Via di Majo, 71enne cade per strada e si rompe un braccio Chiede danni al Comune ma nessuno prende la sua querela

Traumi alle ginocchia e a una spalla, e addirittura una delicata frattura scomposta all’omero sinistro che le causa un’invalidità permanente al braccio. È l’esito della rovinosa caduta per strada di G.N, 71enne palermitana. Che dopo un lungo iter di faticosa ripresa – tra ricovero, intervento d’urgenza e fisioterapia – ancora non terminato, l’anziana signora ha deciso di chiedere i danni al Comune di Palermo, rivolgendosi agli specialisti di Studio3A. Ma le brutte sorprese, per la donna, non sembrano essere ancora finite. L’incidente avviene l’1 febbraio scorso. Sono circa le 18 e il sole è già tramontato da qualche ora, intorno la strada è buia. La signora sta rincasando percorrendo a piedi via suor Maria Dolores Di Majo, in zona Uditore, quando inciampa a causa della strada dissestata e precipita a terra.

Soccorsa da alcuni passanti, che hanno visto tutta la scena, la 71enne in preda a forti dolori viene subito trasportata all’ospedale Villa Sofia-Cervello, dove constatano le sue condizioni. Viene subito sottoposta a un intervento di riduzione, con l’applicazione di una protesi inversa, e resta ricoverata per una settimana nel reparto di Ortopedia e Traumatologia. È lì che inizia il vero calvario, tra gesso e un arto ormai inservibile, ripetute visite di controllo, farmaci antidolorifici, sedute di fisioterapia per recuperare quanto più possibile della funzionalità originaria. La signora non si è ancora ripresa del tutto, ci vorrà del tempo, ma i medici le parlano da subito di una invalidità permanente non di poco conto. Oggi, dopo oltre un mese entrando e uscendo di continuo dall’ospedale, la signora, rispettando i termini di legge, ha tentato di sporgere formale querela. Solo che dopo aver girato per diverse zone della città, bussando alla porta di numerosi presidi delle forze dell’ordine, ha dovuto desistere.

«Le è stato inspiegabilmente negato questo diritto», spiega Studio3A. I carabinieri, dal canto loro, avrebbero obiettato alla 71enne che l’onere competeva alla polizia locale. Questa, invece, si sarebbe rifiutata di raccogliere la querela, lamentando di non essere stata chiamata al momento dell’incidente. «Quando accadono queste cose per prassi, per tutelarsi, si fa appunto una querela – spiegano dallo Studio3A -. Noi confidiamo che il Comune, invece di trascinare la vicenda in causa, si metta una mano sulla coscienza e risarcisca la signora trovando un accordo stragiudiziale, in modo da risparmiare tempo e darle una risposta subito senza dover arrivare a una causa. Se il Comune, però, non dovesse assumersi la responsabilità di quanto accaduto, è chiaro che verrà citato in causa ed emergerà che quella strada era in condizioni gravemente dissestate». 

L’anziana 71enne, infatti, non è l’unica a Palermo a incorrere in un incidente del genere, inciampando nelle crepe e nei dislivelli di strade il più delle volte trascurate. «È risaputo che l’amministrazione è sommersa di azioni civili sul genere che costano più di cinque milioni di euro l’anno in risarcimenti, dato che i giudici non possono che accogliere le domande – spiega ancora Studio3A -: nel 2019 l’avvocatura di Palazzo delle Aquile stimava in oltre un migliaio i contenziosi a forte rischio di soccombenza». Intanto, la querela sarà comunque presentata, ma direttamente alla Procura della Repubblica di Palermo dopo l’11 maggio, quando gli uffici giudiziari riapriranno al pubblico, e la 71enne denuncerà anche la circostanza di oggi, quella di non essere riuscita a trovare qualcuno che raccogliesse la sua querela. Studio3A, società specializzata a livello nazionale nel risarcimento danni e nella tutela dei diritti dei cittadini, ha già inviato al Comune di Palermo la richiesta delle coperture assicurative e dei danni


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]