Un’indipendentista per Sala delle Lapidi

Ha 29 anni, ma la politica la “mastica” dai tempi del liceo. Quella con la ‘P’ maiuscola, fatta di impegno concreto, militanza, proteste nelle piazze e battaglie civili. Quella per intenderci, dei giovani di Alleanza nazionale. Poi l’addio a questo partito: “Crescendo mi sono accorta che mancava qualcosa di fondamentale in Alleanza nazionale: l’attenzione verso la questione siciliana. Mi hanno insegnato la militanza, ma io voglio metterla al servizio della mia terra”. Così Giusi Badalamenti approda nel Mis, il Movimento per l’Indipendenza della Sicilia, di cui oggi è coordinatrice provinciale. “E’ l’unico movimento che non ha mai smesso di lottare per i diritti della Sicilia, quei diritti calpestati da 60 anni di storia italiana”. La ragazza ha le idee chiare. E’determinata e appassionata. E pronta a scendere in campo per le prossime elezioni amministrative di Palermo alle quali sarà candidata per il consiglio comunale. Troverà spazio in una delle liste del Mpa: “Non potevo certo candidarmi con un partito nazionale”. Tra i suoi obiettivi “contribuire a portare nel cuore di tutte le istituzioni, a partire dagli enti locali, la questione siciliana” e “rendere vivibile la città ridando ai palermitani quello che meritano, una città bella e vivibile, cominciando dalla riqualificazione di Mondello, non più rimandabile”.
L’abbiamo incontrata.
Cosa ci fa una ragazza giovane come lei con il Mis?
“Perché scusi, la questione siciliana non è roba da giovani? Al contrario penso che il Mis sia il luogo ideale per i giovani”.
In che senso?
“Migliaia di giovani sono costretti ad emigrare ogni anno dalla Sicilia o a vivere di stenti perché questa terra offre poche chance. Tutto questo può cambiare solo se ci si impegna a lottare per la piena applicazione dello Statuto autonomistico. La Sicilia è una terra ricche di risorse, avremmo tutti i mezzi per vivere bene. Solo che finora questa regione è stato solo sfruttata, svilita e sacrificata sull’altare degli interessi, più o meno trasparenti, dei poteri forti italiani. Ci potrà essere un futuro per i giovani in Sicilia solo se si ribalta questa situazione”.
E come si ribalta, con l’indipendenza della Sicilia?
“Il Mis non vuole staccare la Sicilia dall’Italia. Noi vogliamo liberare la nostra terra, ma dai soprusi. I padri nobili dell’Autonomia hanno conquistato con l’intelligenza e con il sangue nella primavera del 1946 lo Statuto e ancora aspettiamo invano che venga attuato. Abbiamo la soluzione a tutti i nostri problemi e abbiamo il diritto di combattere perché questo obiettivo venga raggiunto”.
A quali parti dello Statuto si riferisce in particolare?
“Ovviamente di vitale importanza sono gli articoli 37 e 38, quelli di natura più squisitamente economica la cui applicazione fermerebbe lo scippo delle nostre risorse economiche da parte delle lobby nazionali. Potrei dirle anche che è fondamentale il ripristino dell’Alta corte, che con un colpo di mano, è stata “sepolta viva” come diceva Giuseppe Alessi. Le sue funzioni erano importantissime per la salvaguardia della Sicilia. Ma, in realtà, tutto lo Statuto deve essere applicato, nella sua interezza.
Eppure il Mis a volte è considerato anacronistico.
Solo perché non lo si conosce, oppure perché viene screditato dagli ascari e dai poteri forti che non hanno nessun interesse che la Sicilia si riappropri della propria storia e delle proprie ricchezze”.
Adesso lei si candida al consiglio comunale di Palermo. Nelle liste del governatore Raffaele Lombardo. Perché questa scelta?
“Certo non mi potevo candidare con i partiti nazionali, responsabili dello sfacelo della Sicilia. Il Mpa, al di là di ogni valutazione sul governo e su singoli esponenti, è l’unico partito che ha riportato in auge i temi dell’Autonomia. Questo è innegabile e quindi è una scelta obbligata. Ma il nostro resta un movimento trasversale. C’è da considerare anche che con le leggi vigenti, ovvero, lo sbarramento del 5%, è necessario candidarsi con un lista che superi tale sbarramento”.
Ma cosa può fare dal consiglio comunale di Palermo rispetto a questi temi?
“Sta scherzando? Portare nel cuore di ogni singola istituzione la questione siciliana è l’unico modo per vincere la nostra battaglia, che poi è la battaglia del popolo siciliano. Scendere in campo concretamente significa impegnarsi in prima persona e cambiare il sistema da dentro, in maniera democratica. Inoltre, mi batterò perché questi temi trovino spazio nelle scuole. Non voglio che i ragazzi crescano come noi. A scuola non ci hanno insegnato nulla della storia siciliana e questo spiega perché ancora oggi tanti siciliani non sanno delle ingiustizie che hanno subito e che continuano a subire. Vogliamo sensibilizzare l’opinione pubblica, modificare una cultura politica, e dare il buon esempio con battaglie che interessano i siciliani”.
Insomma bastano una donna e un tamburo per fare la rivoluzione?
“Tante donne, tanti giovani, tanti siciliani, per una rivoluzione pacifica che è innanzitutto culturale. Non a caso il Mis continua a fare proseliti. Penso che i tempi stiano maturando. E sempre più gente si avvicinerà grazie al nostro impegno concreto”.
Qual è la prima cosa che farà per Palermo?
“La riqualificazione di Mondello è un must. Servono fognature, parcheggi, collegamenti. Palermo è una delle poche città europee che non ha saputo valorizzare la sua zona di mare, e questo non è più tollerabile. Comincerò da lì. Ho già un programma preciso e presto avvieremo una raccolta di firme per dimostrare quanto questo problema sia sentito dai palermitani”.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Ha 29 anni, ma la politica la “mastica” dai tempi del liceo. Quella con la ‘p’ maiuscola, fatta di impegno concreto, militanza, proteste nelle piazze e battaglie civili. Quella per intenderci, dei giovani di alleanza nazionale. Poi l’addio a questo partito: “crescendo mi sono accorta che mancava qualcosa di fondamentale in alleanza nazionale: l’attenzione verso la questione siciliana. Mi hanno insegnato la militanza, ma io voglio metterla al servizio della mia terra”. Così giusi badalamenti approda nel mis, il movimento per l’indipendenza della sicilia, di cui oggi è coordinatrice provinciale. “e’ l’unico movimento che non ha mai smesso di lottare per i diritti della sicilia, quei diritti calpestati da 60 anni di storia italiana”. La ragazza ha le idee chiare. E’determinata e appassionata. E pronta a scendere in campo per le prossime elezioni amministrative di palermo alle quali sarà candidata per il consiglio comunale. Troverà spazio in una delle liste del mpa: “non potevo certo candidarmi con un partito nazionale”. Tra i suoi obiettivi "contribuire a portare nel cuore di tutte le istituzioni, a partire dagli enti locali, la questione siciliana" e "rendere vivibile la città ridando ai palermitani quello che meritano, una città bella e vivibile, cominciando dalla riqualificazione di mondello, non più rimandabile".

