Trapani, a Perugia pari nel finale Coronado risponde a Nicastro

Buon pari per il Trapani a Perugia che serve quantomeno a muovere un po’ la classifica, anche se i granata restano ultimi, staccati di due punti dalla Ternana. La prima occasione è per i padroni di casa, con un pericoloso tiro-cross di Imparato che attraversa pericolosamente tutta l’area piccola. I siciliani rispondono con una conclusione alta di Figliomeni e una di Barillà che finisce sul fondo. Al 17’, buona occasione per Canotto, ma il suo colpo di testa all’indietro da buona posizione termina a lato. Dopodiché le squadre faticano ad affacciarsi in avanti fino al 32’, quando un tentativo di Guberti finisce sull’esterno della rete, dando solo l’illusione del gol. La gara si innervosisce: fioccano i cartellini gialli e latitano le occasioni, così si va al riposo a reti bianche. In avvio di ripresa, buona chance per Nicastro, ma Guerrieri non si fa sorprendere. Il Trapani è ben messo in campo e non si lascia sorprendere ma, al contempo, fatica a ripartire. I biancorossi cominciano a pressare e si rendono pericolosi con Di Carmine, il cui mancino termina a lato. La gara continua a viaggiare su ritmi blandi, anche se al 75’ il Perugia si riaffaccia in avanti, ma nessuno arriva sul cross di Guberti. Due minuti dopo, Di Chiara salta Casasola e mette in mezzo per Bianchi, la cui incornata è imprecisa. All’84’, però, i padroni di casa passano in vantaggio: cross di Del Prete dalla destra e Nicastro batte Guerrieri con un colpo di testa. La reazione granata è immediata: azione personale di Petkovic, palla per Colombatto che serve in profondità Coronado e il brasiliano firma il pari. È sostanzialmente l’ultima occasione del match.

LE PAGELLE

Guerrieri 5,5 Non ha particolari colpe sul gol, ma in un momento importante del match regala un corner pericoloso agli avversari dimostrando un po’ di ingenuità.

Casasola 5,5 Soffre tantissimo nella sua zona di campo le incursioni di Guberti e Di Chiara che più di una volta lo fanno secco in velocità.

Pagliarulo 6 Il vero leader della retroguardia granata è proprio il capitano che non commette particolari sbavature

Figliomeni 6 Schierato un po’ a sorpresa, rispetto a Legitimo, gioca con molta più tranquillità, offrendo più sicurezze e garanzie all’intera retroguardia della squadra di mister Cosmi.

Fazio 5,5 Sulla sua fascia ingaggia un vero e proprio duello con Di Chiara e Guberti, soffrendoli un po’ troppo. Non riesce a fare la differenza in fase di spinta, probabilmente lo schema perugino lo penalizza un po’.

Scozzarella 6 Gara sufficiente per il numero 5 granata che, con Colombatto in cabina di regia, è chiamato a compiti diversi da quelli consueti. Importante in fase di copertura quanto in quella di ripartenza, ma non è ancora il giocatore dello scorso anno.

Colombatto 6,5 Buona prova per il sudamericano in regia, diverse le azioni manovrate, soprattutto nel primo tempo, che partono dai suoi piedi. Nel finale serve l’assist a Coronado. Dall’89’ Ciaramitaro s.v. Pochi minuti in campo per il centrocampista palermitano.

Barillà 6 Nel primo tempo è sicuramente l’uomo più pericoloso tra i granata: sui suoi piedi, infatti, due delle migliori occasioni del Trapani. Nella ripresa cala col passare dei minuti. Dal 66’ Coronado 7 Ancora una volta, il brasiliano si dimostra l’uomo in più dei siciliani: entra subito in partita e consente ai suoi di avanzare il baricentro. È lui a trovare il gol del pari.

Rizzato 6 Dalle sue parti agisce prima Imparato che sembra in giornata di grazia e poi Del Prete, che serve l’assist per Nicastro. Anche il terzino granata, però, mette in apprensione più di una volta gli avversari.

Canotto 6 Mossa a sorpresa, quella di Cosmi, che sceglie di schierarlo preferendolo a Citro. Gara senza infamia e senza lode la sua, sciupa una buona occasione e si mostra presente nelle ripartenze. Qualche pallone perso di troppo. Dal 74’ Nizzetto 5,5 Inserito in una fase nervosa del match al posto del dolorante Canotto, forse da lui ci si sarebbe aspettato qualcosa in più.

Petkovic 6 Se non fosse stata per l’azione che poi porta al gol di Coronado, partita proprio dai piedi del croato, il suo voto sarebbe stato sicuramente inferiore. Per gran parte del match appare avulso dal gioco, poi all’86’ si inventa una grande giocata che consente ai suoi di trovare l’azione del pari.

Cosmi 6,5 Dopo il pareggio, il tecnico non esulta ma si arrabbia. E ha ragione, perché la squadra dimostra di esserci e di tirare fuori l’orgoglio soprattutto dopo lo svantaggio, nonostante una partita giocata con discreta personalità, specie nel primo tempo.

Perugia: Rosati 6, Imparato 6,5 (65’ Del Prete 6,5), Volta 6,5, Monaco 6, Di Chiara 6,5, Brighi 5,5, Zebli 6 (58’ Ricci 5,5), Acampora 6 (73’ Bianchi 6), Nicastro 6,5, Di Carmine 5, Guberti 6,5. All. Bucchi 6.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]