Stupro a Vittoria, resta in carcere il 26enne indagato È accusato di violenza sessuale, sequestro e rapina

Il Tribunale del Riesame di Catania ha deciso: Sergio Palumbo resta in carcere, nella
sezione della casa circondariale di Caltagirone riservata a chi ha commesso reati di
tipo sessuale.
Evidentemente sono stati ritenuti troppo gravi gli indizi di colpevolezza e le accuse a
suo carico: violenza sessuale aggravata, sequestro di persona e rapina

Il 26enne
vittoriese era stato inizialmente rinchiuso a Ragusa, poi il trasferimento nel Catanese.
Dalla sua bocca neanche una parola all’autorità giudiziaria su quello che è successo in quella notte di inizio settembre in cui la vittima, reduce dalla festa per il proprio
30esimo compleanno, stava facendo ritorno a casa. 

«Aspettiamo di leggere bene le
motivazioni del tribunale – ha commentato l’avvocato Gianluca Nobile, difensore di
Palumbo – poi valuteremo l’eventuale ricorso in Cassazione, così come previsto dalla
legge. Le motivazioni mi sono state notificate stamattina e abbiamo tempo fino al 6
ottobre per procedere». La richiesta della difesa era stata quella degli arresti
domiciliari a Vittoria
, quindi nella stessa città della vittima, eventualmente anche con
l’ausilio del braccialetto elettronico. A supporto della richiesta era stata depositata
una memoria di otto pagine e la sentenza era attesa entro sabato, ma è arrivata già in
queste ore. 

Palumbo, come si ricorderà, aveva fermato la ragazza in piena notte con la scusa di
chiedere aiuto per la moglie che stava male
. Quello che è successo dopo,
documentato anche delle telecamere, parla di un sequestro durato ore con il giovane,
cocainomane con moglie e figli a casa, già condannato dal Tribunale di Ragusa per
fatti analoghi
, che ha stuprato la ragazza prima in una stradina deserta vicino al
cimitero di Vittoria e poi a Marina di Ragusa, raggiunta a bordo della Punto Bianca
con la quale la povera ragazza ha vissuto il peggiore di tutti gli incubi: minacciata di
morte con una pietra dopo che lui aveva letto a voce alta tutti i dati della sua carta
d’identità e le aveva detto «Ora so chi sei e dove vivi» e giù minacce a lei e alla
famiglia prima di toglierle pure 200 euro dalle tasche. 

Alle cinque del mattino la liberazione e la prima richiesta di aiuto, la corsa in
ospedale, l’allarme alla polizia che ha avviato le indagini. Palumbo, nonostante la condanna, dal febbraio scorso era libero con il solo obbligo di dimora a Vittoria, in
attesa del processo di Appello per un’altra aggressione. 

A Vittoria l’episodio ha scosso gli animi di tutti, e unanime è stata l’indignazione
quando la difesa ha depositato il ricorso al Tribunale del Riesame di Catania per
ottenere la revoca dell’ordinanza di custodia in carcere, disposta dopo la convalida del
fermo dal Gip del Tribunale di Ragusa Vincenzo Ignaccolo. L’avvocato Nobile, però,
replica: «Sto facendo solo il mio lavoro. Le prese di posizione erano messe in
conto, è quello che succede ogni volta che affrontiamo casi del genere, ma noi
cerchiamo solo di fare il nostro dovere nel modo migliore
».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]