L’ultimo video dell’operaio messinese morto nell’incidente ferroviario: «Se dico “treno”, andate di là»

«Ragazzi, se vi dico “treno” andate da quella parte, eh». Un video di poco più di sei minuti che era rimasto salvato tra le bozze dei contenuti da pubblicare su Instagram nel profilo social di Kevin Laganà, l’operaio messinese che è la vittima più giovane dell’incidente ferroviario lungo la linea che collega Torino Milano, tra Chivasso e Brandizzo. Immagini girate nella tarda serata del 30 agosto, poco prima che il treno a 160 chilometri orari arrivasse a investire e uccidere i cinque operai. Un incidente per cui ora sono indagati dalla procura di Ivrea, che ipotizza il dolo, Antonio Massa – addetto di Rfi – e Andrea Girardin Gibin – capocantiere della ditta Sigifer – gli unici due sopravvissuti. Un video inedito che è stato recuperato dai familiari del 22enne, che erano in possesso delle password del dispositivo, e consegnato alla procura dall’avvocato Enrico Calabrese che assiste i familiari di Laganà.

All’inizio della ripresa, si vede il 22enne con una maglietta arancione, una torcia appesa al collo e la sigaretta in bocca. Dalla posizione di selfie, la telecamera del cellulare viene girata e inquadra i binari del treno su cui gli altri colleghi hanno già iniziato a lavorare. «Non abbiamo neanche l’interruzione ancora», dice Laganà che poi saluta sorridendo gli utenti da cui sarebbe stato visto il video che, invece, è rimasto non pubblicato. «Ciao ragazzi, ci vediamo alla prossima. Metterò un TikTok tra un paio di giorni». Toni sereni e un clima che sembra rilassato, senza nessuna preoccupazione. Non immagina che, di lì a poco, un treno investirà a morte lui e altri suoi quattro colleghi impegnati nei lavori di manutenzione dei binari.

Un contenuto recuperato dal profilo social di una delle due vittime siciliane (l’altro è il 53enne Giuseppe Saverio Lombardo originario di Marlasa, in provincia di Trapani) da cui sembra chiaro che la squadra sarebbe stata messa al lavoro sui binari pur con la consapevolezza che da lì sarebbero ancora passati dei treni. Intanto, continuano le indagini e gli accertamenti per ricostruire l’esatta dinamica di quanto accaduto e per risalire alle eventuali responsabilità di quello che pare non essere un episodio isolato ma una prassi consolidata. Intanto, i pubblici ministeri hanno già intervistato una testimone chiave della vicenda: la dipendente di Rfi che la sera del 30 agosto dalla sala controllo di Chivasso per tre volte ha avvertito di non occupate i binari perché da lì sarebbero ancora passati degli altri treni. Alla quarta telefonata ha saputo che «sono tutti morti».


Dalla stessa categoria

I più letti

«Ragazzi, se vi dico “treno” andate da quella parte, eh». Un video di poco più di sei minuti che era rimasto salvato tra le bozze dei contenuti da pubblicare su Instagram nel profilo social di Kevin Laganà, l’operaio messinese che è la vittima più giovane dell’incidente ferroviario lungo la linea che collega Torino a Milano, tra Chivasso e […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]