Le costose esigenze del governo della Regione siciliana: oltre 15mila euro per tv, poltrone e piante

Un corposo campionario di scene memorabili. È il regalo degli attori che gravitano tra i palazzi palermitani del potere, nonostante il poco tempo trascorso dall’insediamento del parlamento siciliano e del nuovo governo della Regione. Ultima, in ordine di tempo, quella di Ismaele La Vardera, deputato di Sud chiama Nord, che dal pulpito di sala d’Ercole sventola sotto agli occhi di un infastidito Gaetano Galvagno, presidente dell’Assemblea, il volantino promozionale di un negozio di elettronica. Nelle dichiarate intenzioni di La Vardera c’è quella di fare arrivare il depliant al presidente della Regione, Renato Schifani, dopo la notizia che la presidenza avrebbe speso quasi settemila euro per un televisore da 48 pollici. «Il 55 pollici in offerta costa 479 euro», fa notare il deputato.

I costosi precedenti

Un rapporto che non conosce tempo e bandiera, quello tra i vertici della Regione e una scarsa capacità di economia domestica. Renato Schifani è solo l’ultimo ad avere esigenze costose: basti pensare che, poco più di nove mesi fa, la discussione sulla Finanziaria 2022 si era impantanata sui costi di manutenzione del giardino di palazzo d’Orleans, che rischiavano di lievitare da 24mila a 150 mila euro all’anno. Una scarsa praticità da cui nemmeno l’Ars è esente, almeno a giudicare dall’acquisto dei tre pregevoli divanetti Frau, corredati ognuno da due poltrone, comprati in piena pandemia per un costo complessivo che balla attorno ai 50 mila euro. Arredi piazzati nel corridoio parlamentare, che adesso sostengono le membra stanche dei deputati nelle pause dell’Aula. Ma solo le loro, sia chiaro. Durante i giorni in cui non ci sono lavori e la parte politica del palazzo è visitabile dai turisti, sulla pelle verde, finemente cucita, campeggia in bella mostra il cartello Vietato sedersi.

Gli addobbi floreali

E dire che l’amministrazione Schifani era sembrata piuttosto oculata nelle spese, mostrando una sensibilità insolita. Almeno prima degli acquisti di fine anno: dai quasi 50mila euro destinati al vestiario del personale, ai soldi impegnati per biglietti da visita, cancelleria e toner per stampanti, fino ai 5.490 euro spesi per gli auguri del presidente ai siciliani da una pagina del quotidiano La Sicilia. Per non parlare dei quasi cinquemila euro impiegati «per la fornitura di otto piante denominate stabilizzate, dimensioni cm. 160/180 con cachepot, di n. 2 fioriere in ferro e ceramica, diametro cm. 50 con piante artificiali, di n. 2 fioriere in vimini diametro cm. 30 con piante artificiali e di n. 2 fioriere in vimini diametro cm. 30, da allocare nella sale di rappresentanza di Palazzo d’Orleans».

Le sedie modello Oxford

Piccole spese per un grande ente, che comunque hanno la funzione di soddisfare necessità irrinunciabili. Basta leggere il decreto per l’acquisto di tre sedie per la presidenza: «Considerato che il Dirigente del Servizio 7 ha rappresentato la necessità di provvedere all’acquisto di n. 1 poltrona dirigenziale e n. 2 poltrone ospiti modello tipo Oxford, con struttura in legno stagionato, molleggio garantito da cinghie elastiche, imbottitura in poliuretano espanso, rotazione 360°, regolazione altezza seduta; movimento oscillazione e inclinazione dello schienale, rivestimento in pelle, basamento in legno». Quando si dice avere le idee incredibilmente chiare. Il tutto alla modica somma di 4.270 euro. Anche poco, se si pensa alla qualità del prodotto acquistato.

La tv della discordia

E poi c’è la tv, un Oled 48 pollici motorizzato, proveniente direttamente da Roma, da un’azienda che come codice Ateco riporta quello riservato a chi si occupa esclusivamente di «Magazzini di custodia e deposito per conto terzi». Stranezze della vita. Un apparecchio «da destinare all’appartamento Presidenziale sito al piano secondo, ala vecchia, di Palazzo d’Orleans», per cui all’inizio erano stati stanziati 5.600 euro, somma lievitata fino a 6.974 euro un mese dopo, quando però è stato destinato agli «uffici del piano secondo di Palazzo d’Orleans». Forse si saranno accorti che neanche un anno prima, a marzo del 2022, la Regione aveva già acquistato in un colpo solo: «Cinque stufe, due televisori da 55 pollici con supporti su ruote, un video proiettore per le video conferenze dell’On. Presidente e un televisore da destinare all’appartamento dell’On. Presidente». Il tutto per 4.402 euro, quasi 2.600 in meno rispetto a quelli spesi per un unico televisore, oltretutto più piccolo di quelli già in casa.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]