Verso Palermo-Catania, i ricordi da derby di Stovini «Che gioia il 4-0. Gol di Mascara? Mi veniva da ridere»

Il derby di Sicilia è alle porte. Sono passati più di sette anni e mezzo dall’ultimo incrocio tra le due grandi esponenti del calcio isolano: era il 21 aprile del 2013 quando un Catania con ambizioni europee ospitava un Palermo a rischio retrocessione. Di quella gara, finita 1-1, tornano in mente le scritte “B” apparse in Curva Nord, l’illusorio vantaggio firmato da Barrientos e il gol di Ilicic in pieno recupero, col portiere etneo Andujar espulso per aver aggredito il rosanero Barreto. Una partita come sempre tesa, elettrica, mai banale: una vera e propria battaglia sportiva, di quelle che tanto si addicevano allo spirito di un guerriero indomabile che ha comandato la difesa rossazzurra per tre lunghe e appassionanti stagioni.

Lorenzo Stovini da Firenze, classe 1976, ha vestito la maglia del Catania per 102 partite tra 2006 e 2009, contribuendo in maniera fondamentale a far crescere una realtà salvatasi a fatica i primi due anni di A, per poi raggiungere una comoda permanenza al terzo tentativo. Maglia numero 6 sulle spalle, grinta e personalità da vendere, grande forza fisica e un tempismo perfetto nelle chiusure: erano questi i tratti distintivi di quello che è stato un leader difensivo irrinunciabile per tutti gli allenatori transitati sulla panchina etnea in quegli anni. Da Pasquale Marino a Silvio Baldini, passando per Walter Zenga: «Ho avuto buoni rapporti con tutti – ricorda Stovini a MeridioNews – ogni tecnico è fatto a modo suo, ma c’è stato rispetto reciproco con ognuno di loro». 

Quello di Lorenzo il Magnifico è stato un triennio indimenticabile: «Ho ricordi stupendi, che resteranno per sempre nel mio cuore». Quando si parla di derby, poi, i pensieri scorrono liberi: «Ogni volta è stata una partita speciale a Catania: già dalla settimana prima si percepiva tanta adrenalina in più in città. Gli stessi tifosi, nei giorni precedenti alla gara, venivano a incitarci con ancora più forza – ribadisce l’ex rossazzurro – ricordandoci come per loro quella gara fosse fondamentale». L’episodio più amaro resta la partita del 2 febbraio 2007, segnata dai gravissimi scontri che hanno portato alla morte dell’ispettore di Polizia Filippo Raciti: «Quello è il derby che nessuno vorrebbe ricordare – ammette Stovini – anche perché quei fatti drammatici fatti hanno fatto passare tutto il resto in secondo piano: da lì in poi la nostra annata è diventata difficilissima, con una salvezza acciuffata solo all’ultima giornata».

Le note più liete sono quelle della stagione 2008-2009: la vittoria per 2-0 dell’andata al Massimino e, soprattutto, il clamoroso 4-0 del primo marzo 2009 al Renzo Barbera. Una vittoria storica: gli etnei non espugnavano Palermo dal 1992 e non vincevano trasferte di campionato da quasi due anni. «Fu una partita pazzesca, perfetta: vincere un derby così ti dà una carica incredibile. Ricordo ancora la festa dei tifosi che avevano atteso il nostro rientro in città in piena notte». L’aneddoto più divertente riguarda la famosa rete del 3-0 di Mascara, segnata da centrocampo: «Una gioia indescrivibile. Lì per lì – ricorda Stovini – mi è venuto anche da ridere talmente è stato incredibile il gol. Certe cose le possono fare solo i grandi campioni: io non avrei neanche potuto immaginare una cosa simile».

I ricordi di un periodo d’oro per il calcio catanese cedono il passo a un presente più povero, con le due squadre che si ritroveranno domani sera alle 21 in una sfida che vale solo per la terza serie. «Seguirò il derby (diretta su Rai Sport, ndr), sarà la prima volta della stagione in cui potrò vedere all’opera il Catania. Non guardo più molto calcio in tv – prosegue l’ex difensore rossazzurro – anche perché non sono dentro questo mondo da un bel po’. Rispetto a quando giocavo le cose sono cambiate, c’è una mentalità sempre più orientata al business e ai ricavi: farei fatica a trovarmi bene». Restano i contatti con qualche ex compagno, come Baiocco, Minelli, Rossini e Sottil e poco altro. L’ultima battuta non può che riguardare il pronostico: «Sarà una gara difficile – ricorda Lorenzo il Magnifico – il Palermo è una squadra in difficoltà ma pericolosa: io, però, punto sempre sul Catania». 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]