che dovrebbe essere a servizio del popolo, e la gente che non è adeguatamente rappresentata».

Fino al 2012 l’Ars ha pagato i suoi ex deputati (e i parenti nel caso di morte degli onorevoli, grazie agli assegni di reversibilità) col sistema retributivo. Grazie alle novità introdotte sei anni fa, al momento esistono tre tipi di pensioni: la categoria degli assegni vitalizi diretti, maturati prima del 1 gennaio 2012 con il sistema retributivo; la categoria delle pensioni dirette pro-rata, maturate a metà, in parte con il sistema retributivo e in parte con l’attuale sistema contributivo; la categoria delle pensioni dirette, interamente maturate con l’attuale sistema contributivo.

La bozza di provvedimento, che interessa oltre 300 ex deputati e loro eredi, è già stata depositata in segreteria generale e passerà adesso all’esame del consiglio di presidenza all’Ars. Secondo i dati riportati dai 5 stelle, i vitalizi peserebbero sui conti pubblici per oltre 17 milioni di euro l’anno, cioè 1 milione 362mila euro al mese, così ripartiti: 761mila 189 euro per i vitalizi di 158 ex deputati e 588mila 708 euro per gli assegni di reversibilità erogati ogni mese per il coniuge e/o affini di 129 ex parlamentari deceduti. Altri 165mila euro vengono erogati mensilmente dal Parlamento siciliano ad altri 30 ex deputati regionali col sistema di calcolo pro rata, ai quali si aggiungono gli assegni di reversibilità di altri tre ex deputati non più in vita per un totale di 9mila 788 euro. Infine, altri 2.832 euro vengono spesi per le pensioni dirette erogate ad altri quattro ex parlamentari regionali con il sistema contributivo.

Se il provvedimento ricevesse l’ok dell’ufficio di presidenza dell’Ars, spiegano dal gruppo pentastellato, la spesa passerebbe da 17 milioni a 8-9 milioni, cioè verrebbe dimezzata. «Si introducono dei coefficienti per il ricalcolo degli assegni vitalizi, utilizzando il sistema contributivo – ha spiegato Giancarlo Cancelleri – Per evitare storture poi, vengono introdotti due tetti, un minimo e massimo. Il limite minimo consente ai parlamentari di non percepire meno di 660 euro netti, quello massimo, invece, di non prendere più di quanto hanno già. E considerata la specialità della Sicilia anche in tema di vitalizi, dove non esistono documenti prima del 1980 – ha aggiunto – persino i familiari del primo presidente della Regione continuano a percepirlo. La differenza con la proposta della Camera è che continuiamo a prevedere la reversibilità solo per il coniuge e nella misura del 60 per cento».

«Fino ad oggi – ha aggiunto Zafarana – per via della posizione dura ed efficace della casta non siamo riusciti ad abbattere i vitalizi, oggi in un contesto nazionale di governo giallo-verde è cambiata qualcosa. A livello regionale e nazionale da questo tesoretto, incastrato nelle mani di pochi privilegiati, possiamo ottenere risorse da investire per la comunità».

Poi la stilettata al primo inquilino di Sala d’Ercole, Gianfranco Micciché, che nei giorni scorsi si è reso protagonista dello scontro sui vitalizi, esprimendosi a favore del mantenimento: «Poverino – dice ancora Zafarana – ci dispiace che sia contrario per paura di restare senza un tetto quando finirà questa legislatura, ma al presidente dell’Ars diciamo che se questa norma non verrà votata sarà una responsabilità grave, nessun comizio, nessuna parola di alcun politico avrà più valore».

Sul sondaggio lanciato ieri dalla pagina Facebook, che ha visto la posizione dei 5 Stelle ferma a poco più del 30 per cento, i deputati rilanciano: «Abbiamo fatto un sondaggio in strada, tra la gente che lavora, e i risultati sono sono stati diversi, la gente è con noi. Il sondaggio online è stato “trollato”, producendo un risultato falsato».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]