Terrasini, quattro arresti per l’omicidio di Nepa Prende corpo l’ipotesi di una rapina finita male

Quattro persone sono state arrestate dai Carabinieri della Compagnia di Carini che hanno dato esecuzione, su disposizione della Procura di Palermo, ad una ordinanza di applicazione di misura cautelare della custodia in carcere emessa dal Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Palermo nei confronti di persone di età compresa tra i 27 ed i 35 anni, tutti volti noti alle forze dell’ordine. Il Gip, sulla base delle risultanze investigative raccolte, ha ritenuto sussistere a carico dei quattro gravi indizi di colpevolezza in ordine ai reati di omicidio e rapina, aggravati e in concorso.

I fatti contestati nel provvedimento cautelare risalgono al 9 settembre 2019, a Terrasini, quando l’84enne Mercurio Nepa, detto Mike, ex imprenditore che per decenni aveva vissuto negli Usa, venne trovato morto all’interno della propria abitazione, con la porta aperta, l’appartamento a soqquadro e parzialmente immobilizzato con delle legature sul corpo e sulle gambe.

La morte dell’anziano aveva suscitato molta preoccupazione nella comunità di Terrasini e fin da subito gli investigatori avevano ipotizzato una rapina in abitazione finita in modo tragico. Le indagini hanno portato ad avvalorare sempre più tale ipotesi – anche grazie all’esito degli esami sui campioni biologici, analizzati dal Reparto Carabinieri Investigazioni Scientifiche di Messina, alle risultanze dell’esame autoptico e all’attività investigativa condotta anche attraverso attività tecnica di intercettazione dai Carabinieri di Carini.

I presunti autori dell’omicidio, tutti con precedenti specifici, si sarebbero introdotti nella notte tra l’8 e il 9 settembre 2019 nell’abitazione di Nepa al fine di impossessarsi di contanti e preziosi che l’anziano era solito nascondere in casa, avrebbero legato mani e piedi a scopo di rapina l’anziana vittima, già affetta da patologie pregresse, e ne avrebbero così provocato la morte per la violenza dell’azione.


Dalla stessa categoria

I più letti

Giustizia per Emanuele Scieri

Sono stati condannati i due ex caporali Alessandro Panella e Luigi Zabara. Finisce così il processo di primo grado con rito ordinario per l’omicidio volontario aggravato del parà siracusano Emanuele Scieri, avvenuto all’interno della caserma Gamerra di Pisa nell’agosto del 1999. Per loro il procuratore Alessandro Crini aveva chiesto rispettivamente una condanna a 24 anni e 21 anni, […]

Catania archeologica, l`occasione mancata

In una nota protocollata al Comune etneo a metà gennaio l'associazione di piazza Federico di Svevia chiede di gestire il bene del XII secolo, abbandonato, per garantirne «a titolo gratuito e senza scopo di lucro, la fruibilità». Adesso interrotta dal cambio del lucchetto del cancello da cui vi si accede e dalle divergenze con uno degli abitanti, che risponde: «C'era il rischio per la pubblica incolumità»

I processi a Raffaele Lombardo