Unict, se al concorso non vince il migliore Burocrazia vs merito a Economia

La selezione dei ricercatori e degli scienziati più capaci ed eccellenti rappresenta uno dei meccanismi più importanti per far progredire la ricerca scientifica. In Italia i concorsi universitari sono stati frequentemente oggetto di forti critiche sia per le modalità di selezione delle commissioni che per non aver scelto candidati eccellenti con criteri di merito condivisi dalla comunità scientifica.
Esiste a nostro avviso un altro aspetto, sconosciuto a gran parte del pubblico, ma estremamente rilevante nel determinare se un concorso va a buon fine o meno: il funzionamento delle “procedure concorsuali”.

Regole applicate alla lettera
In ogni concorso una quota consistente, forse la più consistente, del tempo è dedicato alla verbalizzazione delle operazioni svolte. Tutti i commissari sono sempre assai preoccupati di non riuscire a rispettare in modo rigoroso le norme procedurali previste dal bando di concorso, temendo possibili ricorsi al TAR, oppure eccezioni di forma da parte del rettore che dovrà firmare gli atti. Il rispetto letterale, prima ancora che sostanziale, delle norme procedurali è la cruna dell’ago attraverso cui passa il filo della selezione, determinandone spesso gli esiti. In altri termini, il fatto di essere un procedimento amministrativo non di rado snatura il senso e i risultati di una gara in cui comunque dovrebbe prevalere il merito.

Un recente concorso di Economia applicata bandito dall’università di Catania nel 2010 illustra bene questo problema. Il concorso ha avuto due vincitori – di affiliazione accademica non locale – che l’intera commissione (ad eccezione del membro interno, di nomina locale) ha ritenuto qualitativamente meritevoli, giudizio largamente condiviso dalla comunità scientifica.

Quando riscontra irregolarità formali, solitamente il rettore deve anzitutto restituire gli atti alla Commissione. Tuttavia a sorpresa il rettore di Catania, con decreto n.6314 del 12 ottobre 2010, ha rifiutato di approvare tutti gli atti e delibera lo scioglimento della commissione, una misura già applicata per altri due concorsi in altre discipline nello stesso ateneo. Dunque la decisione del rettore ha annullato non solo i risultati del concorso, ma azzerato tutto il processo di selezione dei commissari, imponendosi quindi al Miur. La motivazione su cui si regge l’intervento del rettore è puramente formale. Il bando del concorso prescriveva (art.6) ai commissari la seguente procedura: ”A seguito della valutazione delle pubblicazioni e dei titoli di ogni candidato, ciascun commissario esprimerà il proprio giudizio individuale e la commissione, quindi, esprimerà il giudizio collegiale”. La commissione ha interpretato la norma (e in particolare il significato della parola “quindi”) predisponendo dapprima tutti i giudizi individuali e poi, in una seduta successiva, quelli collegiali, comportandosi come avviene in moltissimi altri concorsi. Secondo il rettore invece la norma (e soprattutto la parola “quindi”) andava interpretata nel senso che per ogni candidato si dovevano dare prima i giudizi individuali e quelli collegiali e poi passare a un candidato successivo.

Continua a leggere su Lavoce.info

Leggi gli atti del concorso e la documentazione legale successiva

di Franco Malerba e Francesco Silva

 

[foto da Wikimedia]


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]