Valerio Vermiglio, classe ed esperienza per Aci Castello Il fuoriclasse messinese sposa la causa della Saturnia

Si possono trovare ancora stimoli ed emozioni a 44 anni suonati, dopo aver vinto tutto in giro per il mondo e con più di trecento gare in nazionale alle spalle? La risposta, per fortuna degli appassionati catanesi di volley, è positiva: la dimostrazione vivente di come la
passione per lo sport vada oltre i titoli e gli onori porta il nome e cognome di Valerio Vermiglio, intervistato ieri anche da Radio Fantastica. Un vero e proprio monumento della pallavolo nostrana, con un curriculum da urlo. Cinque campionati e una Champions vinte a Treviso più cinque Coppe Italia e quattro Supercoppe italiane, e poi un titolo russo, due Supercoppe e un’altra Champions con lo Zenit Kazan, l’argento olimpico di Atene in maglia azzurra, assieme a una World League e due titoli europei nel 2003 e 2005. Il suo immenso bagaglio di esperienza e vittorie, da ieri, è stato messo interamente a disposizione di una Saturnia Aci Castello che si è appena affacciata alla Serie A3.

Un progetto ambizioso e affascinante, a cui Vermiglio ha aderito con la carica e la voglia di un ragazzino. «Il diesse Piero D’Angelo sapeva che ero a Messina in stand-by. Lui e il resto della dirigenza – racconta il giocatore – hanno pensato di contattarmi perché per loro potevo rappresentare il classico anello mancante per valorizzare l’intero gruppo. Ci siamo subito sentiti sulla stessa lunghezza d’onda e abbiamo trovato l’accordo in un lampo: in meno di 48 ore sono diventato un atleta della Saturnia». La voglia di essere profeta in patria ha giocato un ruolo importante: «Quando giochi per tanto tempo fuori dalla Sicilia – ribadisce Vermiglio – non esiste più la provincialità. Sapere che nella mia terra ci fosse un progetto che unisse persone con tanta passione e competenza è stato decisivo. Ad Aci Castello c’è un gruppo di giovani che aspetta solo di diventare grande, per tornare a fare la storia nel mondo della pallavolo».

Fiducia totale anche per quanto riguarda le sue condizioni fisiche: «Sono indietro rispetto al mio standard ideale, ma ho anche
la piena consapevolezza di poter dare tanta esperienza e continuità: posso diventare – ammette Vermiglio – un punto di riferimento per questi ragazzi. La particolarità di questa stagione aiuta i vecchietti come me a poter tornare in forma con più tranquillità, preparandosi al meglio». La squadra guidata da Mauro Puleo è al momento in fondo alla classifica, con una sola vittoria dopo otto gare: il percorso, però, è ancora lunghissimo. «La Serie A3 rispetto alla B è un’altra cosa: cambiano molti parametri. Noi abbiamo tante ottime individualità che, per forza di cose, non posseggono ancora la piena capacità di amalgamare le proprie caratteristiche a quelle del resto del gruppo. Il nostro sarà un processo di crescita costante – ricorda il palleggiatore messinese – che ha anche lo scopo di diventare richiamo e punto di riferimento per tutti i giovani catanesi e siciliani appassionati di pallavolo». 

Inevitabile, poi, lasciarsi andare ai ricordi di una carriera clamorosa: «
In questi giorni ho sentito tanti ex compagni di nazionale che mi hanno incoraggiato. Non faccio nomi – scherza Vermiglio – per evitare di far torto a qualcuno, ma è bello rinverdire i legami con chi ha condiviso assieme a te momenti importanti di sport e vita». Tra i tanti successi il pensiero non può che tornare all’argento olimpico del 2004, oltre ai due trionfi europei di Roma e Berlino: «Nei pro e contro, alla fine, è bello ricordare tutte le proprie vittorie, anche se le prime sono quelle che ti segnano maggiormente». Un ultimo pensiero va poi al pubblico catanese, nella speranza di poterlo abbracciare presto. «Tornare a giocare qui  – ammette il pallavolista – è un piccolo sogno che diventa realtà: mi permette di riassaporare un’atmosfera unica, vissuta per la prima volta alle Universiadi del ’97. Ci sarà una squadra che onorerà al massimo la città che li ospita: i tifosi di Catania, per tradizione, sono tra i più caldi e competenti di tutta la Sicilia, sono sicuro che riusciranno a fare la differenza».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]