Treni, l’Alcantara-Randazzo blocca il raddoppio Me-Ct «Non freno ma occasione di sviluppo, come a Bolzano»

C’è un angolo di Alto Adige a cui guarda la Valle dell’Alcantara. Sessanta chilometri di binari che attraversano la Val Venosta, dismessi e abbandonati per anni perché considerati un ramo secco, poi ripristinati nel 2005 con un investimento di 125 milioni di euro. E da quel momento una crescita costante (+ 21 per cento) fino a contare due milioni di passeggeri all’anno. «Un grande valore aggiunto per i pendolari, gli studenti, i giovani e gli anziani», sottolinea la Camera di commercio di Bolzano. 

È a questo tracciato, da Merano a Malles, che gli attivisti dell’Associazione Ferrovie Siciliane guardano come un modello da replicare in Sicilia, sui 37 chilometri da Alcantara a Randazzo. «Come è successo in Alto Adige, sarebbe un’incredibile occasione di sviluppo per tutta la Valle», dicono. Caparbi, non lo hanno solo sognato. Ma hanno studiato, analizzato, messo nero su bianco una bozza di progetto che hanno inviato al ministero dei Trasporti. Hanno avanzato le loro proposte ai sindaci del territorio che se ne sono fatti portavoce in sede di conferenza di servizi, chiamata ad esprimere un parere sul raddoppio ferroviario Giampilieri-Fiumefreddo, pezzo portante della Messina-Catania.

E quando hanno letto su MeridioNews che la commissione Via-Vas del ministero dell’Ambiente avrebbe sposato questa causa, indicando a Rete ferroviaria italiana di ripristinare l’Alcantara-Randazzo nel contesto dell’appalto sul raddoppio tra Catania e Messina, hanno faticato a crederci. «La notizia del recepimento di queste osservazioni – dicono – è la conferma della bontà del lavoro svolto per il mantenimento di una infrastruttura che si rivelerà, ne siamo sicuri, fondamentale per il rilancio della Valle dell’Alcantara rendendone più sostenibile la mobilità».

Ma le prescrizioni della commissioni Via-Vas non convincerebbero affatto Rfi: perché vincolare e subordinare un progetto cruciale per la viabilità di tutta la Sicilia al ripristino di una vecchia tratta dismessa che richiede comunque un importante impegno economico? È questo il motivo dell’ennesimo ritardo per bandire la gara e avviare i cantieri di un’opera molto attesa. Il raddoppio tra Giampilieri e Fiumefreddo vale 2,3 miliardi di euro (42 chilometri di cui 38 in galleria) e comporta lo spostamento più a monte del tracciato ferroviario, con una riduzione di 25 minuti nel collegamento tra Catania e Messina. Che fine farà l’attuale linea ferrata che costeggia il mare? 

È proprio su questo aspetto che si è consumata la battaglia in conferenza dei servizi con il sindaco di Giardini Naxos Nello Lo Turco in prima fila a chiedere, tra le altre cose, che non venga dismessa ma comunque usata. Magari, è la sua proposta, realizzando una metroferrovia nel territorio di Giardini con fermate tra Alcantara e Letojanni, tra cui Recanati e Isola Bella. 

Nessuno, nemmeno l’Associazione ferrovie siciliane, si era spinto a proporre di subordinare il raddoppio all’integrale ripristino della vecchia linea Alcanatara-Randazzo. I membri del gruppo, non solo appassionati ma anche tecnici e ingegneri, hanno proposto al Ministero dei Trasporti di creare un collegamento tra l’attuale stazione di Alcantara e il nuovo tracciato (che prevede invece una nuova stazione Alcantara in territorio di Trappitello). «Allo scopo – si legge nelle osservazioni inviate al Mit – si può utilizzare una breve tratta ferroviaria ottenuta dalla riattivazione della ferrovia dimessa Alcantara-Randazzo per 2.260 metri, seguita da una rampa di raccordo in curva verso la linea veloce in località Trappitello».

La commissione Via-Vas sembrerebbe essere andata oltre, prescrivendo a Rfi di ripristinare l’intero tracciato tra Alcantara e Randazzo. La palla è passata adesso alla Direzione generale per le valutazioni e le autorizzazioni ambientali del ministero dell’Ambiente. Rfi presenterà le sue opposizioni e sta alla Direzione (Dva) vagliarle e decidere o, nel caso lo ritenesse necessario, coinvolgere nuovamente la commissione Via-Vas per un parere.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]