Spaccio droga, condannato neomelodico Niko Pandetta Vendeva cocaina a domicilio con prenotazioni via sms

Colpevole e per questo motivo condannato a sei anni e otto mesi con 30mila euro di multa. Questo il verdetto del giudice monocratico del tribunale di Catania nei confronti del cantante neomelodico Vincenzo Niko Pandetta, nell’ambito del processo di primo grado, con rito abbreviato, scaturito dalloperazione antidroga Double track. Il responso è arrivato nella tarda mattinata di oggi a margine dell’udienza che si è celebrata all’interno dell’aula bunker numero tre di Bicocca. Tra gli imputati il più noto è sicuramente Pandetta, nipote del capomafia ergastolano Turi Cappello. Un passato da galeotto e un presente da cantante neomelodico, capace di collezionare milioni di visualizzazioni su Youtube ma anche di finire spesso sotto i riflettori dell’autorità giudiziaria. 

L’accusa per Pandetta era quella di detenzione e spaccio di sostante stupefacenti, in particolare cocaina e marijuana. Sostanze che, stando alla ricostruzione degli investigatori, avrebbe smerciato quando si trovava agli arresti domiciliari in via Plebiscito. Gli acquirenti avrebbero raggiunto direttamente l’abitazione e le prenotazioni sarebbero state effettuate anche tramite sms. La polvere bianca venduta da Pandetta sarebbe stata di ottima qualità tanto che i magistrati definirono il luogo in cui si trovava agli arresti domiciliari «una tappa obbligatoria all’uscita di locali e ristoranti». «Si tratta di fatti risalenti nel tempo al 2015 e comunque emerse solo da intercettazioni senza alcun riscontro che abbiamo vibratamente contestato – commenta a MeridioNews l’avvocato Massimo Ferrante – Inoltre i fatti sono anche lontani dalla persona del Pandetta di oggi. Inoltre non vengano fatti collegamenti tra questi fatti e la carriera musicale dello stesso. Ricorreremo in appello».

L’ultimo arresto di Pandetta risale a maggio 2017, quando non si è fermato a un controllo dei carabinieri a San Cristoforo. Insieme a lui, in sella a uno scooter senza assicurazione, c’era Orazio Campagna. Dentro al mezzo nascondevano una mitraglietta giocattolo senza il tappo rosso di riconoscimento. Nella sentenza di oggi il giudice Luigi Barone ha disposto anche il divieto di espatrio, la sospensione della podestà genitoriale e il ritiro della patente per un anno, oltre a un periodo di libertà vigilata per un minimo di due anni dopo avere scontato la pena. 

Pandetta a inizio giugno è stato il protagonista di un servizio sul binomio musica neomelodica e mafia all’interno del programma televisivo Realiti, su Rai 2. A novembre, invece, per il cantante inizierà il processo per diffamazione e minacce a MeridioNews. In cui sarà imputato insieme al collega Andrea Zeta, figlio del capomafia Maurizio. Entrambi, dopo un reportage di questa testata, avevano usato i social per sostenere che «la famiglia» fosse stata «offesa» a causa del nostro lavoro. Qualche mese dopo MeridioNews ha raccontato anche di un concerto abusivo in via Cantone, nel quartiere Cibali. Dopo l’articolo la polizia si è presentata nel bar-centro scommesse che lo aveva organizzato sequestrando il locale. Il 26 giugno è stata invece la questura a vietare l’esibizione del cantante a piazza Palestro

Subito dopo la pubblicazione di questo articolo Pandetta, attraverso una diretta Facebook, ha detto la sua riguardo la vicenda che lo vede coinvolto. «Questi pezzi di merda giornalista non si possono fare pubblicità con le disgrazie delle persone. Io ho avuto un processo per procedimento vecchio in cui ero colpevole perché in quel periodo la mia vita era diverso ed ero, tra virgolette, un delinquente. Dico a tutti di non seguire questa strada, oggi sono cambiato ma stanno mettendo tutti i mezzi per distruggermi».  

L’esito del processo:

Capasso Ciro, 7 anni e 30mila euro di multa
Barbera Mattea, 8 anni e 4 mesi
Guglielmino Simone, 15 anni
Troina Francesco, 12 anni e 4 mesi
Beninato Filippo, 10 anni
Di Maggio Giovanni, 9 anni
Boncaldo Ramona, assolta per non avere commesso il fatto
Cacciola Giuseppe, assolto per non avere commesso il fatto
Scrivano Nunzio Davide, 10 anni e 4 mesi
D’Antoni Manuel, 10 anni
Lo Pinto Gabriele, 7 anni e 30mila euro di multa
Tutone Rocco, 7 anni e 30mila euro di multa
Luisi Pietro, 7 anni e 30mila euro di multa
Treccarichi Scauzzo Giuseppe, 8 anni
Santangelo Antonino Ivano, 8 anni
Santonocito Domenico Christian, assolto per non avere commesso il fatto
Lo Faro Angelo Ivan, 2 anni e 5200 euro di multa
Maccarrone Francesco, assolto per non avere commesso il fatto
Ballato Salvatore, 2 anni e 6000 euro di multa
Patanè William, 8 anni
Spampinato Fabio, 8 anni
Spampinato Gianluca, 8 anni
Florio Antonio Davide, 8 anni
Coppola Consolato Salvatore, assolto per non avere commesso il fatto


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]