Unict, il Ministero ricorre al Tar «Lo Statuto è illegittimo, va sospeso»

Il Miur ricorre al Tar contro l’Università di Catania. Il motivo, neanche a dirlo, è il nuovo Statuto d’Ateneo, fresco di entrata in vigore lo scorso 15 dicembre. Le motivazioni? Secondo il Ministero, la stessa carta staturia, i decreti rettorali che ne sanciscono l’emanazione e la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale e persino la delibera del 21 luglio con cui ne è stato adottato il testo sono «palesemente illegittimi e meritano di essere sospesi». «L’Università di Catania – come si legge nel testo del documento – ha ritenuto di procedere alla pubblicazione del nuovo statuto in Guri (Gazzetta ufficiale della Repubblica italiana, ndr) senza dare alcuna prova del superamento dei rilievi di legittimità e di merito avanzati dal Ministero».

Eppure c’era da aspettarselo. Poco più di due mesi fa, il 24 novembre, il Miur aveva inviato all’università di Catania una nota, a firma del direttore generale dell’università Daniele Livon, in cui veniva fatta all’amministrazione centrale esplicita richiesta di revisione più o meno parziale di 18 dei 43 articoli dello Statuto. Secondo il Ministero, quelle norme sono contrastanti con la legge 240/2010, la cosiddetta legge Gelmini. Ma tali rilievi non sono stati riconosciuti come ufficiali dal rettore Antonino Recca, che ha dato il via in tutta fretta all’emanazione – approvata con delibere di Consiglio d’amministrazione e Senato accademico il 28 novembre – della nuova carta, pubblicata sulla Gazzetta ufficiale il 30 dello stesso mese ed entrata in vigore dopo 15 giorni.

Il Rettore, forte di un parere legale chiesto ad «illustri giuristi, tra cui il prof. Felice Giuffrè» non aveva ritenuto legittima la nota ministeriale perché, a suo dire, pervenuta «oltre la scadenza del termine di 120 giorni» dalla ricezione della bozza dall’ufficio competente. Il documento, inoltre, a detta di Recca, non aveva validità legale in quanto non inviato direttamente dal Ministro, ai sensi della legge 168/1989, ma dal Miur. La nota di Livon, quindi, avrebbe avuto solo il valore di una serie di «considerazioni e suggerimenti» da non tenere in conto. «Accertata l’assenza di validi rilievi del Ministro» – si legge nella delibera del Senato accademico del 28 novembre – la mancata tempestiva emanazione dello Statuto contribuirebbe a «determinare una lesione dell’autonomia dell’Ateneo», considerando inoltre che la procedura adottata dal Ministero «risulta particolarmente rischiosa e passibile di eventuali ricorsi».

Il 19 gennaio, però, arriva la stangata in carta bollata. Il Ministero dell’istruzione dell’università e della ricerca, in persona del ministro Francesco Profumo, fa ricorso contro l’Ateneo catanese appellandosi, tra le altre cose, proprio ai due elementi su cui il Rettore si era fatto forte. Il Miur smentisce in maniera documentata l’arrivo a Catania della lettera di Livon oltre il termine di 120 giorni previsto dalla legge Gelmini, in quanto l’ufficio competente ha preso in carico la bozza dello Statuto il 27 luglio. Inoltre, il cavillo per cui la nota a firma del direttore Livon non avrebbe validità è superato dall’articolo 2 della legge 240/2011, in quanto «compete al Ministero, e non al ministro, esercitare il potere di controllo sullo statuto dell’università». «Il Ministero – continua il testo del ricorso – ritiene non solo di avere legittimamente esercitato il controllo di cui all’art. 6 della legge n. 168/1989, ma anche di aver rispettato il termine dei 120 giorni previsto dalla legge di riforma del sistema universitario». Queste obiezioni non dovrebbero essere nuove al Magnifico: infatti, rilievi pressoché indentici erano stati posti alla sua attenzione già a novembre dal Coordinamento unico d’Ateneo.

Sulla legittimità e sul potere vincolante della nota inviata dal Miur e sui suoi stessi contenuti, il testo del ricorso fa notare come «essa contiene richieste precise e motivate che non possono essere confuse per meri inviti alla riflessione o per semplici indicazioni delle queli eventualmente tenere conto» ammonisce il Ministero. Precisando inoltre che i rilievi effettuati sono frutto «del preciso recepimento di quanto deliberato da un organo collegiale: il tavolo tecnico istituito con DM del 21/06/2011», appositamente creato per effettuare l’analisi degli statuti adottati dagli atenei. «Così operando – conclude il documento – l’Ateneo ha sostanzialmente eluso il potere di controllo che il ministero ha legittimamente inteso esercitare nei suoi confronti e violato le prescrizioni della nota del 24 novembre».

Entro febbraio si dovrebbe avere una risoluzione della controversia e fino ad allora le dichiarazioni ufficiali da palazzo Centrale – com’è prassi in casi del genere – sono sospese. Il rettore Antonino Recca, tramite un comunicato stampa diffuso ieri, si è dichiarato «particolarmente sorpreso per la richiesta di sospensiva, che presupporrebbe un danno grave ed irreparabile per il ricorrente», a suo parere inesistente, e attende «con fiducia le decisioni che prenderà il Tar». Al Magnifico preme anche ricordare che «dalla eventuale interruzione del processo di attuazione della riforma già avviato, l’unico reale danno irreparabile potrebbe derivare all’Ateneo, e in particolare ai suoi studenti».

Oltre al danno, la beffa?


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Il Ministero dell'istruzione e dell'università si rivolge al Tar per obbligare l'Università di Catania a sospendere la nuova carta statutaria perché illegittima. Il motivo? Giusto due mesi fa, il rettore aveva emanato e fatto pubblicare in gazzetta ufficiale lo statuto nonostante una sostanziosa richiesta di revisione. Allora ignorata

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]