Trapani, murales su scritte pro-Messina Denaro Nel quartiere popolare un mesaggio di legalità

Il murales è stato realizzato su una parte del prospetto di una palazzina in via Vito Catalano lotto 5, nel cuore di un quartiere popolare di Trapani conosciuto da molti come Bronx per la sua cattiva reputazione. «Per questo nella sostanza – sottolineano il commissario ad acta dell’Iacp Ignazio Gentile e il direttore generale Pietro Savona che hanno voluto la realizzazione dell’opera – vuole rappresentare un primo passo verso il risanamento ambientale del quartiere».

Su quel muro prima si trovavano alcune scritte inneggianti al sanguinario boss mafioso Matteo Messina Denaro. Frasi del tipo «W Matteo Messina Denaro», «Matteo siamo con te». Rimaste su quel muro per mesi, sono state rimosse soltanto dopo la pubblicazione di un articolo da parte di un giornale locale che segnalò il caso. L’istituto autonomo case popolari di Trapani ha quindi pubblicato un avviso pubblico per la presentazione di un progetto artistico, sul tema: «La difesa della legalità e assieme il forte contrasto contro ogni forma di criminalità e in particolare contro quella mafiosa, tale da costituire un’adeguata risposta contro gli ignoti che invece hanno voluto inneggiare alla mafia e alla malavita».

Nei giorni scorsi il murales è stato finalmente completato: «L’opera, realizzata per un’altezza di quasi 10 metri, è il risultato di un lavoro condotto da quattro giovani artisti trapanesi – The Desaparadice ossia Edoardo Maria Manuguerra, Dario Di Nicola, Tito Buscaino e Andrea Alessandro Mancuso – ai quali lo Iacp ha affidato il compito, scegliendo nell’immagine proposta, tratta dalla celebre opera dei pupi, il soggetto del murales». Le attrezzature tecniche e artistiche sono state messe a disposizione grazie alla sinergia con Confindustria, Ance Trapani e con l’ente di formazione professionale E.Pa.Tu.

«L’immagine – spiegano gli artisti – vede in primo piano un agguerrito pupo che pare assalire un altro pupo che appare come soccombente. Tutti e due indossano le classiche armature da guerriero. Il cattivo (la formazione del viso, lo sguardo penetrante offrono questa visione) che è pronto ad uccidere il buono? A ben guardare le cose non stanno in questo modo. Il pupo sdraiato per terra è intanto privo dei fili, si vedono infatti in alto le mani di un burattinaio, e di che burattinaio si tratti lo si può dedurre da un paio di occhiali Ray Ban disegnati in cima al murales (sono gli occhiali che l’iconografia giornalistica attribuisce al boss mafioso latitante Matteo Messina Denaro), e gli unici fili che si dipanano sono quelli che governano il pupo cattivo. E poi ancora il pupo sdraiato per terra con la lama della spada impugnata sta proprio tagliando l’ultimo filo che tiene legato il suo assalitore al burattinaio. Infine in alto a destra è scritto “Liberiamoci”, che oltre che essere il titolo dell’opera è l’invito a tutti i cittadini a sottrarsi all’arroganza di qualsiasi tipo di criminalità».

Il direttore generale dello Iacp Savona è soddisfatto. «La proposta ci ha subito convinti – dice – è chiaro il messaggio per gli abitanti di quel rione, così purtroppo problematico, ma dove abita sopratutto tanta gente per bene». «È stata una magnifica risposta artistica, – aggiunge il commissario Gentile –, oltre che dare speranza e sollecitare i residenti, ha consegnato una bella manciata di colori in un contesto che è di forte disagio urbano».

Stando a sentire un giovane residente del quartiere, un primo successo è già stato centrato. «Il murales – sottolinea – ha coinvolto molti ragazzi del rione popolare che, incuriositi, hanno assistito alle fasi di realizzazione dell’opera, un segnale di speranza e di cambiamento che speriamo continui in futuro. E l’opera potrebbe non essere un caso isolato. «È certamente una’esperienza da far continuare – conclude il presidente di Confindustria Gregory Bongiorno – siamo convinti che altri murales vanno realizzati su altre palazzine popolari».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]