Taobuk, a Taormina festival internazionale del libro Oggi giornata dedicata a Pasolini e Capossela

A Taormina, il Festival Internazionale del libro, in programma dal 19 al 25 di questo mese, è giunto a metà strada. Se, da una parte, si possono fare i primi bilanci, dall’altra c’è tanta attesa per ciò che succederà nei prossimi giorni. La rassegna ha all’attivo cinque edizioni e ha contribuito senza dubbio a far riconquistare alla città ionica il primato di capitale della letteratura e fonte di ispirazione, come fu per Tennessee Williams e Truman Capote. Dal 2011 ad oggi, infatti, Taormina ha ospitato autori come Sepulveda e Siti, premi Oscar del calibro di Tornatore e Morricone, giornalisti dello spessore di Severgnini e Friedman. Anche quest’anno, inoltre, il raggio è molto ampio: il presidente del festival Antonella Ferrara e il direttore della manifestazione, Franco Di Mare, hanno inserito nella kermesse i più disparati settori dell’arte e della creatività; letteratura, dunque, ma anche design, mostre e installazioni, cibo, cinema. 

A tagliare il nastro del Taobuk 2015 sono stati il violino di Uto Ughi, il sax di Francesco Cafiso e la splendida voce di Noa. «Abbattere gli ultimi muri» è il leitmotif di questa edizione, e allora ecco che dalle sale dell’hotel San Domenico si leva il monito, e assieme la speranza, del premio Nobel 2006 per la letteratura, il turco Orhan Pamuk: «In Turchia abbiamo avuto due milioni di migranti, mentre l’Europa ne voleva accogliere duemila; il vecchio Continente deve fare la sua parte, tenere fede ai suoi valori di democrazia e rispetto dei diritti umani». Lo scrittore tradotto in 63 lingue era stato insignito del Taobuk Award for Literary Excellence durante la prima serata del festival. E se l’argentino Marcelo Figueras presenta Aquarium (L’asino d’oro), incentrato sulle violenze in Medioriente, Stefano Benni rende il clima giocoso e sarcastico con Cari mostri, libro di racconti horror in salsa grottesca. 

Protagonista della giornata di ieri è stato lo statunitense David Leavitt, il quale torna, dopo sette anni di silenzio, con I due Hotel Francfort e parla della sua Taormina: baluardo dell’arte omosessuale, con Casa Cuseni come luogo dove la diversità viene rispettata e valorizzata. Ieri spazio all’incontro La cucina dà spettacolo, con Carlo Cracco e Oscar Farinetti, che in serata sono stati i patron di Parole di burro, cena di gala patrocinata da Expo Milano. Ma è anche il giorno di Caterina Chinnici e del suo È così lieve il tuo bacio sulla fronte

Oggi, invece, il festival tributerà l’intera giornata a Pier Paolo Pasolini per i 40 anni dalla scomparsa. Fitta l’agenda degli appuntamenti: una tavola rotonda sull’eredità pasoliniana, una mostra fotografica dal titolo Rompere il muro del silenzio e una selezione della folta corrispondenza tra il regista e Leonardo Sciascia a cura della fondazione di Racalmuto dedicata a quest’ultimo; sull’onda di Cosa sono le nuvole, cortometraggio molto caro a Pasolini, verrà anche inaugurata una esposizione con le opere di Magritte, Dalì, De Chirico, Chagall, Schifano, Matta, Guccione, Festa e Mazzullo. Infine, si terrà una retrospettiva cinematografica ispirata ai film più celebri del maestro. In serata sarà la volta di Daria Bignardi con il suo ultimo lavoro, Santa degli Impossibili, edito da Mondadori. Mattatore della giornata conclusiva sarà Vinicio Capossela: il cantautore, qui nelle vesti di scrittore, presenterà Il paese dei coppoloni, coadiuvato da Sebastiano Vecchio, docente di filosofia del linguaggio. Taobuk si inserisce, così, nell’elenco delle manifestazioni di richiamo che puntano sulla cultura e destagionalizzano i flussi di visitatori nell’isola.


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]