Violenza sulle donne, cosa insegnerò a mio figlio «Spero che tra 20 anni questo ti sembri assurdo»

Oggi è la giornata contro la violenza sulle donne e qualcuno mi ha chiesto se come mamma, e in particolare mamma di un maschio, tengo conto della questione della parità di genere nell’educarlo e crescerlo. La risposta è che sarei folle e fuori dal mondo se non la tenessi presente. E certamente sarei anche colpevole. Perché se una donna su tre subisce violenza nel corso della vita e in Italia solo nell’anno che sta finendo sono morte 116 donne per mano di mariti, parenti, fidanzati ed ex compagni, è un problema culturale e sociale. E la cultura e la società si cambiano solo con l’educazione di chi domani metterà in pratica la prima facendo parte della seconda.

Sono convinta che gli uomini non abbiano il gene della follia e non diventino pazzi per colpa di quello che mangiano o dello smog. Credo che gli assassini delle donne siano frutto di una cultura millenaria che ha portato alla convinzione che ci sia un genere più forte e uno più debole, uno più libero e l’altro sottomesso, uno che possiede e l’altro posseduto. Una cultura così radicata che quasi non ci accorgiamo di metterla in pratica e trasmetterla anche negli aspetti più banali e apparentemente senza alcun peso. Insomma, se uno pensa che il rosa sia un colore più adatto alle femminucce e l’azzurro ai maschietti, che male fa? Non sarà mica questo a far diventare un bambino un maschio adulto che finisce per strangolare chi dice di amare.

Siamo talmente abituati a fare differenza tra maschi e femmine, a partire dagli stupidi colori, che non ci accorgiamo neanche del danno che possiamo fare

Sarò esagerata, ma per me invece parte tutto da lì, da ogni piccola differenza che si inculca, senza alcun senso, ai nostri figli già col primo vestitino. Così, sono mamma di un maschio che ha appena 16 mesi e sono già 16 mesi che cerco di insegnargli che siamo tutti uguali e con gli stessi diritti, doveri e possibilità: neri, bianchi e gialli, gay e etero, uomini e donne. E mentre per il colore della pelle e l’orientamento sessuale ero preparata, per l’uguaglianza tra maschi e femmine mi ritrovo a dovermi sforzare e a fare molta più attenzione. A combattere contro i «Sei maschio, non si piange», «Non fare la femminuccia», «Il bambolotto no, devi giocare con la tua macchinina». Che sono dappertutto e sulla bocca di chiunque, da quella dei nonni a quella degli amici più cari.

L’altro giorno volevo comprare uno strumento musicale giocattolo, ché mio figlio è in piena fase Riccardo Muti, e l’unico che effettivamente emetteva dei suoni veri era uno xilofono con annesso tamburo di Frozen, azzurro evidentemente solo per uno strano scherzo del destino. L’ho comprato senza pensarci troppo, perché l’importante era che suonasse e mio figlio lo ha subito adorato. Ma una volta a casa tutti hanno notato «che era un gioco per femmine». Anche l’amica/mamma che sembra farsi meno problemi, quella che «il bambino mangia la pasta direttamente dal pavimento, va be’, tutti anticorpi», ha mostrato il suo disappunto. Ho risposto che gay si nasce, non lo si diventa perché da piccolo hai preso a colpi di bacchetta un tamburo rivestito con principesse Disney, ma non li ho convinti.

Ad ogni modo non mi ha dato fastidio. Mi danno fastidio le donne che mi dicono che sono fortunata ad essere mamma di un maschio «perché le femmine danno più problemi, si deve stare più attenti, diventano civette, entrano in competizione». Trovo assurdo che ci siano donne non felici di dare al mondo altre donne, e tutte le volte non riesco a credere alle mie orecchie. Neanche fossimo ancora al tempo della dote, quando le figlie femmine erano un peso ed era meglio buttarle dalla rupe appena nate. Mi danno fastidio i papà di figlie femmine che dicono a mio figlio, che ancora non sa pronunciare neanche tutte le lettere dell’alfabeto, che «per ora possono giocare insieme, ma tra qualche anno te lo scordi, mia figlia non avrà amici maschi, non uscirà fino ai 30 anni». Tutte le volte spero sempre che sia uno scherzo. 

Ma poi è tutte le volte lo stesso scherzo e il dubbio si fa più forte. E non sto dicendo che sono persone orribili che faranno crescere maschi assassini e femmine con l’attrazione fatale per gli stalker. So per certo che alcuni di loro sono migliori di me in molte cose, ma non capisco come possano davvero credere che le paure di una mamma per un figlio possano differenziarsi in base al sesso o pensare ancora che una bambina debba essere preservata e protetta dal poter diventare una «donna facile», terrore di ogni papà, e invece il figlio maschio è «libero di fare ciò che vuole». Non capisco come possano alimentare tutti gli stereotipi più sbagliati che rendono gli uomini e le donne diversi e come possano non accorgersi di farlo. Proprio oggi, proprio di questi tempi, proprio quando ogni giorno si parla di una donna uccisa per mano di un uomo

E poi insegnerò a mio figlio che le persone non si possiedono, che bisogna rispettare la loro volontà, la loro libertà, che sempre, ma a maggior ragione se le ami, devi lasciarle decidere e, quando succede, anche andare

Siamo talmente abituati a fare differenza tra maschi e femmine, a partire dagli stupidi colori, che non ci accorgiamo neanche del danno che possiamo fare. Quindi come donna e genitore cerco di insegnare a mio figlio il rispetto per gli altri in generale, senza fare distinzioni, perché farle è sbagliato in quanto crea la categoria del più forte e quella del più debole, che è uno dei punti principali di questa malattia sociale. Come mamma di un maschio educo mio figlio esattamente come farei con una bambina. Per dirne una: farà le faccende di casa, come fa il suo papà, perché è sbagliato che nel 2016 la suddetta attività sia ancora considerata come prettamente femminile e che un uomo che la pratica sia visto come un santo o un extraterrestre. E se un giorno avrò una bambina, avrà le stesse libertà di suo fratello, ché tanto mio figlio non potrà fare semplicemente quello che gli pare perché tanto è maschio e non ci sono problemi.

E poi insegnerò a mio figlio che le persone non si possiedono, che bisogna rispettare la loro volontà, la loro libertà, che sempre, ma a maggior ragione se le ami, devi lasciarle decidere e, quando succede, anche andare. Nella speranza di tenerlo lontano dal sistema di valori, che non dovrei chiamare neanche così, assolutamente sballato che è alla base del femminicidio. Ci proverò con le parole, le spiegazioni, ma soprattutto con quello che conta davvero: l’esempio. Perché è ciò in si cui crede, quello che si pratica e che si dice senza accorgersene, che si insegna ai figli. Loro ci guardano agire ogni giorno e, dalla piccola alla grande cosa, ciò che gli rimane di più nella mente è come ci comportiamo. Quindi spero che per mio figlio l’esempio del suo papà sarà quello da cui prenderà lezioni e apprenderà: una brava persona, un bravo uomo che rispetta le persone in generale e quindi le donne, che rispetta e tratta da pari la sua mamma, senza che questa sia una cosa speciale.

Non so se riuscirò a crescere una brava persona, un bravo uomo: quello del genitore è il mestiere più terrificante, bello e difficile del mondo, e la scommessa più grande della mia vita. Lo spero, come spero che, se fra vent’anni mio figlio leggerà quello che ho scritto, lo trovi anacronistico e assurdo.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]