V. S. Filomena, muore proprietario di antica sartoria «Questa strada sarà un po’ più triste, senza di lui»

«Una bravissima persona, gran lavoratore e onesto. Un gran signore. Andandosene, il signor Randazzo ha fatto piangere tutta via Pacini». Dai negozi di strumenti musicali al calzolaio, dalle mercerie alla torrefazione, dai ristoranti alla moda alla libreria, non uno dei commercianti di via Pacini e via Santa Filomena risparmia dichiarazioni di stima per Enrico Salvatore Randazzo, il proprietario dell’omonima sartoria aperta nel 1926, venuto a mancare improvvisamente lo scorso giovedì.

«Apprendere della sua morte è stata una doccia fredda. Randazzo era un’istituzione, la bottega è qui da sempre», racconta il titolare di un negozio di strumenti musicali. «Lui rappresenta la storia di via Santa Filomena. Sono certo – aggiunge un signore che possiede un negozio di accessori per calzature – che in cielo dov’è ora farà sorridere tutti, come faceva ogni giorno qui. Era un mito».

«Lo conoscevo bene, da una vita, eravamo compagni d’avventura», commenta con un sorriso amaro Tino, amico di lunga data di Randazzo: «È sempre stato solare, allegro. Amava alla follia la sua Catania e via Etnea – prosegue l’uomo – andavamo spesso a passeggiare lì nel tempo libero. E col tempo il suo negozio era diventato un punto di ritrovo per molti di noi. Sapesse quante foto, coi passanti, con turisti da tutto il mondo. E poi – ricorda – faceva tanta beneficenza, con discrezione e senza mai sbandierarlo, come i veri signori. Aveva tanti amici – conclude – al funerale la chiesa era stracolma di gente».

Anche i commercianti più giovani e i gestori dei locali aperti negli ultimi anni, pur non conoscendolo da tempo, conservano all’unanimità un ricordo affettuoso del sarto che da oltre quarant’anni confezionava abiti su misura in una bottega alla fine della via: «Ci salutavamo sempre all’inizio e alla fine di ogni giornata – ricorda Angelica dalla libreria Vicolo Stretto -. Era molto galante, vecchio stile. Era l’ultimo artigiano di via Santa Filomena. Mi faceva sorridere – va avanti la donna – quando, apostrofandomi come “signorina“, si correggeva subito dopo, ricordandosi che sono sposata: “Ah no… Signora!”».

Quello che emerge dalle parole dei vicini di bottega, ma anche dei residenti e dei clienti più affezionati, è il ritratto di un gentiluomo d’altri tempi, di una personalità socievole, gentile e solare, di un uomo fortemente legato al proprio lavoro e ai propri valori: «Questa strada sarà un po’ più triste e silenziosa senza di lui», commenta un residente mentre osserva la vetrina della bottega, chiusa per lutto. «Era una di quelle persone che attaccava bottone senza mai essere invadente, parlare e scherzare con lui veniva naturale – interviene un vicino -. E appena prima di entrare in chiesa per il funerale, il feretro è stato portato qui, davanti a questa bottega e lungo queste vie – continua – che erano un po’ le sue vie, i luoghi in cui ha trascorso una vita, sempre lavorando e sempre sorridendo». 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]