Timpa Acireale, al via abbattimento ecomostro Fine lavori a febbraio. Il sindaco: «Primo passo»

«Oggi demoliamo un ecomostro che ha una storia lunga quarant’anni, questo non è un punto d’arrivo bensì un punto di partenza. Da qui parte lo sviluppo della nostra città». Sono le parole del sindaco di Acireale Roberto Barbagallo che, con un caschetto di sicurezza in testa, ha supervisionato l’inizio dell’abbattimento della struttura. Assieme a lui l’ex procuratore capo di Catania Giovanni Salvi, il suo successore Carmelo Zuccaro e il deputato regionale Nicola D’Agostino. L’ecomostro che campeggia sul costone della frazione di Santa Maria La Scala dagli anni Settanta e il cui abbattimento ha avuto bisogno di un iter burocratico lungo anni, mentre l’edificio deturpava la riserva naturale della Timpa. La demolizione dovrebbe essere ultimata per il 28 febbraio, mentre stamattina sono stati simbolicamente tagliati alcuni lastroni dal pavimento. 

Già all’inizio del 2016 il primo cittadino faceva sapere di avere contattato il Genio civile per indire il bando di gara sull’avvio dei lavori. Questi ultimi sarebbero partiti solo dopo la stagione estiva, al fine di salvaguardare il flusso produttivo delle specie protette. All’operazione di oggi si arriva dopo anni di contenziosi , inframmezzati da esposti, denunce al Tar (Tribunale amministrativo regionale) e al Cga (Consiglio giustizia amministrativa), passando per la procura di Catania che nel 2013 dà una scossa alla vicenda. Quarant’anni in cui si è susseguita una lunga serie di passaggi, durante i quali lo scheletro di quello che doveva essere un albergo di lusso ha continuato a dominare il paradiso della Timpa. 

«Prima dobbiamo eliminare le brutture, poi dobbiamo puntare alla valorizzazione di queste bellezze – prosegue Barbagallo a MeridioNews – Stiamo anche lavorando a una pista ciclabile nell’area della Timpa. L’obiettivo è creare un parco suburbano per la città di Acireale e per la città metropolitana di Catania». La struttura sullo strapiombo è diventata uno dei tanti simboli della cementificazione senza freni che ha deteriorato il territorio. I lavori di demolizione hanno avuto un costo complessivo di 155mila euro, somma proveniente da un fondo di rotazione, con la partecipazione dalla regione insieme al Comune di Acireale. Infatti, a vagliare le manovre di demolizione saranno l’assessorato regionale Infrastrutture e mobilità e l’Azienda regionale foreste demaniali.

Legambiente assiste alle operazioni. L’associazione da sempre vicina ai temi di salvaguardia dell’ambiente, promuove pienamente l’iniziativa e vigilerà sulla demolizione, affinché questa segua i giusti criteri, nel rispetto delle norme ambientali. Gianfranco Zanna, presidente regionale di Legambiente Sicilia e Sarah Leonardi, presidente del circolo Legambiente Sartorius W. Shausen di Acireale, dichiarano congiuntamente a MeridioNews: «È chiaro che controlleremo che l’ecomostro sia demolito in maniera adeguata al contesto in cui si trova, così come faremo pressioni sull’amministrazione comunale affinché segua l’intero iter, non solo della demolizione ma anche dello smaltimento dei materiali di risulta – affermano – Un ecomostro viene, quindi, cancellato dalla nostra lista, ma sono ancora tanti quelli che restano. L’abusivismo in Sicilia ha radici molto profonde e troppi amici in politica».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]