Ha 29 anni, ma la politica la “mastica” dai tempi del liceo. Quella con la ‘p’ maiuscola, fatta di impegno concreto, militanza, proteste nelle piazze e battaglie civili. Quella per intenderci, dei giovani di alleanza nazionale. Poi l’addio a questo partito: “crescendo mi sono accorta che mancava qualcosa di fondamentale in alleanza nazionale: l’attenzione verso la questione siciliana. Mi hanno insegnato la militanza, ma io voglio metterla al servizio della mia terra”. Così giusi badalamenti approda nel mis, il movimento per l’indipendenza della sicilia, di cui oggi è coordinatrice provinciale. “e’ l’unico movimento che non ha mai smesso di lottare per i diritti della sicilia, quei diritti calpestati da 60 anni di storia italiana”. La ragazza ha le idee chiare. E’determinata e appassionata. E pronta a scendere in campo per le prossime elezioni amministrative di palermo alle quali sarà candidata per il consiglio comunale. Troverà spazio in una delle liste del mpa: “non potevo certo candidarmi con un partito nazionale”. Tra i suoi obiettivi "contribuire a portare nel cuore di tutte le istituzioni, a partire dagli enti locali, la questione siciliana" e "rendere vivibile la città ridando ai palermitani quello che meritano, una città bella e vivibile, cominciando dalla riqualificazione di mondello, non più rimandabile".

Ha 29 anni, ma la politica la “mastica” dai tempi del liceo. Quella con la ‘p’ maiuscola, fatta di impegno concreto, militanza, proteste nelle piazze e battaglie civili. Quella per intenderci, dei giovani di alleanza nazionale. Poi l’addio a questo partito: “crescendo mi sono accorta che mancava qualcosa di fondamentale in alleanza nazionale: l’attenzione verso la questione siciliana. Mi hanno insegnato la militanza, ma io voglio metterla al servizio della mia terra”. Così giusi badalamenti approda nel mis, il movimento per l’indipendenza della sicilia, di cui oggi è coordinatrice provinciale. “e’ l’unico movimento che non ha mai smesso di lottare per i diritti della sicilia, quei diritti calpestati da 60 anni di storia italiana”. La ragazza ha le idee chiare. E’determinata e appassionata. E pronta a scendere in campo per le prossime elezioni amministrative di palermo alle quali sarà candidata per il consiglio comunale. Troverà spazio in una delle liste del mpa: “non potevo certo candidarmi con un partito nazionale”. Tra i suoi obiettivi "contribuire a portare nel cuore di tutte le istituzioni, a partire dagli enti locali, la questione siciliana" e "rendere vivibile la città ridando ai palermitani quello che meritano, una città bella e vivibile, cominciando dalla riqualificazione di mondello, non più rimandabile".

Ha 29 anni, ma la politica la “mastica” dai tempi del liceo. Quella con la ‘p’ maiuscola, fatta di impegno concreto, militanza, proteste nelle piazze e battaglie civili. Quella per intenderci, dei giovani di alleanza nazionale. Poi l’addio a questo partito: “crescendo mi sono accorta che mancava qualcosa di fondamentale in alleanza nazionale: l’attenzione verso la questione siciliana. Mi hanno insegnato la militanza, ma io voglio metterla al servizio della mia terra”. Così giusi badalamenti approda nel mis, il movimento per l’indipendenza della sicilia, di cui oggi è coordinatrice provinciale. “e’ l’unico movimento che non ha mai smesso di lottare per i diritti della sicilia, quei diritti calpestati da 60 anni di storia italiana”. La ragazza ha le idee chiare. E’determinata e appassionata. E pronta a scendere in campo per le prossime elezioni amministrative di palermo alle quali sarà candidata per il consiglio comunale. Troverà spazio in una delle liste del mpa: “non potevo certo candidarmi con un partito nazionale”. Tra i suoi obiettivi "contribuire a portare nel cuore di tutte le istituzioni, a partire dagli enti locali, la questione siciliana" e "rendere vivibile la città ridando ai palermitani quello che meritano, una città bella e vivibile, cominciando dalla riqualificazione di mondello, non più rimandabile".

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]