Viola, Ciancio e gli affari Porte di Catania e Outlet village L’ex deputato racconta in aula la riunione con Lombardo

Un intreccio di compravendite, cemento, affari e un fiume di denaro. È lo spartito che ha caratterizzato l’ultima udienza nel processo a Mario Ciancio Sanfilippo. Il potente imprenditore ed editore etneo, tornato a capo del quotidiano La Sicilia, è accusato dai magistrati della procura di Catania di concorso esterno in associazione mafiosa. In aula, al piano terra del palazzo di giustizia di piazza Giovanni Verga, è toccato all’ex eurodeputato Vincenzo Viola accomodarsi sul banco dei testimoni. Originario della provincia di Agrigento, 70 anni, esponente in passato del Patto di rinascita nazionale di Mariotto Segni, con Ciancio ha condiviso alcune imponenti operazioni imprenditoriali che poi sono diventate le fondamenta dell’indagine allo stesso editore ma anche all’ex presidente della Regione Raffaele Lombardo. Anche oggi questi nomi si sono incrociati tra loro.

A partire da quanto registrarono le cimici il 28 luglio 2008 nella stanza dell’editore nel palazzo del quotidiano che dirigeva in viale Odorico da Pordenone. Quel giorno, mentre si sorseggiava thè freddo e caffè, si affrontò la questione del centro commerciale Porte di Catania: ipermercato da 150 negozi e cinquemila posti auto. «Da tre mesi non potevano proseguire con i lavori per l’ostruzionismo del Comune di Catania», racconta Viola in aula. L’ex politico è la figura chiave di quella operazione, entrando nell’affare con l’acquisto del 50 per cento delle quote della Icom srl, società che ha poi visto l’ingresso dello stesso Ciancio e della moglie Valeria Guarnaccia. «Per proseguire i lavori – continua Viola in aula – bisognava fare passare una variante, che all’epoca era ferma da un anno e due mesi. Ci dissero che dovevamo pagare sette milioni di euro per gli oneri di urbanizzazione».

Ma che ci faceva Lombardo nell’ufficio di Ciancio a La Sicilia? Il politico autonomista nel 2008 era stato eletto a presidente della Regione dopo cinque anni al vertice della provincia di Catania e i trascorsi a Palazzo degli elefanti da assessore e vicesindaco. «Le società che volevano acquistare il centro – continua Viola – volevano interloquire con le maggiori autorità politiche della città e quindi ci chiesero di incontrare Lombardo e Raffaele Stancanelli». Faccia a faccia poi effettivamente avvenuti. «L’incontro con Stancanelli, che era stato eletto sindaco, – prosegue il testimone – avvenne al Comune e il primo cittadino ci disse che si sarebbe informato per verificare se quanto rappresentato fosse vero». Il secondo appuntamento, invece, è quello nel palazzo del quotidiano cartaceo. «In realtà – prova a precisare Viola – tre giorni prima la variante era stata comunque approvata con il silenzio assenso». Parole che rimandano ai brogliacci delle intercettazioni quando, nella stanza di Ciancio, fu lo stesso Viola a dire a Lombardo: «Io penso che bisogna cambiare qualche cosa – diceva – ammorbidire ma non in denaro». «Con Ciancio abbiamo partecipato a quella riunione – specifica oggi Viola – perché avevamo interesse ad avere i soldi». L’affare alla fine si concretizza tramite la catena francese di supermercati Auchan. L’editore incassa, tra le plusvalenze delle quote e i terreni di proprietà in cui viene costruita l’opera, circa 28 milioni di euro

Viola in aula, sollecitato dalle domande dei magistrati Agata Santonocito e Antonino Fanara, ripercorre anche l’affare del Sicily outlet village di Agira, in provincia di Enna. Operazione, anche questa da milioni di euro, realizzata dall’imprenditore e patron dell’Atalanta Antonio Percassi. «Ciancio inizialmente era diffidente – svela Viola – e non posso dimenticare il suo stupore quando vide cosa era stato realizzato». Viola e Ciancio entrano in tandem con le società Svim e Cisa e l’obiettivo era vendere il progetto, già impacchettato con varianti, autorizzazioni e nulla osta amministrativi, a Percassi (non coinvolgo nell’indagine, ndr). Quando ad Agira cominciano i lavori nei cantieri, in subappalto, entrano anche i mezzi di Vincenzo Basilotta, Mariano Incarbone e Sandro Maria Monaco. Imprenditori, alcuni dei quali come Incarbone condannato poi in via definitiva, in odore di mafia. «Le società vennero scelte dal gruppo Percassi – spiega Viola – Per alcune imprese poi emerse il coinvolgimento in vicende giudiziarie ma in un primo momento avevano avuto il nulla osta dalla prefettura».

Dopo la vendita del progetto Viola e Ciancio rientrano comunque in gioco. «Mi chiese se potevamo rimanere, anche con una quota minima, al suo fianco – spiega il testimone – La cosa per noi era interessante perché oltre al progetto c’era la possibilità della cessione a un fondo d’investimento». Questo passaggio dell’affare però non si concretizzò, sostiene Viola. «Vittime del cambiamento dei tempi e dei grandi gruppi che non volevano investire in Sicilia – aggiunge – Percassi non riusciva a vendere e nel 2015, ritenendo la situazione insostenibile, chiedemmo a Percassi di ricompare le quote che ci aveva dato e così avvenne». Forse bisognava soltanto aspettare? «Sei mesi fa – conclude Viola – ha venduto tre outlet in Italia, tra cui quello di Agira, per un prezzo di 500 milioni di euro, se fossimo rimasti forse avremmo guadagnato qualcosa». 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]