Violenza di genere, parte il progetto che mira a curare gli uomini autori di maltrattamenti

«Per la maggior parte delle volte, un uomo violento torna a commettere lo stesso reato». Lo dice Leonardo Agueci, già procuratore aggiunto di Palermo e oggi presidente della Fondazione Legalità Onlus, che aggiunge: «ecco perché si deve recuperare un ritardo, e interrogarsi, tutti, su come intervenire». Da questa premessa, giovedì 14 novembre 2019 alle 10, al Centro di Accoglienza Padre Nostro di Brancaccio (Ex Mulino del sale, via San Ciro n. 6 a Palermo), prende il via un ciclo formativo rivolto a operatori del sociale, forze di polizia e magistrati per la prevenzione e gli interventi per gli uomini autori di maltrattamenti.

È Maurizio Artale, presidente del Centro fondato dal Beato Giuseppe Puglisi, a sottolineare «il profondo significato del realizzare tale iniziativa proprio nel territorio di Brancaccio, in cui è oggi attivo un presidio permanente della cultura dell’ascolto, dell’accoglienza e del servizio alla comunità, orientato alla tutela dei diritti delle persone e al contrasto ad ogni forma di violenza, che rappresenta uno dei frutti del martirio del Beato».

La violenza maschile sulle donne ha un carattere strutturale e non certo emergenziale. Accade che questi uomini, invece di tentare di capire come trasformare il loro istinto violento in altro, ci si abbandoneranno: dall’immaginare violenze sulle donne o anche sui bambini, torneranno a compierle. È evidente che il lavoro primario è quello conoscitivo e sui contesti culturali.

«L’Ufficio interdistrettuale di esecuzione penale esterna – spiega Marina Altavilla, dirigente UIEPE – da tre anni ha avviato la sperimentazione della presa in carico dei maltrattanti autori di reato in esecuzione penale esterna in tutti gli otto uffici presenti in Sicilia, con una supervisione centrale che ha accompagnato negli anni l’operatività regionale; oggi, grazie a nuovi progetti, abbiamo ritenuto importante aprirci anche all’aspetto della prevenzione primaria nelle scuole e a chiedere una collaborazione a tutte le agenzie non solo di controllo, ma anche sociali e sanitarie presenti nei territori. Quest’ultima azione è molto complessa a fronte di una quasi totale carenza di servizi appositamente dedicati».

Il percorso formativo «Un altro me» (sette, in tutto, gli appuntamenti) prende il titolo dal film di Claudio Casazza realizzato nel 2016, che ha come tema il primo esperimento italiano di «trattamento intensificato» per responsabili di violenze sessuali nel Carcere di Bollate ad opera del CIPM di Milano il cui obiettivo è quello di prevenire la recidiva dei cosiddetti sex offenders. Il quesito è, innanzi tutto, se e come un autore di un reato di violenza contro le donne possa prendere coscienza di ciò che ha fatto, per non ricadere un giorno nella stessa violenza. In ogni caso, l’elaborazione delle proprie emozioni può essere un cammino lunghissimo, inedito per molti adulti maschi.

«La crescente diffusione di gravi condotte ascrivibili alla violenza di genere nei confronti delle donne, da parte degli uomini, rende necessaria l’adozione di interventi specialistici sebbene integrati e orientati alla presa in carico multidisciplinare dei maltrattanti», afferma Rosanna Provenzano, referente scientifico del Programma formativo. La formazione integrata a tutto campo aiuta a ricostruire una capacità di lettura del fenomeno, e, secondo Provenzano, «a superare i limiti conoscitivi e operativi di chi, concentrato sul proprio compito rischia di non avere gli strumenti per andare oltre e vede e interviene solo su una porzione del problema».

«La recidiva degli autori di violenza è straordinariamente alta se non interviene qualcosa o qualcuno, è necessario tenerlo bene in mente. Ecco, dunque, la necessità – conclude Agueci – di agire perché possano essere presi in carico da un servizio o un centro d’ascolto per uomini maltrattanti».


Dalla stessa categoria

I più letti

Se c’è una cosa che non si può comprare, è il tempo. Lo sanno bene gli imprenditori, spesso alle prese con la burocrazia e la risoluzione dei problemi, che lasciano poco spazio allo sviluppo delle proprie attività. Una di queste preoccupazioni, però, ha una soluzione facile: si tratta della flotta auto aziendali, gestibile risparmiando tempo […]

«In natura non esistono i rifiuti, ogni elemento si inserisce nel ciclo del biosistema, mantiene il valore il più a lungo possibile e si trasforma in nuova risorsa, innescando un circolo virtuoso». Ancora possibile anche in una società del consumo, andando Al cuore delle cose. Prende spunto – e pure il nome – da questo […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Sid Vicious ha ammazzato la sua compagna Nancy (non andò a processo perché morì di overdose). Bill Cosby sta facendo collezione di denunce per violenza sessuale. A Harvey Weinstein sappiamo tutti com’è finita. C’hanno fatto anche un movimento, il #metoo, per sensibilizzare alla violenza di genere tra i vipponi. Ma al governo italiano piacciono soltanto […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Non siamo una città. Siamo un incubo. Uno di quelli realistici, ma talmente esagerati che non possono essere veri. E, prima o poi, infatti, ci si sveglia. È però una lunga notte quella che stiamo vivendo da cittadini: catanesi oggi, palermitani appena un anno fa, siciliani tutti. Un sonno profondo che si rinnova a ogni […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]