Suicidate Attilio Manca, libro sull’urologo messinese «La sua storia condensa quella del nostra Paese»

Lorenzo Baldo, vicedirettore del periodico online Antimafia Duemila, presenta alla libreria Feltrinelli di Palermo la sua seconda opera letteraria, Suicidate Attilio Manca, edito da Imprimatur. Il testo ricostruisce la morte del giovane urologo di Barcellona Pozzo di Gotto, Attilio Manca, trovato senza vita la mattina del 12 febbraio 2004 nel suo appartamento a Viterbo, dove lavorava. È disteso di traverso sul suo letto. Addosso ha solo una maglietta. Un telecomando schiacciato sotto il braccio sinistro e una scia di sangue che gli sporca il viso e forma una grossa chiazza sul pavimento. Evidenti sullo stesso braccio ci sono i segni di due iniezioni, che Attilio si sarebbe presumibilmente fatto da solo usando la mano destra. Attilio, però, era mancino. Nel suo sangue vengono ritrovati eroina, alcol e barbiturici. Overdose. Sul pavimento, in bella mostra, due siringhe col tappo inserito.

Alle prime ambiguità palesate dalla scena del crimine, si fa largo l’ipotesi che si possa trattare di un omicidio e non di un suicidio, come stabilito da subito dalla Procura di Viterbo. Un delitto commesso da mano mafiosa o, addirittura, da personaggi appartenenti ai servizi segreti deviati. Pare infatti che Manca si trovasse a Marsiglia nello stesso periodo in cui vi si reca Bernando Provenzano per sottoporsi a un delicato intervento alla prostata, nell’ottobre 2003. E che in quella occasione possa non solo aver riconosciuto il boss di Cosa nostra, ma aver incontrato anche personaggi esterni all’organizzazione criminale e appartenenti ai piani alti del potere. Gli interrogativi aumentano e le indagini vengono fortemente contestate dal legale della famiglia del giovane medico, Fabio Repici, che ottiene la riapertura del caso alla fine del 2008.

All’incontro di Palermo partecipano, insieme a Baldo e Repici, Giorgio Bongiovanni, direttore di Antimafia Duemila, l’attore Maurizio Bologna, che legge alcuni brani tratti dal libro e il senatore Mario Michele Giarrusso della Commissione antimafia, che non risparmia aspre critiche alle autorità laziali: «Le risposte del Procuratore di Viterbo sono state quelle di qualcuno che doveva liberarsi da un’incombenza», dice riferendosi ad Alberto Pazienti, capo della Procura dal 2008. «Il caso Manca – continua il senatore – è fatto di gente che mente, gente che dissimula e gente che rema contro. Condensa alla perfezione la storia del nostro Paese». Ma fare chiarezza non è semplice. Soprattutto per chi non ha una profonda conoscenza del contesto barcellonese. «Si tratta di uno scenario fondato su un inevitabile contatto fra parti che dovrebbero restare separate», precisa Repici, che prosegue: «La devianza del potere a Barcellona Pozzo di Gotto è la consuetudine, la normalità».

Non mancano, analisi a parte, i commenti sul libro di Baldo. «Racconta la storia di Manca senza dogmi e senza retorica e mette in luce la piena succubanza alla magistratura da parte della Commissione antimafia», continua il legale. Lo stesso autore spiega di essere stato costretto a entrare dentro il dolore dei familiari per poterne raccontare il ruolo di testimoni. «Col libro ho messo insieme i tasselli scomposti della vicenda e le menzogne della Procura di Viterbo – spiega Baldo – Questo è un paese che non vuole avere memoria. Spetta a noi cittadini impegnarci per colmare le lacune e non essere dei complici». Commoventi, a fine incontro, l’intervento di Vincenzo Agostino, padre dell’agente Nino Agostino, ucciso nel 1989 e ancora senza giustizia. E la telefonata in diretta di Angela Manca, madre di Attilio: «Questo libro ha suscitato in me sentimenti contrastanti. Lorenzo Baldo è riuscito a dare voce a tutto quello che ho provato in questi anni: delusione, rabbia, impotenza».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]