Luca Tabbiani verso la panchina del Catania. Attesa per riconferme e mosse di mercato

Decisione presa. Almeno di improvvisi cambi di strategia, nei prossimi giorni il Catania comunicherà che Luca Tabbiani sarà il nuovo allenatore del club rossazzurro. Una scelta, quella della dirigenza etnea, che ha spiazzato buona parte di una tifoseria che attendeva, sperava e forse credeva che si sarebbe puntato su un tecnico con una maggiore esperienza. Una preferenza che da un lato lancia un segnale forte da parte della proprietà, dall’altro, però, si prende la totale responsabilità di essere oggetto di critiche nel caso in cui la gestione Tabbiani non dovesse dare dei risultati convincenti. In realtà, come sempre accade nel calcio, qualsiasi scelta avesse fatto il duo Grella-Laneri sul successore di Ferraro, sarebbe stata oggetto di eventuali malumori. Riconfermare l’allenatore di Vico Equense avrebbe, in caso di flop, generato sempre polemiche. Dunque, poiché qualsiasi strada si fosse percorsa avrebbe potuto generare delle critiche,  la dirigenza ha fatto quel che deve fare ogni proprietà forte: ha deciso secondo la propria visione e programmazione. 

Tattica

La scelta di Tabbiani dovrebbe dare continuità dal punto di vista tattico. Il tecnico genovese, infatti, predilige come modulo il 4-3-3 con esterni veloci e un centrale d’attacco di peso. A prescindere dalle scelte tattiche, quello che conterà è che tipo di squadra gli verrà consegnata. Ad oggi la società non ha ancora dato segnali a nessuno dei 29 giocatori che nella passata stagione hanno centrato la promozione in Lega Pro. Logico che sia così. Riconferme e addii dovrà deciderle il nuovo allenatore in collaborazione con la ds etneo. Il giudizio del tecnico sarà, quindi, determinante per capire chi anche il prossimo anno continuerà a vestire la maglia del Catania. Qualche indiscrezione c’è, ma occorre prenderla con le pinze. Rapisarda, avvistato in sede lo scorso giovedì pomeriggio, Lorenzini e Sarao sembrano tra i confermati. Qualche dubbio, invece,  per Palermo e Rizzo, mentre Giovinco, Litteri e De Luca potrebbero dovere fare la valigie.

Budget

Altro segreto da svelare è quello legato a quanto Ross Pelligra vorrà investire per la stagione 2023/24. Su questo punto esistono due scuole di pensiero. La prima crede che solo con un investimento importante si può ambire a conquistare subito la promozione in serie B. A tal riguardo, però, non esistono prove scientifiche a sostegno di questa tesi. Basti pensare che l’ultima matricola del girone C a centrare la promozione dalla Lega Pro alla B è stata la Salernitana nel 2015. La seconda scuola di pensiero ritiene che per fare una squadra competitiva non serve un budget enorme, ma pazienza, lungimiranza e  un buon direttore sportivo. Ci azzardiamo a pensare che la dirigenza del Catania abbracci quest’ultima visione. Non a caso lo stesso ds rozzazzurro, Antonello Laneri, poche settimane fa ammise che la società avrebbe atteso la chiuse delle liste delle squadra di serie A e B per fare determinati colpi di mercato. A questo occorre aggiungere che dall’arrivo di Grella & co., il modus operandi della società rossazzurra è cambiato. Non sono i giocatori e i loro procuratori a dettare le regole, ma la proprietà del club che non è disposto a cedere a diktat o a diventare protagonista di aste al rialzo per aggiudicarsi le prestazione di un qualsiasi calciatore. Catania, calcisticamente parlando, sta tornando a essere una piazza importante e solida a livello economico. Quindi, chi vorrà giocare sotto le pendici dell’Etna dovrà accettare l’offerta del club rossazzuro e non viceversa come accaduto troppo spesso in passato. Anche questo fa parte della sostenibilità più volte predicata da Grella: nessuna follia per costruire una squadra competitiva, ma concretezza e razionalità per portare uomini che abbiamo fame e voglia di dare il massimo per il Catania. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Decisione presa. Almeno di improvvisi cambi di strategia, nei prossimi giorni il Catania comunicherà che Luca Tabbiani sarà il nuovo allenatore del club rossazzurro. Una scelta, quella della dirigenza etnea, che ha spiazzato buona parte di una tifoseria che attendeva, sperava e forse credeva che si sarebbe puntato su un tecnico con una maggiore esperienza. […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]