Vazquez-gol, vittoria scacciacrisi a Verona Rosanero corsari, Ballardini «respira»

La luce in fondo al tunnel. L’ha trovata il Palermo che ha vinto sul campo del Verona per 1-0 (decisivo un gol di Vazquez) conquistando tre punti preziosi in chiave salvezza nell’ultima giornata del girone di andata. Tre punti molto pesanti perché ottenuti contro una diretta concorrente e perché maturati in una giornata impreziosita, sul fronte rosanero, dalla sconfitta del Frosinone terzultimo in classifica. Il primo successo esterno della gestione Ballardini dà un impulso notevole al percorso stagionale dei rosa. La squadra respira e ritrova un po’ di serenità al culmine di una tre-giorni particolarmente difficile scandita dal ritiro a Coccaglio. Era un’altra gara da «dentro o fuori» per Ballardini e il tecnico, a meno di clamorose novità (con Zamparini non si può dare nulla per scontato), può tirare un sospiro di sollievo grazie ad una vittoria che inguaia il Verona, fanalino di coda del torneo e ancora a secco di successi, e che legittima le ambizioni del Palermo, al giro di boa con 21 punti, sei di vantaggio sulla zona retrocessione. Cullarsi sugli allori è vietato ma la vittoria odierna, arrivata dopo due ko consecutivi, alimenta un pizzico di fiducia in più tenendo conto che, quest’anno, la quota salvezza sarà molto probabilmente più bassa rispetto alle precedenti stagioni.

Il messaggio lanciato da Ballardini è chiaro: si riparte dal secondo tempo del match con la Fiorentina. Porzione di gioco nella quale il Palermo, sotto di due gol, ha mostrato una reazione con il modulo con la difesa a tre e l’inserimento di Gilardino. Anelli di congiunzione con la sfida di oggi: il tecnico rinuncia inizialmente a Chochev (il centrocampo presenta solo due interni) e schiera Vazquez a supporto del centravanti piemontese e di Trajkovski. Al di là dei moduli, in ogni caso, è sempre l’interpretazione che fa la differenza, è l’ispirazione dei singoli a determinare il funzionamento di una formula. E’ il caso di Vazquez, lontano parente del giocatore anonimo e sfiduciato visto mercoledì. Considerazione che prescinde dal gol realizzato al 27’ del primo tempo. Una rete che premia l’opportunismo del Mudo, sulla traiettoria di un tiro sporco di Jajalo e abile a superare il portiere Gollini con una precisa conclusione di destro. Che non è il “piede” dell’italo-argentino, incisivo ancora una volta lontano dalle mura amiche in linea con il trend registrato nella passata stagione.
 
Sfogliando l’album del girone di andata c’è una cartolina molto simile all’immagine fornita dal match di oggi. La fotografia è quella relativa alla sfida di Bologna, un match con tante analogie riconducibili, ad esempio, al peso specifico di due giocatori in particolare: Vazquez e Sorrentino. Il primo ha realizzato di nuovo il gol-vittoria; il secondo è stato determinante con i suoi interventi e nel primo tempo, sul punteggio ancora inchiodato sullo 0-0, si è superato con un doppio miracolo sui tentativi ravvicinati di Pazzini. E pensare che il capitano non avrebbe dovuto giocare. Era questa la decisione presa da Ballardini all’antivigilia e maturata in ritiro n seguito ad un’accesa discussione con l’estremo difensore campano. Il caso poi è rientrato e Sorrentino (così come Gilardino) è stato schierato regolarmente nella formazione titolare. Troppo importante, la gara di oggi, per lasciare fuori un elemento come Sorrentino. Non sappiamo se lo scontro verbale di venerdì lascerà delle scorie. Il campo, nel frattempo, ha confermato che Sorrentino è un pilastro portante di questa squadra, un giocatore che fa la differenza. Le similitudini con la trasferta di Bologna sono visibili attraverso lo sviluppo del match: anche oggi il gol di Vazquez è arrivato alla prima vera occasione dei rosanero e ha rallentato il ritmo incessante dei padroni di casa, pericolosi in più di una circostanza nella prima porzione dell’incontro.

L’acuto del numero 20 ha dato fiducia alla compagine di Ballardini che, nonostante le minacce del temibile tandem Toni-Pazzini, ha resistito con forza e spirito di sacrificio all’onda d’urto dei gialloblù. Fondamentale il contributo della linea a tre difensiva, diga insormontabile per la formazione guidata da Del Neri. Nella ripresa gli ospiti hanno mantenuto ordine e lucidità e, rispetto al primo tempo, si sono presentati in area avversaria con maggiore pericolosità. Da segnalare le occasioni fallite di un soffio, di testa, da Trajkovski e Goldaniga, fermato da un intervento di istinto di Gollini. Nell’ultimo segmento del match c’è spazio anche per l’esordio del neo-acquisto Cristante.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]