Un anno senza rifacimento della segnaletica orizzontale Nodo sicurezza. Sostare: «Da mercoledì riparte servizio»

Strisce pedonali inesistenti, segnali di stop del tutto sbiaditi e incroci che, in mancanza di chiare indicazioni sul manto stradale, rischiano essere causa di numerosi incidenti. È il ritratto di una città in cui il servizio di rifacimento della segnaletica orizzontale non viene effettuato da quasi un anno. La manutenzione doveva ricominciare il 24 agosto o, almeno, così aveva dichiarato a MeridioNews il presidente di Sostare Luca Blasi. Ma, complice l’effetto pandemia e le lungaggini della trattativa tra Comune di Catania e società partecipate per il passaggio di alcune consegne da Multiservizi a Sostare, la situazione è rimasta immutata. «Salvo imprevisti – assicura Blasi alla nostra testata – dal 2 settembre il servizio ripartirà». A rischio c’è la sicurezza stradale. «Per questo – sottolinea – la nostra priorità sarà il rifacimento della segnaletica orizzontale dei punti nevralgici e delle vie adiacenti alle scuole». Il 14 settembre ripartiranno le attività scolastiche e l’assenza di una chiara segnaletica potrebbe comportare dei rischi non indifferenti in una città in cui la congestione del traffico veicolare è da sempre considerata un problema.

In effetti, dalla circonvallazione fino al centro città, i passaggi pedonali per raggiungere gli istituiti scolastici sono quasi invisibili. Dall’istituto comprensivo Pizzigoni-Carducci di via Siena (traversa di viale Vincenzo Giuffrida) passando dalla Diaz-Manzoni di via Basile fino ai punti nevralgici di piazza Abramo Lincoln, del tribunale e l’incrocio tra corso delle province e via Gabriele D’Annunzio  – ancora oggi al centro delle polemiche per la rimozione delle rotonde volute dall’amministrazione guidata dall’ex sindaco Enzo Bianco e l’installazione dei semafori mai arrivati – la segnaletica è ridotta all’osso. «Partiremo sicuramente dalle scuole elementari perché il servizio non viene effettuato da quasi un anno», ammette Blasi.

Dietro a otto mesi di arretrati, però, si celano le difficoltà nell’addivenire al definitivo distacco dei lavoratori di Multiservizi che dovrebbero transitare a Sostare. Gli stessi che da marzo sono in ferie forzate e in cassa integrazione. Tutto perché Multiservizi non è in grado di garantire il servizio. Individuato il problema, l’amministrazione comunale ha trovato anche la soluzione: incrementare di 1200 unità gli stalli per il parcheggio a pagamento, in modo da generare un guadagno a Sostare da reimpiegare per pagare gli stipendi ai lavoratori. Soluzione, questa, non condivisa da tutti. Per questo, anche a seguito delle polemiche sollevate dai cittadini in merito ai nuovi parcheggi a pagamento, degli originari posti ne saranno realizzati mille. «La riduzione è stata voluta da Sostare perché non ha accettato gli stalli che il Comune proponeva di realizzare nelle zone periferiche», spiega il segretario provinciale Asal, Biagio Fragapane. «Ma in periferia – replica Blasi – non possiamo accettarli perché andremmo contro la legge».

Per Fragapane però c’è molta confusione. «Il distacco del personale e la segnaletica orizzontale sono due cose completamente diverse», commenta il sindacalista. «Che poi Sostare le ha fatte diventare un’unica cosa – attacca il segretario Asal -, questo è un altro discorso, anche perché la ditta ogni anno ha un utile considerevole e su quell’utile ci paga le tasse, quando invece potrebbe impiegarlo per gli stipendi». Per il sindacato, dunque, «Sostare i soldi per pagare il personale in distacco li avrebbe a prescindere dalla realizzazione di nuove strisce blu». Al netto delle polemiche c’è da risolvere il nodo sicurezza stradale. Se la situazione resterà immutata, infatti, si potrebbe arrivare alla dismissione di alcuni lavoratori ancora economicamente a carico di Multiservizi, «perché – aggiunge Fragapane – la corresponsione di ferie e ammortizzatori sociali rappresenta un costo non indifferente per una società».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]